Mondiali U20, girone C: en-plein del Portogallo ma la Colombia rimane seconda

Il Senegal vince in rimonta contro il Qatar ma il 2-1 non basta per superare la Colombia al secondo posto: ora bisogna aspettare gli altri risultati. I Cafeteros perdono 1-3 con il Portogallo di Andrè Silva (altri due gol) ma mantengono la seconda piazza in virtù della migliore differenza reti. Per i sudamericani ci saranno gli USA agli ottavi mentre il Portogallo se la vedrà con la Nuova Zelanda o con la terza del Gruppo F

Mondiali U20, girone C: en-plein del Portogallo ma la Colombia rimane seconda
Mondiali U20: Nuno Santos esulta dopo il gol su punizione. Foto di FIFA.com

Girone C:

Senegal - Qatar 2-1
(Afif; Alhassan Sylla, Moussa Koné)

E' bastato un tardivo sussulto nel secondo tempo al Senegal per avere la meglio del Qatar nell'ultima gara della fase a gironi del Gruppo C che ha, fra l'altro, anche dato la certezza alla Nuova Zelanda di accedere agli ottavi. Gli africani puntavano ad agguantare il secondo posto in mano alla Colombia e per poco non ci sono riusciti (sarebbe bastato un altro gol) ma dopo 17 minuti si sono ritrovati con il Qatar in vantaggio e l'obiettivo secondo posto sempre più lontano. Il gol su rigore di Afif, il più pericoloso fra i suoi, guadagnato da Almoez Ali, è stato il ruggito che ha risvegliato un Senegal addormentato, che nel primo tempo non aveva procurato chissà quali grattacapi a Youssef Hassan eccezion fatta per un gol giustamente annullato ad Alassane Fow per fuorigioco nei primissimi minuti e per una chiarissima occasione capitata al Mohamed Sané sullo 0-1.

Diverso il copione nel secondo tempo, con il Senegal talmente alto che quasi non si becca il 2-0 dei campioni asiatici, in un'occasione sventata prontamente da Sy. Il gol che riapre le danze tuttavia non arriva se non al 76° con Alhassan Sylla che con un tiro improbabile riesce a battere Hassan dopo il solito flipper. Il Senegal riesce a completare il sorpasso all'81°: marca Moussa Koné dopo uno scambio fra i subentrati Nassalan e Malick Niang. A vittoria conquistata il Senegal si dedicherà invano alla ricerca del terzo gol, quello che avrebbe portato la Nazionale africana al secondo posto in virtù del maggior numero di gol segnati rispetto alla Colombia, che stava dilapidando la sua differenza reti di +1 perdendo 1-3 con il Portogallo e che contava 4 punti in classifica proprio come il Senegal. Il gol non arriverà ed il Senegal si ritrova, al 90°, con la calcolatrice in mano: in caso di pareggio della Nigeria, pareggio dell'Honduras e vittoria delle Fiji gli africani sarebbero fuori, così come potrebbero rimanere fuori qualora la Nigeria pareggiasse e l'Uzbekistan avesse la meglio delle Fiji e la Germania dell'Honduras.

Senegal (4-2-3-1) : Sy; Alhassan Sylla, Eli Cissé, Mohammed Sané, Moussa Wague; Alassane Sow (73° Serigne Falou Niang), Mamadou L. Ndiaye; Ibou Wadji (57° Nassalan), Sidy Sarr, Moussa Koné; Mamadou Thiam (88° Anda Correa)

Qatar (4-4-2) : Youssef Hassan; Al Muhaza (67° Bassam Hisham), Al Hajri, Serigne Abdou Thiam, Al Abdulrahman; Tarek Salman Salman, Abdullah Ali (64° Ahmed Al Saadi), Doozandeh, Afif; Al Jalabi (72° Sultan Al Berik), Almoez Ali

Colombia - Portogallo 1-3
(Nuno Santos, André Silva, André Silva; Rafael Borré)

Continua a mietere vittime invece il Portogallo, che non si ferma più e batte per 1-3 la Colombia, prima del kick-off ancora speranzosa di ottenere il primo posto del girone C. Serviva battere il Portogallo ma non c'è stato verso di farlo. La corazzata di Helio Sousa (prima squadra a chiudere il girone con tre vittorie in attesa di Brasile e Germania), sempre più accreditata ad una vittoria finale, si permette anche il lusso di mandare in panchina Podstawski (il capitano), Marcos Lopes e Gonçalo Guedes in quello che era un vero e proprio scontro diretto.

Il Portogallo passa in vantaggio molto velocemente, per la precisione al 3° minuto, con l'ennesima punizione perfetta di questo Mondiale. Va a segno Nuno Santos, ala del Benfica alla prima da titolare, con una botta molto potente. A raddoppiare ci penserà la stella più luminosa di questa U20, André Silva che si procura e batte il calcio di rigore del 2-0, un risultato che provoca incubi alla Colombia: il 3-0 portoghese oppure una vittoria con due gol di scarto del Senegal sull'altro campo avrebbe portato i Cafeteros al terzo posto. Il malaugurato tris arriva e lo firma ancora André Silva - ora, insieme a Mervò, vice-capocannoniere della competizione dietro Kovalenko - che va a staccare sul cross di Nuno Santos mentre Alvaro Montero combina un pasticcio e lascia all'attaccante lo specchio della porta completamente libero. Fortunatamente per la Colombia arriverà anche l'1-3 (rete di Borré, assistito da Barrera) che scongiura la discesa nel lotto delle terze. Quello di Borré è il primo gol incassato dal Portogallo a questo Mondiale, l'ennesimo dato che ci conferma come i portoghesi possano ambireeccome alla corona.

Colombia (4-4-2) : Alvaro Montero; Andres Tello, Sanchez Mina, Juan Quintero, Jeison Angula; Otero (65° Jarlan Barrera), Villarreal (46° Quinones), Victor Gutierrez, Alexis Zapata; Rafael Borré, Joao Rodriguez (83° Lucumi)

Portogallo (4-2-3-1) : André Moreira; Riquicho (70° Nelson Monte), Domingos Duarte, Joao Nunes, Rebocho; Estrela, Guzzo; Ivo Rodrigues (66° Gonçalo Guedes), Francisco Ramos, Nuno Santos (81° Marcos Lopes); Andrè Silva 

Classifica: Portogallo 9, Colombia 4, Senegal 4, Qatar 0

Calcio Internazionale