Euro 2016, Fernando Santos crede nel suo Portogallo: "Non siamo i favoriti ma possiamo farcela"

Alla vigilia della difficile sfida con la lanciatissima Croazia, Fernando Santos, commissario tecnico del Portogallo, ha suonato la carica in vista di un confronto che vede la sua Nazionale non godere dei favori del pronostico. Per Santos battere la Croazia è possibile.

Euro 2016, Fernando Santos crede nel suo Portogallo: "Non siamo i favoriti ma possiamo farcela"
Fernando Santos, commissario tecnico del Portogallo. Fonte foto: Getty Images Europe.

I cattivi risultati fatti registrare dal Portogallo nella fase a gironi di questo Euro 2016, non hanno intaccato in alcun modo la serenità e l'autostima del gruppo lusitano. A far passare questo forte messaggio è stato proprio il commissario tecnico dei portoghesi, Fernando Santos. Il ct lusitano, salvato dalla doppietta di Cristiano Ronaldo nel match con l'Ungheria, è riuscito a limitare i danni riuscendo nell'intento di approdare alla fase ad eliminazione diretta. 

Nonostante ciò, la posizione di ripescata e dunque di terza nel girone, ha causato l'accoppiamento con una delle Nazionali più in forma del momento: la temibile Croazia di Modric e Rakitic.
L'esperto commissario tecnico ha ribadito nella conferenza stampa della vigilia che la sua Nazionale ha le carte in regola per battere la Croazia seppur i balcanici partano con i favori del pronostico: "La mia squadra ha talento ma la cosa che mi rende orgoglioso è il modo in cui i ragazzi interagiscono tra di loro. Si allenano bene, sin qui si sono comportati da uomini, non credo che in fatto di unità ci sia una squadra superiore al Portogallo in questo momento e questo l'ho detto ai giocatori".
La grande fiducia nei suoi uomini però, si scontra con un avversario di primissimo piano, la Croazia di Ante Cacic: "Si sfideranno due squadre molto forti che hanno lo stesso obiettivo. - ha detto Santos - La Croazia è forse una delle grandi favorite, gioca per vincere ed conta su un gruppo dalla qualità immensa. Cacic è molto bravo e guida talenti incredibili".

Prima di passare il testimone a Joao Mario, Santos ha ribadito le sue convinzioni, accettando il guanto di sfida lanciato dalla Nazionale balcanica:  "Sono sicuro che possiamo battere la Croazia, anche se non sarà facile. Loro sono forti ma anche per loro sarà dura. Dovremo essere mentalmente pronti e orgogliosi di rappresentare il nostro paese. Loro proveranno ad annullare Cristiano Ronaldo? La Croazia proverà a limitare i nostri punti di forza, noi i loro. Sono reduci da una prestazione fantastica contro la Spagna e sono favoriti ma possiamo farcela"

Dopo Santos, come annunciato, è stato il turno di Joao Mario, numero 10 di questa Nazionale: "Siamo molto fiduciosi dopo le gare disputate. Abbiamo fatto bene sotto certi versi ma dobbiamo migliorare in alcuni aspetti - ha ammesso Mario, che poi continua soffermandosi sulla gara di domani - Sappiamo esattamente cosa fare domani. Abbiamo preparato la gara e speriamo di regalare qualcosa di positivo ai nostri tifosi".
In chiusura invece, Joao Mario ha ricordato il fatto che il suo Portogallo ha avuto meno tempo per preparare la sfida e che questo fattore potrebbe in qualche modo influenzare la loro prestazione: "Non abbiamo avuto molto tempo per preparare questa gara, ma domani dobbiamo scendere in campo e rappresentare al meglio il nostro paese".

Calcio Internazionale