Live Italia - Costa Rica, Mondiali 2014 in diretta

Live Italia - Costa Rica, Mondiali 2014 in diretta
ITALIA
0 1
COSTA RICA
ITALIA: Buffon (c), Chiellini, Darmian, Motta, Candreva, Abate, Marchisio, Balotelli, Barzagli, De Rossi, Pirlo
COSTA RICA: Navas; Gamboa, Duarte, Gonzalez, Umana, Diaz; Ruiz, Borges, Tejeda, Bolanos; Campbell.

Italia- Uruguay chi vince passa, sarà una grande partita. Per questa sera è tutto, ma potete seguire con noi dalle 21:00 Svizzera-Francia. Vi ringrazio per averci tenuto compagnia, buona continuazione di serata da Arianna Radice e da tutta la Redazione di Vavel Italia

FINITA, L'ITALIA INCRENDIBILMENTE PERDE 1-0 CONTRO LA COSTA RICA. Sono stati più bravi di noi,hanno sfruttato le occasioni che hanno avuto e hanno concesso pochissime azioni da gol. Hanno avuto coraggio nel gestire la palla, non hanno concesso ai nostri di creare il gioco. Nel secondo tempo gli azzurri sono calati fisicamente. 

4' MINUTI DI RECUPERO

88' Ancora azzurri in fuorigioco, stavolta con Cerci, e siamo a quota 11

86' Costa Rica quando può perde tempo,

82' Insigne con la mezza girata la tira in tribuna

81' Altro passaggio sbagliato

80' Cassano fino ad ora, prova negativa

77' Prandelli molto agitato

74' Fuorigioco di Cerci

72' Ammonito CUBERO 

71' Altro passaggio sbagliato, questa volta con Darmian. Ora l' Italia è in confusione totale.

70' Cassano sbaglia nuovamente un passaggio

69' Esce Marchisio prova opaca la sua, ed entra cerci

68 Giallo per Balotelli che in aerea strattona un difensore della costa rica

63' Tiro innocuo di Cassano, comoda presa per Navas

62' La Costa Rica sta perdendo molto tempoe anche Prandelli se ne è accorto e si sta lamentando con il quarto uomo. 4-4-2 per L'Italia

58' Altra leggerezza di Chiellini, Campbell non ne sa approfittare per fortuna

56' Esce Candreva, partita non brillante oggi, ed entra Insigne

54' Destro da fuori di Borges, Buffon tranquillo in due tempi

52' Pirlo ci prova, centrale, navas respinge

51' fallo su Cassano, punizione

49' Darmian ci prova, bel destro, ma Navas respinge e la mette in calcio d'angolo

47' Gonzales butta giù in aerea Mario Balotelli che non prende neanche la palla, era rigore, non facile da vedere, ma c'era

46' Calcio d' angolo per gli azzurri

45' E' entrato Cassano per Thiago Motta

finisce il primo tempo e la Costa Rica è in vantaggio per 1-0 sul finire dei 45 minuti. Costa Rica in questo momento è in testa al girone, l' Italia deve reagire

44' VANTAGGIO DELLA COSTA RICA, CROSS DI DIAZ PER RUIZ E INSACCA L'UNO A ZERO Buffon esita e non esce, Chiellini si perde Ruiz che di testa ci punisce

43' Chiellini perde palla, Campbell da solo salta Barzagli che lo tocca sembrava rigore, ma attendiamo il replay

41' Palla gol per la Costa Rica con Duarte

36' Bolanos cerca la porta col destro, Buffon respinge

34' Fallo duro su De Rossi che rimane a terra

32' Seconda palla gol per Balotelli ,ma questa volta calcia bene e trova Navas a dirgli di no. Ora l' Italia ha incominciato a giocare

30' PALLA GOL PER MARIO BALOTELLI, CHE SBAGLIA IL PRIMO E IL SECONDO CONTROLLO PER SCAVALCARE IL PORTIERE servito da uno splendido passaggio di Pirlo. Azione della partita, per fare male al Costa Rica bisogna puntare sulla profondità

29' Pressing molto della Costa Rica, contrasto duro su Mario Balotelli ma  regolare

26' Tiraccio di Thiago Motta 

23' Balotelli viene chiuso bene da Gonzales che gli ruba palla e l' azzurro commette fallo. Oggi SuperMario è teso

20' Pallonata in faccia per Chiellini sul cross di Duarte. Lo juventino si alza subito

18' Anche su questo calcio d'angolo l' Italia rimane ad osservare, in questi primi minuti non stiamo giocando

