NBA - Iguodala tra rinnovo con i Warriors e Free Agency

L'ala dei Warriors, tassello fondamentale per le gerarchie e per l'ordine tattico di coach Steve Kerr, sembra propendere per il rinnovo con Golden State, ma si guarderà attorno il primo luglio quando inizierà la Free Agency: sulle sue tracce Atlanta Hawks, Chicago Bulls, LA Clippers, Minnesota Timberwolves e Utah Jazz.

NBA - Iguodala tra rinnovo con i Warriors e Free Agency
NBA - Iguodala tra rinnovo con i Warriors e Free Agency

Da una parte la Free Agency, dall'altra il rinnovo con i Golden State Warriors. Da una parte i soldi, tanti soldi, che a trentatré anni di certo non potrebbero dispiacere, dall'altra la gloria, il prestigio, la possibilità - sempre più concreta - di far parte di una vera e propria dinastia che verosimilmente nel prossimo anno continuerà a lottare per il Larry O'Brien Trophy. Decisione difficile, molto ma molto difficile se ce n'è una, quella che Andre Iguodala è chiamato a prendere nei prossimi giorni, quelli che separano lui ed il suo entourage dal primo luglio, quando inizierà ufficialmente la Free Agency della NBA. 

Dopo tredici lunghissimi anni di militanza nella NBA, l'ala dei Warriors neo campione del mondo, si guarda attorno, valutando il da farsi per il futuro: su una riva del fiume quattro, forse cinque squadre - Atlanta Hawks, Chicago Bulls, LA Clippers, Minnesota Timberwolves e Utah Jazz (secondo Shams Charania di The Vertical) - pronte ad offrire un lauto ingaggio all'ex Nuggets, tra i diciotto ed i venti milioni di dollari per più anni; sull'altra sponda, invece, Steve Kerr ed i Golden State Warriors, intenzionati a rinnovare gran parte del nucleo che ha portato in festa Oakland nei giorni scorsi.

L'ala di Springfield è, necessariamente, uno di quei tasselli dai quali ripartire: troppa la sua importanza nelle gerarchie e nelle rotazioni offensive, ma soprattutto difensive, per coach Kerr, che difficilmente nei momenti cruciali delle partite più importanti ha fatto a meno del suo jolly, spesso in marcatura - tra le altre cose - su LeBron James. Da tempo la dirigenza di Golden State ha iniziato ad intavolare i discorsi relativi al rinnovo di Iggy, ben conscia che, qualora dovesse rinnovare gran parte del roster attuale, si ritroverebbe a pagare una luxury tax non da poco. Pizzico che comunque Joe Lacob sembra intenzionato a darsi sulla pancia per tenere a bordo (anche) uno degli artefici principali dei due titoli conquistati in queste tre stagioni - senza dimenticare il titolo di MVP delle Finals tre stagioni or sono.