La Svizzera vince con il minimo sforzo: 2-1 alla Moldavia

In vantaggio con il solito Dzemaili, i padroni di casa subiscono al 70' il pari, per poi tornare subito avanti dopo soli cinque minuti.

La Svizzera vince con il minimo sforzo: 2-1 alla Moldavia
www.football.ch
SVIZZERA
2 1
MOLDAVIA
SVIZZERA: Burki; Lichtsteiner (Lang, min. 64), Schan, Von Bergen, Rodriguez; Xhaka (Frei, min. 72), Behrami, Dzemaili (Zakaria, min. 77); Shaqiri, Derdyok (Mehmedi, min. 46), Embolo (Tarashaj, min. 65).
MOLDAVIA: Namasco; Epureanu, Golovatenco (Ilescu, min. 78), Cebotaru (Mihailov, min. 86), Jardan (Carp, min. 92), Cascaval; Ionita (milinceanu, min. 91'), Ivanovic (Spataru, min. 58), Cojocari; Ginsari, Sidorenco (Bugneac, min. 60).
SCORE: 0-1, min. 12, Dzemaili. 1-1, Ginsari, min. 70. 2-1, Mehmedi, min. 75.
ARBITRO: Ammoniti: Xhaka (min. 10)
NOTE: Amichevole Internazionale

La Svizzera si prepara per Euro 2016 vincendo 2-1 in casa e contro una buona Moldvia. All'iniziale vantaggio firmato Dzemaili, risponde nella ripresa Ginseri, a cui fa immediatamente seguito la rete di Mehmedi. 

Padroni di casa che scendono in campo adottando il solito 4-3-3 in cui viene riconfermato Derdyok al centro dell'attacco, importantemente sostenuto da Shaqiri ed Embolo. Centrocampo confermato, mentre in difesa ritorna Lichtsteiner sull'out di destra e Burki in porta. Difensivo 5-3-2, invece, per gli ospiti, pronti a giocare in maniera contropiedistica dato l'eccessivo divario tecnico tra le due formazioni. Gara subito  a trazione anteriore per la Svizzera, che già al 3' potrebbe esultare per il gol di Dzemaili, se il centrocampista non concludesse però alto. Il gioco elvetico non lascia comunque spazio agli avversari, davvero incosistenti nonostante l'impegno. Al 12' si registra il primo gol di gara, quando è sempre Dzemaili a proporsi cacciando dal cilindro un colpo di testa che da più di dieci metri non lascia scampo al portiere Namasco. E' sempre lui il marcatore, vero uomo squadra ed implacabile metronomo. La rete subita non desta la Moldavia nè anima i rossi, che iniziano a giocare senza offendere con pericolosità. L'ultima azione di primo tempo capita sempre sui piedi di Dzemaili che, al 44', conclude trovando in questa occasione la decisa risposta del portiere ospite. 

La seconda frazione non continua con il leitmotiv della prima, regalando di fatto poche emozioni fino al 63', quando a tiro a botta sicura di Mehmedi colpisce in pieno il portiere moldavo. L'eccessiva calma degli elvetici viene però massimamente punita poco dopo, al 70' e a causa di una repentina azione ospite che porta Ginsari a marcare l'incredibile 1-1. Gran botta del centrocampista numero 16, un tiro potente e sibillino che non lascia scampo a Burki. Il pari inaspettato non demoralizza però la Svizzera, praticamente sicura di poter riacciuffare il vantaggio che, puntuale, giunge al 75' e mette in risalto le abilità di un Mehmedi finalmente bravo a concludere. Il tiro dell'attaccante infatti si dimostra imparabile per Namasco, comunque deciso nel tentare quantomeno di intervenire. Il 2-1 spegne comunque le velleità di gara, con Svizzera e Moldavia che non creano ulteriori pericoli fino al 92'.

Una solita amichevole senza pretese, con poche azioni e qualche sussulto. La Svizzera non ha oggettivamente sofferto molto, subendo il gol nell'unica azione moldava. Tanto impegno, invece per la Moldavia, che riesce quantomeno nell'impresa di non sfigurare contro più forti e quotati avversari. Migliore in campo per i padroni di casa, Mehmedi. Per gli ospiti in evidenza Ginsari

Calcio Internazionale