Qualificazioni Europei U21: il punto della situazione

A due gare dal termine analizziamo le situazioni dei vari gironi, tra squadre qualificate e selezioni in lotta per il primo posto del girone.

Qualificazioni Europei U21: il punto della situazione
Qualificazioni Europei U21: il punto della situazione

Le selezioni Under 21 delle nazionali tornano in campo in questo fine settimana per completare le qualificazioni agli Europei 2017 di categoria. In molti gruppi vige ancora l'equilibrio con due o tre squadre a combattere per la prima posizione, oltre a chi punta a fare comunque il miglior punteggio possibile per aver la possibilità di fare gli spareggi che coinvolgeranno le quattro migliori seconde. Come già visto, alla nostra selezione basta un pareggio contro la Lituania per avere la certezza del primo posto e quindi della partecipazione all'Europeo, qui invece faremo una panoramica generale su tutti i gironi.

GIRONE 1 – Il primo girone è comandato dalla Repubblica Ceca che però vede insidiato il suo primato dal Belgio che, con una partita in meno rispetto ai cechi, è distante solo due punti dal primato. Nonostante questo però il match point è ancora in mano ai ragazzi di Lavicka che, in caso di vittoria contro la Moldavia e contemporaneo pari belga, avrebbero la qualificazione in tasca. La situazione descritta sopra non è così irreale, perchè i Diavoli Rossi dovranno vedersela con il Montenegro, che è riuscito ad avere la meglio dei belgi nella partita disputata al Den Dreef di Louvain.

GIRONE 3 – Il girone tre è uno dei più aperti, infatti a giocarsi la qualificazione sono ben tre nazionali: Macedonia, Francia e Islanda. Gli islandesi sono gli unici ad essere padroni del proprio destino perchè, con una partita in più da disputare e tre punti dalla prima posizione, in caso di due vittorie contro Scozia ed Ucraina sarebbero aritmeticamente sicuri della qualificazione, grazie anche al vantaggio negli scontri diretti con la Macedonia. La nazionale slava e quella dei galletti sono comunque pronte a sfruttare un mezzo passo falso degli islandesi per blindare la qualificazione o, perlomeno, il posto valido per lo spareggio.

GIRONE 4 – A differenza dei primi due gironi analizzati, in questo gruppo è già tutto deciso: il Portogallo è matematicamente certo del primo posto nel girone, mentre ad Israele bastano due pareggi nelle ultime due partite per mettere al sicuro il secondo posto. Tuttavia, gli israeliani, per avere qualche possibilità di entrare nelle migliori quattro seconde, dovranno vincere gli ultimi due impegni contro Grecia ed Albania e non sarà di certo semplice.

GIRONE 5 – Altro girone dove tutto è già deciso con la Danimarca che ha dominato il gruppo grazie a sette vittorie ed un pareggio nelle partite sin qui disputate. Per la posizione alle spalle dei danesi, si deciderà tutto martedì, quando Romania e Bulgaria si scontreranno nella partita decisiva.

GIRONE 6 – Uno dei gironi più combattuti: in testa c'è la Croazia con venti punti, seconda la Svezia a diciotto, terza la Spagna a diciassette. Visto così sembrerebbe tutto già scritto, ma le inseguitrici della Croazia hanno entrambe una partita in meno rispetto ai biancorossi e questo fa di loro le favorite del gruppo. Le Furie Rosse dovranno scontrarsi con San Marino ed Estonia, mentre la Svezia ospiterà giovedì i baltici e lunedì sarà nell'ex Jugoslavia per affrontare la Croazia, in quello che sembra essere un vero e proprio spareggio per il secondo posto, visti i facili impegni che attendono la Spagna.

GIRONE 7 – La Germania è l'unica squadra di tutti i gruppi ad essere a punteggio pieno, ma nonostante questo non è ancora certa della qualificazione. I tedeschi infatti devono ottenere un punto nelle ultime due partite contro Russia ed Austria, non certo un'impresa per loro. D'altro canto gli austriaci sono secondi nel girone e se vogliono mantenere viva la possibilità di qualificarsi direttamente alla fase finale, sono chiamati a vincere gli ultimi due match.

GIRONE 8 – La Slovacchia è ad un punto dalla qualificazione e deve ottenerlo contro Bielorussia o Turchia. L'Olanda deve invece vincere i match contro Turchia e Cipro per sperare di entrare nelle migliori quattro seconde.

GIRONE 9 – L' Inghilterra è ad un passo dalla fase finale dell'Europeo. Alla squadra affidata a Boothryd occorre un pareggio nelle ultime due partite, grazie alle due lunghezze di vantaggio sulla Svizzera e quattro sulla Norvegia. In caso di vittoria contro il Kazakistan, gli inglesi staccherebbero il pass per Euro 2017, ma anche in caso di mancata vincita, basterà un punto nell'ultima partita contro la Bosnia.