16' Fatichiamo a creare il gioco

15' Marchisio regala un calcio d' angolo per gli avversari sbagliando il pasaggio all'indietro per Buffon

14' Fuorigioco per Abate, per il momento, il giocatore rossonero non ha iniziato benissimo 

12' Attenta la difesa del Costa Rica, il pallone per Balotelli non filtra

11' La temperatura si sta alzando, fallo di mano a centro campo di un giocatore della Costa Rica

8' Fallo di Mario Balotelli che spinge via il suo avversario in aera di rigore

7' Palla gol per Borges anticipando Buffon sul primo calcio d'angolo, attenzione a queste giocate

6' Fallo molto duro su Marchisio ma DUARTE non viene ammonito

4' Fallo di Abte du Diaz che è partito in ritardo ed è stato costretto a comettere fallo

3' Balotelli anticipato

2' L'italia abbastanza bloccata merito della Costa Rica che pressa molto alto

1' Iniziamo con il primo pallone!

17:56 Inno di Mameli

17:51 Volti concentrati aspettano di entrare in campo, tra i più tesi Barzagli

17:44 Totó Schillaci è presente all'Arena Pernambuco di Recife

17:40 I giocatori stanno rientrando in spogliatoi

 17:35 Lentamente lo stadio si sta riprendo, intanto gli azzurri sono in questo momento in campo per il riscaldamento finale

17:30 Mancano solo 30 minuti all' inizio del match, ecco invece i tifosi del Costa Rica recarsi allo stadio.. sicuramente non passano insosservati 

17:15 I tifosi italiani che si stanno recando allo stadio..nuvole all'orizonte, arriverà la pioggia?

17:09 Le formazioni ufficiali che tra poco meno di un ora scenderanno in campo:

Costa Rica: Navas, Gonzalez, Umana, Borges, Duarte, Bolanos, Campbell, Ruiz (c), Diaz, Gamboa, Tejeda

Italia: Buffon (c), Chiellini, Darmian, Motta, Candreva, Abate, Marchisio, Balotelli, Barzagli, De Rossi, Pirlo

17:00  l'ex interista Julio Cesar, portiere della nazionale brasiliana dal futuro incerto (non sa se rimarrà a Toronto o tornerà a Londra nel Qpr), risponde a una domanda su chi sia migliore fra il suo compagno di nazionale e Supermario con cui giocò in nerazzurro: "Ho avuto l'opportunità di giocare con Mario Balotelli nell'Inter. Era un ragazzo di 17 anni, è stato con noi, poi è andato in Inghilterra ed è tornato in Italia più maturo. Però Neymar è diverso, è già fra i tre migliori giocatori del mondo. Lo dico perchè vedo ciò che fa in allenamento. Se dovessi scegliere uno fra loro due, prenderei sicuramente Neymar: è più completo".

16:50 "E oggi è un altro grande giorno! "- a poche ore dalla gara con il Costarica, Mario Balotelli dà la carica agli azzurri da un social network. "Tutti insieme - scrive l'attaccante - mettiamocela tutta e proviamoci in questa grande impresa calcistica!". E un messaggio arriva anche dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, con delega allo Sport, Graziano Delrio, a Recife per la partita: "Si parte con gli azzurri per lo stadio. Maglietta azzurra sotto la giacca. E soprattutto nel cuore".

16:40 Giocherà anche Thiago Motta dal primo minuto, un mediano decisamente più tattico e difensivo di Verratti per dà maggior peso tattico agli azzurri.

16:20 La nazionale italiana è appena arrivata allo stadio, Pernambuco

16:14 Buffon e Barzagli partiranno da titolari, durante la riunione tecnica il ct azzurro ha sciolto gli ultimi dubbi, i due giocatori juventini partiranno dal primo minuto.  

16:00 - Fino a questo momento l’Italia di Cesare Prandelli si è comportata in maniera impeccabile. Vittoria all’esordio contro l’Inghilterra che ha permesso di lavorare con più serenità in vista della sfida odierna contro la Costa RicaItalia che  affronterà i centroamericani all'Arena Pernambuco di Recife. Lì dove gli azzurri un anno fa affrontarono il Giappone in Confederations Cup in un clima rovente e con un finale mozzafiato: pirotecnico 4-3. La speranza per Prandelli è che l'epilogo sia lo stesso, ma con uno sforzo minore. Risparmiare energie in vista del prosieguo del cammino iridato può essere una delle chiavi del successo, visti gli impegni ravvicinati e le condizioni atmosferiche che potrebbero giocare un ruolo fondamentale a lungo andare.

