Fellaini e Mertens stendono l'Algeria, 2-1 Belgio in rimonta

Debutto vincente per il Belgio che con qualche sofferenza di troppo ha battuto l'Algeria 2-1 in rimonta nella prima gara del GIRONE H. La squadra di Wilmots dopo essere passata in svantaggio con il rigore trasformato da Feghouli ha segnato due gol nella ripresa con i subentrati Fellaini e Mertens.

Fellaini e Mertens stendono l'Algeria, 2-1 Belgio in rimonta
Marouane Fellaini e Mertens (Belgio).
Belgio
2 1
Algeria
Belgio: Courtois; Alderweireld, Van Buyten, Kompany, Vertonghen; Witsel, Dembele (Fellaini, min 65); Chadli (Mertens, min. 46), De Buryne, Hazard; Lukaku (Origi, min. 58).
Algeria : Mbolhi; Ghoulam, Halliche, Bougherra, Mostefa; Bentaleb, Medjani (Ghilas, min. 74), Taider; Mahrez (Lacen, min. 71), Feghouli; Soudani (Slimani, min. 66).
SCORE: 0-1, min. 25, rigore Feghouli. 1-1, min. 70. Fellaini. 2-1, min. 80, Mertens.
ARBITRO: Marco Rodriguez (MEX) Ammonisce Vertonghen (min. 24), Bentaleb (min. 34).
NOTE: La partita è stata disputata presso il Mineirão di Belo Horizonte. Capienza di 62.160 spettatori.

I ragazzi terribili del Belgio ci hanno messo 45 minuti ma alla fine hanno dimostrato di poter dire tanto in questo Mondiale. I Belgian Red Devils infatti hanno faticato più del previsto al debutto ma grazie ai cambi del ct Wilmtos, bravo a trovare le soluzioni giuste al momento giusto, hanno battuto 2-1 l'Algeria in rimonta.

L'inizio è di quelli che non ti aspetti: il Belgio con Lukaku unica punta, Chadli e Dembele preferiti a Mertens e Fellaini è impalpabile e complice l'emozione per il debutto, soffre moltissimo il pressing dell'Algeria, che conquista palla e riparte con il velocissimo Mahrez che al 18' prova anche il tiro ma Courtois lo guarda tranquillo scivolare fuori. Witsel dall'altra parte spaventa il portiere Mbolhi bravo a respingere il tiro ma dopo due minuti l'Algeria conquista un calcio di rigore per la spinta in area di Vertonghen su Feghouli che si presenta sul dischetto e non sbaglia. Gli algerini passano così in vantaggio ma la reazione del Belgio fatica ad arrivare se non grazie a qualche tiro di Witsel, che al 34' impegna ancora Mbolhi ma alla fine del primo tempo si va al riposo sull'1-0 per la squadra di Halilhodzic.

La ripresa si apre all'insegna di Mertens, primo cambio di Wilmots che lo butta subito nella mischia al posto di uno spentissimo Chadli. E le cose cambiano subito, perché il passo del napoletano è di un altro pianeta e al 50' salta due avversari mette un pallone in mezzo ma il portiere algerino non corre rischi e lo fa suo. Pochi minuti dopo escono anche un deludente Lukaku e Dembele per Origi e Fellaini e il centrocampista dello United diventa l'eroe della gara. Un minuto dopo il suo ingresso in campo serve a Vertonghen una gran palla, ma il difensore del Tottenham la spedisce in curva.

Allora Fellaini decide di avanzare e sul cross di De Bruyne al 70' è impeccabile nel colpire il pallone con la nuca e segnare il pareggio del Belgio. Partita riaperta, equilibri spostati, i rossi d'Europa vanno alla ricerca del gol partita che puntuale arriva: contropiede del Belgio, Hazard serve Mertens sulla destra e il giocatore del Napoli entra in area e trafigge l'Algeria. Rimonta completata, Fellaini vorrebbe la doppietta ma il suo secondo colpo di testa viene neutralizzato da Mbolhi. La gara termina 2-1, l'Algeria esce sconfitta ma senza grandi demeriti, il Belgio ha superato il primo test e Wilmots ha probabilmente capito che Mertens e Fellaini è meglio non lasciarli in panchina. Ora palla a Russia-Corea del Sud.  

Calcio Internazionale