Euro 2016 - Russia-Serbia, a vincere è la noia

Partita dai ritmi terribilmente bassi, che si alzano solo un po' nel finale, con i gol delle due squadre. Se per la Serbia non è un problema, dato che non ci sarà all'Europeo, per la Russia devono essere giorni di riflessione, perchè l'esordio ufficiale è imminente.

Euro 2016 - Russia-Serbia, a vincere è la noia
Mitrovic ha colpito una disattenta difesa russa.
Russia
1 1
Serbia
Russia: Akinfeev, Smolinikov (Shishkin, min. 62), Ignashevic, Beretzuski, Schennikov (Torbinski, min. 75), Golovin (Ivanov, min.60), Denisov (Glushakov, min. 51), Shatov (Shirokov, min. 75), Kokorin, Dzyuba, Smolov (Mamaev, min. 46).
Serbia: Stojkovic, Rukavina, Ivanovic, Milunovic, Rajkovic (Maksimovic, min. 83), Milivojevic (Zdjelar, min. 92), Grujic (Kolarov, min. 46), Mladenovic (Tosic, min. 66), Tadic, Mitrovic (Stojiljkovic, min. 89), Kostic (Zivkovic, min. 80).
SCORE: 1-0, min. 85, Dzyuba. 1-1, min. 88, Mitrovic.
ARBITRO: Buquet Ruddy.
NOTE: Amichevole Internazionale. Stadio Luis II, Monaco.

Seconda amichevole in preparazione all'Europeo per la Russia, che, dopo aver subito molto e perso per 1-2 contro la Repubblica Ceca, si appresta ad affrontare la Serbia in quel di Monaco. Le Aquile Bianche non sono riuscite a qualificarsi per la rassegna iridata, continuando a non mettere in mostra tutto il proprio valore. Gli uomini di Slutsky invece devono necessariamente palesare qualche miglioramento dopo il match con i cechi, soprattutto a livello difensivo. Ricordo che la Russia si trova nel girone B con Inghilterra, Slovacchia e Galles.

Il primo tempo è terribilmente noioso. Nei primi venti minuti ci sono solo un paio di sussulti, con Ivanovic che all'11' spara altissima con il suo destro una palla interessante arrivata in centro area. Al 19' Mitrovic serve un bell'assist a Kostic, che da posizione decentrata sulla sinistra conclude a lato non di molto. È comunque la Serbia a rendersi più pericolosa. Al 25' Grujic tira molto sopra la traversa una palla dalla fascia sinistra, visibilmente contrariati i compagni, che chiedevano a gran voce un cross al centro. Al 30' la Russia impegna finalmente Stojkovic: Kokorin crossa al centro e trova la testa di Dzyuba, questo però non riesce a dare abbastanza potenza al tiro, che viene bloccato in tuffo dal portiere serbo. Al 36' la Serbia sfiora di nuovo il gol con Mitrovic, che riesce ad intercettare un cross da calcio d'angolo, ma non centra lo specchio della porta, mandando a lato il pallone.

Il secondo tempo ricalca il bassissimo ritmo del primo. Al 55' i serbi sorprendono la Russia e si ritrovano ben due giocatori solissimi in area, ma Rukavina effettua un cross troppo basso, che viene intercettato dall'ultimo difensore rimasto, facendo sfumare così un'azione ghiottissima. Al 68' Kokorin ci prova calciando un assist di Dzyuba arrivato in centro area, ma Stojkovic non si fa sorprendere. All'80' c'è un ottimo inserimento di Rukavina, ma questo riesce addirittura a mandare all'indietro la palla con il suo colpo di testa. Subito dopo gli uomini di Slavoljub hanno un'occasione importante per andare in vantaggio: Kolarov riesce ad inserirsi in area, grazie anche ad un rimpallo fortunato, e a tirare nonostante la marcatura, Akinfeev respinge, Mitrovic si fionda sulla respinta, ma non riesce a battere il portiere russo in velocità. La partita aumenta un po' di ritmo nel finale, all'85' la Russia passa immeritatamente in vantaggio con Dzyuba, che deve solo spingere in rete un perfetto assist di Kokorin, a sua volta servito da Shirokov con un filtrante molto intelligente. È 1-0. Il vantaggio però dura poco, perchè la Serbia tira fuori l'orgoglio e riesce finalmente a sfruttare un gioco migliore, pareggiando all'88', Tadic si inventa un filtrante perfetto al limite dell'area, che mette Mitrovic a tu per tu con Akinfeev, l'attaccante del Newcastle non può sbagliare quello che è praticamente un rigore ed insacca l'1-1.

Forse la Serbia avrebbe meritato qualcosa di più del pareggio, malissimo invece la Russia, troppo passiva per tutta la partita e disattenta in occasione del gol di Mitrovic. Slutsky dovrà scuotere in fretta la squadra, perchè l'Europeo è ormai alle porte.

Calcio Internazionale