15:50 - "Non mi interessa essere una star, io voglio vincere il Mondiale" - Ha le idee chiare Mario Balotelli che, a poche ore dal delicatissimo match di Recife contro la Costa Rica, ha rilanciato le ambizioni dell'Italia e ha confessato di pensare in grande: "Questa è la competizione più importante che esista - ha aggiunto Super Mario -. Per me vale più di un Pallone d'oro e, ovviamente, di una Champions o di uno scudetto. Chi può arrivare in finale? L'importante è che ci arriviamo noi". Intanto Prandelli non ha ancora certezze sulla formazione che scenderà in campo a Recife. In conferenza stampa ieri l'allenatore azzurro non ha svelato le sue carte: "Buffon e Barzagli? Ci sono ancora dei piccoli dubbi, decideremo solo domani". Tutto in stand-by quindi, nonostante i progressi dei due giocatori: "Gigi ha fatto tre ottimi allenamenti, la caviglia ha ancora un lieve gonfiore, se reagisce bene all'allenamento ci sarà". E sul difensore: "Dopo i problemi di ieri oggi sta meglio, ma valuteremo domattina".

15:40 - L' Italia al gran completo- gli Azzurri hanno sostenuto l'allenamento di rifinitura all'Arena Pernambuco, che ospiterà il confronto di domani con i Ticos centroamericani. ', l'Italia è scesa in campo con l'organico al completo. C'è anche Andrea Barzagli che ieri aveva saltato l'allenamento di Mangaratiba per effettuare una seduta di terapia conservativa. Presenti anche Gigi Buffon e Mattia De Sciglio, a disposizione per il match con la Tricolor. Il primo a saggiare il terreno di gioco dell’Arena Pernambuco è stato proprio Cesare Prandelli con il suo staff, il Ct ha subito riunito la squadra davanti alla panchina per il classico discorso motivazionale ma gli azzurri sanno bene che battere la sorpresa- Costa Rica che al debutto ha bastonato il titolato Uruguay di Edinson Cavani, Cristian Rodríguez e Luis Suárez (che se la deve vedere con l’Inghilterra ferita a morte da Marchisio e Balotelli) significa ottenere il pass per gli ottavi di finale senza attendere  la sfida proprio con la Celeste.

15:35 - La seduta, durata circa 40 minuti, è iniziata con una fase di stretching e riscaldamento a terra per i giocatori di movimento, riscaldamento classico per i tre portieri. Il capitano Buffon è apparso pienamente recuperato, pertanto salgono sempre di più le quotazioni in vista di un suo impiego contro la Selección  di Jorge Luis Pinto. Il gruppo ha poi effettuato una serie di giri di campo, per lavorare infine in  modo leggero con il pallone producendosi nel classico torello.

15:30 - Probabili formazioni- Per la seconda gara dell’avventura annunciate novità in formazione. Buffon, che negli ultimi due allenamenti ha regolarmente lavorato sul campo con i portieri dimostrando di aver recuperato dall’infortunio alla caviglia che gli aveva fatto saltare il match del debutto, dovrebbe tornare tra i pali con Sirigu destinato al rientro in panchina dopo l’ottima gara disputata contro gli inglesi.In difesa altre due novità. Barzagli, che ieri ha iniziato l’allenamento in campo per poi dedicarsi alle solite terapie conservative, potrebbe restare fuori. Non sarà della partita neanche Paletta che contro gli inglesi non ha convinto. Quindi coppia centrale del tutto nuova con l’inserimento di Bonucci e il ritorno di Chiellini, che a Manaus aveva fatto il terzino sinistro, in mezzo. Una novità anche a centrocampo: fuori Verratti, gioca Thiago Motta. Da interno, al fianco di Pirlo, come ha fatto nel finale contro l'Inghilterra. Confermati De Rossi, nel nuovo ruolo di baluardo davanti alla difesa, Marchisio e Candreva come esterni e Balotelli unica punta. 

