Nba - Urrà Detroit, New York sempre più giù

I Pistons non hanno pietà dei Knicks ed al Palace of Auburn Hills li sentenziano infliggendogli un doloroso ventello (112-92).

Nba - Urrà Detroit, New York sempre più giù
Nba - Urrà Detroit, New York sempre più giù

DETROIT PISTONS - NEW YORK KNICKS 112-92

Rilevante successo in ottica playoff per i Detroit Pistons che in casa hanno un ruolino di marcia da squadra di vertice, e mietono l'ennesima vittima: i New York Knicks, franchigia però sempre più allo sbando. Gli uomini di Stan Van Gundy ottengono la 33^ vittoria stagionale e pareggiano il record, che attualmente conta lo stesso numero di vittorie e sconfitte in 66 sfide di regular season sin qui disputate. 

La franchigia della "Grande Mela" vive un momento non felice, cupo, che ormai dura da svariate settimane, e la L in Michigan, nella Mo-Town, è la settima sconfitta nelle ultime 10 esibizioni stagionali. Carmelo Anthony e soci durano troppo poco, il 4-7 di inizio partita è l'unico vantaggio ospite, scomparsi immediatamente dopo dal parquet e mai realmente pervenuti per tutta la vita della contesa.

Detroit si serve di un ispirato Tobias Harris per scappare subito via, il quale fattura 23 dei suoi 28 punti (season-high) nel primo tempo (11/21 totale dal campo), e permette ai suoi di entrare subito in controllo del match, prendendo possesso anche del pitturato grazie alla solita massiccia presenza sotto le plance del colosso Andre Drummond (24 punti e 15 rimbalzi). I Knicks sono in balìa degli avversari, anche Jackson e Leuer fanno il loro ed il tabellino alla pausa lunga non ammette repliche e dice +13 Detroit (66-53).

È Carmelo Anthony, fino al momento in ombra, coadiuvato da Rose e Porzingis, a tentare di riportare in linea di galleggiamento gli ospiti. I canestri del trio newyorchese mettono in apprensione il sistema difensivo dei locali, che entrano in confusione e dilapidano una parte del vantaggio: al suono dell'ultima sirena i Pistons sono sempre avanti, ma solo di 8, dopo esser stati a soli 3 punti di svantaggio (81-78) a poco meno di 2' minuti dal termine del terzo quarto. Match riaperto, Detroit vede i fantasmi di una velenosa e sanguinosa sconfitta interna, ma negli ultimi 12' minuti finali è brava, lesta a difendersi dai "rigurgiti offensivi" di New York ed appporre la firma alla vittoria grazie ad un super parziale di 23-11 con cui vincono il quarto quarto e la partita, la settima nelle ultime 10 giocate.

DETROIT PISTONS: Punti: Harris 28, Drummond 24, Jackson 19; Rimbalzi: Drummond 15; Assist: Jackson 8; 

NEW YORK KNICKS: Punti: Porzingis 18, Hernangomez 14, Lee 13, Anthony 13; Rimbalzi: Hernangomez 9; Assist: Lee 5;

 

NBA