NBA Summer League, Las Vegas - Kuzma e le triple dei Lakers mandano al tappeto Portland

Nonostante l'assenza di Lonzo Ball - nominato comunque MVP dell'evento - in finale trionfano i Los Angeles Lakers, trascinati dalle triple di Kyle Kuzma, trenta a referto, e Thomas, autore di un clamoroso 5/5. Equilibrio nei primi due quarti, poi i gialloviola mettono la freccia e scappano nel punteggio.

NBA Summer League, Las Vegas - Kuzma e le triple dei Lakers mandano al tappeto Portland
NBA Summer League, Las Vegas - Kuzma e le triple dei Lakers mandano al tappeto Portland

C'è un motivo per sorridere ad Hollywood. Anzi, forse più di uno. I Los Angeles Lakers si aggiudicano la Summer League edizione 2017, facendo inoltre incetta di premi personali (Ball premiato MVP della manifestazione, Kuzma della finale). La finale di Las Vegas viene dominata in lungo ed in largo da un sempre più sorprendente Kyle Kuzma, autore di 30 punti e 10 rimbalzi, coadiuvato al meglio da Thomas, autore di un clamoroso 5/5 da tre punti. Ciò che sorprende è la capacità di correre e di mantenere percentuali di tiro altissime da oltre l'arco dei gialloviola allenati da Buechler, i quali nonostante l'assenza di Lonzo Ball portano a casa il trofeo dando la spallata definitiva al match contro i Portland Trail Blazers nella ripresa. 

Sono tuttavia due missili di Gutierrez ad inaugurare la sfida, aperta da un parziale di 10-3 per i Blazers. Caruso prova a fare le veci di Ball in cabina di regia, ma è Kuzma, con Blue e Thomas ad alternarsi al suo fianco, a far rientrare in partita e nel punteggio i gialloviola. I ritmi sono da subito forsennati, le difese lasciano spazio agli attacchi e, grazie alla tripla di Johnson ed alla schiacciata di Cleveland, Portland chiude avanti il primo quarto (30-27).

La sfida sotto le plance, con Zubac protagonista - Foto Los Angeles Lakers
La sfida sotto le plance, con Zubac che stoppa Swanigan - Foto Los Angeles Lakers

Le triple dei Lakers, di Kuzma e Thomas su tutti, iniziano a farla da padrone fin dal principio del secondo quarto, anche se Zubac sotto le plance soffre tremendamente Stokes e Swanigan. Quest'ultimo si mette a lavoro a metà secondo quarto, provando a trascinare i suoi verso l'allungo - massimo vantaggio sul più 8 43-35 - ma Thomas, Blue e Zubac cuciono lo strappo poco prima dell'intervallo, mandando al riposo i Lakers sul -1. 

I ritmi si abbassano ad inizio ripresa, con le bocche da fuoco di entrambe le squadre che si prendono qualche minuto di relax. L'equilibrio non si schioda fino al crepuscolo del terzo quarto, quando altre due triple di Kuzma rischiano di mandare al tappeto i Blazers: soprattutto l'ultima, allo scadere del tempo, rende vani gli sforzi per tenere a contatto Portland di Stokes ed Hunter. Alla penultima sirena i Lakers sono avanti di cinque, ma l'inerzia è definitivamente passata nelle mani degli uomini di Buechler. 

Il Buzzer Beater di Kuzma a fine terzo quarto - Foto Los Angeles Lakers
Il Buzzer Beater di Kuzma a fine terzo quarto - Foto Los Angeles Lakers

La bomba dello 0 infonde fiducia ai Lakers e taglia le gambe a Portland. Il gioco da tre punti firmato da Caruso in apertura di quarto periodo spacca ulteriormente in due la contesa, con l'attacco dei Blazers che non riesce più a trovare fluidità e soluzioni. Di contro, invece, Thomas è inarrestabile da oltre l'arco e, la sua tripla, unita al canestro di Zubac, valgono l'allungo definitivo sul più 13 (92-79). Layman, con due triple di fila, prova a riavvicinare i suoi, ma il tentativo risulta vano, con i Lakers, che controllano il vantaggio fino alla sirena conclusiva. E' la quinta tripla di Thomas a dare il là ai festeggiamenti in casa gialloviola. 

I tabellini 


Share on Facebook