Odemwingie: "Non c'è modo migliore per tornare a giocare in una Coppa del Mondo"

La Nigeria batte 1-0 la Bosnia all'Arena Pantanal di Cuiabà. Keshi può finalmente essere soddisfatto dei suoi, d'altra parte. anche Susic si congratula con i nigeriani e definisce la partita "esattamente come si immaginava".

Odemwingie: "Non c'è modo migliore per tornare a giocare in una Coppa del Mondo"
Keshi, ct della Nigeria

Dopo la vittoria contro la Bosnia, il ct della Nigeria, Keshi, non perde l'occasione per onorare la sua squadra che finalmente si è ripresa dopo il deludente pareggio. Nel fatidico match "del riscatto" i nigeriani hanno dato il meglio di sè. L'allenatore si proietta subito verso la sfida decisiva contro l'Argentina, l'ultimo ostacolo per gli ottavi di finale.

"Ognuno è felice in Africa occidentale; il Ghana ha ottenuto il suo risultato e noi abbiamo vinto. È buono per il continente. La grinta che abbiamo mostrato è stata buona. Ho i giocatori. Ma guardate l'Iran oggi, se non fosse stato per Lionel Messi... Dobbiamo lavorare sodo per la partita contro l'Argentina."

Il ct della Bosnia invece lascia trasparire quella tristezza che solo chi è stato eliminato da una competizione così importante e così desiderata può capire. Loda i nigeriani che sono stati capaci di far meglio di loro. Per i bosniaci è stato comunque un passo importante poter giocare questi mondiali per la prima volta, un evento che forse tra 4 potrà replicarsi.

"La partita si è svolta esattamente come mi immaginavo. E' stata una partita aperta, due squadre che volevano vincere, un sacco di possibilità per entrambe. Abbiamo avuto un sacco di occasioni. Avevano un punto e ha ottenuto questo obiettivo. Posso solo congratularmi con loro. Sapevamo che sarebbe stata dura ma ci hanno sorpreso con la loro velocità, il loro movimento. Hanno giocato un calcio offensivo, volevano realmente vincere. Ora sono al secondo posto nel gruppo con grandi possibilità di progresso"

Anche Odemwingie ha parlato ai microfoni esprimendo la sua gioia che il suo goal decisivo gli ha procurato. 

"L'obiettivo significa molto per me. Ma la vittoria è arrivato da 90 minuti di concentrazione e impegno dai miei compagni di squadra. La cosa più importante oggi era il carattere. Io non conosco nessuno che non ama questo paese. Giocare per la mia patria è un onore e un piacere. Quale modo migliore per tornare a giocare in una Coppa del Mondo. Essere di nuovo con i miei amici mi ha reso felice. Non mi aspettavo di tornare e segnare un goal in una gara così importante, ma sono molto felice."


Share on Facebook