15:25 - Un girone incerto-  Per il passaggio del turno dovrà necessariamente attendere l’incontro con l’Uruguay. La vittoria della Celeste contro l’Inghilterra crea una situazione di grande incertezza nel girone degli Azzurri e persino gli inglesi, nonostante le due sconfitte rimediate finora, possono ancora sperare.Questi gli scenari possibili:   L’Italia batte Costa Rica Azzurri a quota 6, Costa Rica e Uruguay a quota 3, Inghilterra a zero punti. Per passare il turno gli azzurri hanno almeno bisogno di un pareggio con l’Uruguay oppure devono sperare che all’ultimo turno Costa Rica non batta gli inglesi. In caso di sconfitta degli uomini di Prandelli con l’Uruguay e di contemporanea vittoria di Costa Rica con l’Inghilterra, ci sarebbero tre squadre a 6 punti e si guarderebbe – nell’ordine - alla differenza reti, al maggior numero di reti segnate, alla classifica avulsa, alla differenza reti negli scontri diretti, al numero di reti segnate negli scontri diretti. In caso di ulteriore parità si andrebbe al sorteggio.

15:21 - In caso di vittoria dell’Italia sull’Uruguay e di contemporaneo successo dell’Inghilterra con Costa Rica, gli inglesi andrebbero a 3 punti con Uruguay e Costa Rica e potrebbero ancora qualificarsi. L’Italia pareggia con Costa Rica Azzurri e Costa Rica a quota 4, Uruguay a quota 3, Inghilterra a zero punti.  Per passare il turno gli Azzurri hanno bisogno almeno di un pareggio con l’Uruguay. Se l’Italia perde con l’Uruguay, passa solo se l’Inghilterra batte Costa Rica e la differenza reti rispetto alla formazione centroamericana – o uno degli altri parametri a seguire in caso di parità - è favorevole. In ogni caso l’Inghilterra è eliminata. L’Italia perde con  Costa Rica a quota 6, Azzurri e Uruguay a quota 3, Inghilterra a quota 0. Per passare il turno l’Italia deve battere l’Uruguay. In caso di pareggio con l’Uruguay, entrano in gioco la differenza reti e, a scalare, tutti gli altri fattori presi in considerazione dal regolamento. L’Inghilterra è eliminata 

15:20 - Alla scoperta della Costa Rica - Doveva essere la quarta forza del girone, ma aver battuto l’Uruguay ne fa un avversario temibile. Attualmente è la prima del girone a pari punteggio con l’Italia avendo segnato un gol in più degli azzurri, nelle partite che le due squadre hanno vinto. 

Allenatore - L' allenatore è il colombiano Jorge Luis Pinto. Allena la nazionale costaricana dal 2011 per la seconda volta dopo una parentesi sulla panchina della Colombia. Come allenatore di club ha vinto per 3 volte il campionato del Perù e quello del Costa Rica, per una quello colombiano. Ha un sito ufficiale. Optano per un 5-4-1. Cinque difensori e un attaccante solo più avanti di tutti. Esattamente la stessa formazione che ha battuto l’Uruguay.  

15:15 - Le Stelle di questa nazionale? Una su tutte: Joel Campbell. Appena 21 per questo attaccante dell'Olympiacos Pireo in prestito dall'Arsenal. E ancora l’attaccante Bryan Ruiz, il centrocampista Christian Bolanos e il portiere Keylor Navas.

 

15:00 - A spingere la Nazionale un gruppo coeso. Ben sei giocatori provengono dal Deportivo Saprissa, campione in patria. Navas, Umana, Duarte, Tejeda, Borges, Bolano, senza considerare Saborio e Campbell cresciuti calcisticamente a San José. L' allenatore,Luis Pinto, ha l'aria sicura di sé: "Dell'Italia sappiamo tutto. Anche come possiamo sorprenderli. Ho una squadra fiduciosa, ottimista, serena, perciò penso sia possibile andare avanti, oltre il girone dico. Beh, noi dell'Italia sappiamo tutto, so che Candreva e De Rossi, per esempio, sono gli altri cardini del loro gioco: gente molto in forma. Ma credo che anche Prandelli abbia studiato tutto di noi. E se Balotelli sostiene di non conoscerci, beh mi auguro che si ricordi a lungo di noi dopo averci incontrato". La Costa Rica nella gara d’esordio contro l’Uruguay ha sorpreso praticamente tutti. Gli azzurri dovranno fare molta attenzione soprattutto al giovane Campbell che ha fatto il bello e cattivo tempo contro la Celeste. Questi gli undici del Costa Rica che dovrebbero scendere in campo a Recife: Navas; Gamboa, Acosta, Gonzalez, Umana, Diaz; Ruiz, Borges, Tejeda, Bolanos; Campbell.

