Spagna, Piqué salvatore: battuta 1-0 in extremis la Repubblica Ceca

Il centrale difensivo del Barcellona permette alla Spagna di sconfiggere all'87' l'ostica Repubblica Ceca di Pavel Vrba. Decisivo il suo stacco di testa che proprio nel finale regala i primi tre punti del torneo agli iberici.

Spagna, Piqué salvatore: battuta 1-0 in extremis la Repubblica Ceca
Piqué esulta dopo il gol del successo. Fonte foto: it.uefa.com
Spagna
1 0
Repubblica Ceca
Spagna: SPAGNA (4-3-3) : DE GEA; JUANFRAN, PIQUE, SERGIO RAMOS, JORDI ALBA; FABREGAS (67' T.ALCANTARA), BUSQUETS, INIESTA; NOLITO (82' PEDRO), MORATA (62' ADURIZ), DAVID SILVA. ALL:: DEL BOSQUE
Repubblica Ceca: REPUBBLICA CECA (4-2-3-1) : CECH; KADERABEK, SIVOK, HUBNIK, LIMBERSKY; DARIDA, PLASIL; GEBRE SELASSIE (86' SURAL), ROSICKY (88' PAVELKA), KREJCI; NECID (75' LAFATA). ALL.: VRBA
SCORE: 1-0, 87' PIQUE
ARBITRO: MARCINIAK (POL) AMMONITO : LIMBERSKY
NOTE: Si gioca allo Stadium Municipal di Tolosa alle ore 15 la prima giornata del gruppo D di Euro 2016.

Sembrava oramai essere scritto quello 0-0 in cui la Spagna, pur avendo avuto più occasioni dei propri avversari, non aveva avuto la giusta lucidità sottoporta, in cui una stoica Repubblica Ceca aveva resistito agli assalti della roja con determinazione e organizzazione e si stava piano piano per guadagnare un punto importante per il proprio cammino europeo. Ma a decidere tutto ci ha pensato Gerard Piqué, pilastro della retroguardia spagnola e del Barcellona, che ha sfruttato al meglio l'ottimo assist di Iniesta e ha infilato Cech. E in un attimo tutto è cambiato: Spagna prima nel girone insieme alla Croazia a 3 punti, Repubblica Ceca ultima in compagnia della Turchia ancora a 0.

Il gol di Piqué da altra angolazione. Fonte foto: it.uefa.com
Il gol di Piqué da altra angolazione. Fonte foto: it.uefa.com

Gli uomini di Del Bosque, campioni in carica, si presentano alla prima partita del proprio Europeo dopo la sconfitta per 1-0 patita una settimana fa' in amichevole contro la Georgia, ma decisi più che mai a vendicare l'ultimo fallimentare mondiale nel quale la squadra spagnola non era riuscita a superare neppure il proprio girone, qualificandosi al terzo posto. Dall'altra parte la Repubblica Ceca del ct Vrba vuole ben figurare e scrollarsi di dosso l'appellativo di "squadra materasso" del girone D (in cui sono presenti anche Croazia e Turchia). 

Le Furie Rosse si schierano con un 4-3-3, De Gea fra i pali, Juanfran e Jordi Alba terzini, Piqué e Sergio Ramos centrali di difesa, a centrocampo presente Fabregas insime alla coppia blaugrana Busquets-Iniesta, in avanti Nolito e David Silva sulle fasce e lo juventino Morata al centro; i cechi si presentano invece con un 4-2-3-1, Cech estremo difensore, Kaderabek e Limbersky esterni e Sivok e Hubnik al centro della difesa, in mediana Darida e Plasil  dietro al trio composto da Gebre Selassie, Rosicky e Krejci, Necid unica punta.

Si delinea chiaramente fin dai primi minuti l'andamento della gara : Spagna in costante possesso palla alla ricerca del giusto varco, Repubblica Ceca decisa a contenere gli attacchi avversari per poi ripartire in contropiede. Al 16' D.Silva serve al centro Morata che però da pochi passi calcia addosso a Cech, dopo una decina minuti lo stesso Morata scarica un diagonale sinistro di poco sul fondo. Nel finale la Spagna preme con maggiore insistenza e Cech è costretto a salvare i suoi anche sulla botta dalla distanza di Jordi Alba, il risultato però non cambia e si va a riposo sullo 0-0.

Il gol di Piqué. Fonte foto: it.uefa.com
Il gol di Piqué. Fonte foto: it.uefa.com

Il secondo tempo è ancor più combattuto e indeciso; i cechi non si chiudono solamente e creano anche vari grattacapi alla difesa spagnola, gli uomini di Del Bosque dal canto loro continuano a spingere, senza però riuscire a trovare l'affondo decisivo. Almeno fino al'87': Iniesta dalla sinistra pennella un cross all'interno dell'area sul quale irrompe di testa Piqué, incornata all'angolino basso alla sinistra di Cech e Spagna che da un possibile passo falso pone invece un primo robusto mattone per continuare positivamente il proprio percorso.

Calcio Internazionale