NBA - Tyronn Lue tuona: "Le finali tra Cavaliers e Warriors come le passate con Lakers e Celtics"

Dopo Kobe Bryant, anche coach Tyronn Lue rafforza il valore di una possibile finale tra Cavs e Warriors, paragonandola a quelle tra Los Angeles Lakers e Boston Celtics. Andiamo a vedere cosa ha affermato il coach dei Cleveland Cavaliers.

NBA - Tyronn Lue tuona: "Le finali tra Cavaliers e Warriors come le passate con Lakers e Celtics"
NBA - Tyronn Lue tuona: "Le Finali tra Cavaliers e Warriors affascinanti come le passate con Lakers e Celtics"

In questi Playoffs NBA, si sta evidenziando sempre di più lo stra-potere dei Cleveland Cavaliers, nella Eastern Conference, e dei Golden State Warriors, nella Western Conference.

Se per molti "esperti" la grandissima potenza di queste due squadre rappresenta un danno per l'immagine della NBA, per altri invece non può far che bene avere due franchigie così forti nella lega. Ad esprimersi a favore di un possibile terzo atto delle Finals tra Cleveland Cavaliers e Golden State Warriors, oltre a Kobe Bryant, è stato il coach dei Cavs, Tyronn Lue, che ha affermato che un terzo confronto  non possa che far bene al movimento.

Lue ha espresso il suo parere dopo il primo allenamento dei Cavs, post sweep Toronto Raptors. Il coach ha continuato sottolineando come una terza sfida tra Cavs e Warriors non sia di certo un problema, visto che la gente apprezza una rivalità paragonabile a quella tra Boston Celtics e Los Angeles Lakers. Per Lue, la terza sfida tra LeBron James e Stephen Curry all'ultimo atto dei Playoffs NBA porterebbe lo stesso fascino degli avvincenti scontri tra Kobe Bryant e Paul Pierce, e perchè no anche di quelli tra metà e fine anni '80, tra gli Hall of Famer Earvin "Magic" Johnson e Larry "Legend" Bird.

Inoltre, il terzo atto tra le due franchigie che dominano l'NBA di oggi sarebbe reso ancora più ammaliante dalla presenza di volti nuovi nei due roster, come il cecchino infallibile Kyle Korver per i Cavs e la superstar alla disperata ricerca di un anello Kevin Durant per i Warriors.

Kevin Durant e Steph Curry. Fonte Immagine: The Mercury News
Kevin Durant e Steph Curry. Fonte Immagine: The Mercury News

A respingere le voci delle prossime Finals, però, ci ha pensato il lungo di Cleveland Tristan Thompson. Il canadese ha infatti confermato come i suoi compagni siano concentrati solo sulla prossima sfida, che sarà contro la vincente della serie tra Washington Wizards e Boston Celtics, che vede i verdi sul 3-2 nella serie e vicinissimi al ritorno alle finali della Eastern Conference.

Thompson però ha trovato tempo anche per sottolineare come i Warriors stiano giocando con la stessa intensità dei suoi Cleveland Cavaliers e di come le due squadre siano super concentrate nella corsa al titolo. Thompson ha concluso dicendo che sicuramente anche per Cavs e Warriors arriverà la prima sconfitta in questi playoffs, ma il lungo è certo che entrambe le squadre siano pronte ad affrontare qualsiasi avversità.

Lue ha evidenziato come stia guardando tutte le squadre in questa post-season, dalla serie tra San Antonio Spurs e Houston Rockets, alla serie tra Boston Celtics - Washington Wizards, entrambe sul 3-2 e di come stia già cercando soluzioni per qualunque avversario.

LeBron James e Kyle Korver. Fonte Immagine: Cleveland.com
LeBron James e Kyle Korver. Fonte Immagine: Cleveland.com

I NUMERI - Sia i Cleveland Cavaliers che i Golden State Warriors sono già alle finali di Conference, e ci sono arrivati in modo molto agevole, con i Cavs che hanno spazzato via prima gli Indiana Pacers poi i Toronto Raptors, mentre i Warriors sono riusciti a dare un sonoro 4-0 prima ai Portland Trail Blazers di Damian Lillard e poi agli Utah Jazz di Gordon Hayward. Quindi entrambe le squadre adesso hanno un record di otto vittorie e zero sconfitte in questi Playoffs. L'unica differenza tra le due franchigie in questa post-season è il margine di punti per vittoria. Infatti i Californiani ad ogni vittoria hanno dato di scarto all'avversario 16.5 punti di media, numeri da capogiro. I Cleveland Cavaliers invece si sono limitati a 9.0 punti di scarto per vittoria.

Numeri che dimostrano quindi il vero dominio nelle rispettive conference per queste due franchigie, che ancora una volta sono le principali indiziate per accedere alle Finals della NBA.

NBA