15:30 - La Costa Rica, il paese più felice al mondo-. Secondo due recenti studi internazionali, il paese centramericano è lo Stato più felice al mondo.  Dal 1949, anno in cui è finita la guerra civile, la Costa Rica ha abolito l’esercito destinando le spese militari ad altri settori pubblici per cercare di colmare le differenze di benessere tra la popolazione, che esistono e resistono. Non bastano i circa 10mila dollari di reddito pro-capite (dati 2012) per rimpicciolire ‘Pura vida!’, il motto più usato nelle strade e nei locali della Costa Rica. La sua origine è incerta, ma il significato è inequivocabile: va tutto bene, non abbiamo pensieri. Come succede in campo ai 23 del ct Luis Pinto, domani avversari dell’Italia. Arrivati in Brasile  per un Mondiale da vivere senza preoccupazioni né eccessi. Vogliono vogliono fare sul serio e ci hanno sempre creduto, è il resto del mondo che non li ha dipinti come avversari credibili. 

15:15 - Alla scoperta di Recife- Recife, capitale dello stato del Pernambuco, nord-est del Brasile.Dal punto di vista geografico, Recife si trova un pelo sotto la linea dell’equatore. Ciò significa che anche d’inverno la temperatura scende raramente sotto i venti gradi. Ma sono le precipitazioni la vera incognita. La Coppa del mondo si gioca nel bel mezzo della stagione delle piogge. Per il resto, situazione simile a quella di Manaus: tanto caldo e tanta umidità. L’Italia di Prandelli affronterà la Costa Rica . La temperatura è di 29 gradi, il cielo parzialmente nuvoloso. Nei giorni scorsi l'Italia aveva sollecitato la Fifa ad adottare i time out per la partita di domani, in considerazione delle condizioni climatiche. L'Arena Pernambuco, denominata proprio come lo stato  del Brasile in cui sorge, è stata costruita a Recife per la Confederations Cup del 2013 e per i Mondiali che stiamo vivendo in questi giorni. Stadio di ultima generazione, può ospitare 46000 spettatori per gli incontri di calcio e arrivare ad una capienza di circa 60000 persone per concerti ed eventi che permettano l'utilizzo del prato per gli spettatori. E' un gioiello tecnologico che saprà cavarsela bene anche dopo la Coppa del mondo: potrà ospitare spettacoli, fiere, convegni e appuntamenti sportivi. Ma prima c’è Italia contro Costa Rica.

   

15:05 - Curiosità in cifre- L’unico precedente tra Italia e Costarica e’ dato da un’amichevole datata 11 giugno 1994, vinta 1-0 dagli azzurri a New Haven (Stati Uniti), con rete di Beppe Signori al 65′. L’Italia conta 7 precedenti contro selezioni centro-americane, o comunque appartenenti alla Confederazione Concacaf, ai Mondiali: in bilancio 4 vittorie azzurre e 3 pareggi. In queste 7 gare azzurri sempre in rete, per un totale di 18 marcature. Nei 6 precedenti ai Mondiali tra Costa Rica e selezioni europee, il bilancio vede 2 vittorie dei centro-americani (entrambe ad Italia ’90, 1-0 sulla Scozia e 2-1 sulla Svezia), 1 pareggio e 3 sconfitte, con la nazionale costaricense pero’ sempre in gol, 8 reti totali. Le nazionali di Italia e Costarica contano altri 2 precedenti in tornei ufficiali, negli anni ’80: il 2 agosto 1984, alle Olimpiadi di Los Angeles, l’Italia perse 0-1 da Costa Rica nei gironi, con rete decisiva di Rivers. Nel 1985 rivincita azzurra al Mondiale Under 17, lo stesso giorno 2 agosto, 2-0 con reti di Caverzan e Bresciani.

15:00 - L’ARBITRO – Enrique Osses e’ nato il 26 maggio 1974 ed e’ internazionale dal 2005. Decimo fischietto cileno nella storia dei Mondiali, e’ alla seconda presenza a Brasile 2014 dopo Costa d’Avorio-Giappone 2-1 e diventa da record tra i direttori di gara del proprio paese: con 2 partite ai Mondiali eguaglia i vecchi primati di Silva Arce (1 direzione nel 1986 ed 1 nel 1990), Sanchez Yanten (2 nel 1998) e Pozo (2 nel 2006). Osses conta un precedente con entrambe le nazionali maggiori: azzurri vittoriosi 2-1 sul Messico nella Confederations 2013, Costarica sconfitta 0-1 dalla Colombia nella coppa America 2011. E’ la prima volta che un arbitro cileno dirige ai Mondiali sia l’Italia, che Costa Rica.

Calcio Internazionale