Italia - Spagna, le considerazioni di Lopetegui

Il tecnico spagnolo elogia l'Italia, ma "annuncia" la vendetta spagnola. Qualche concessione anche sull'undici titolare.

Italia - Spagna, le considerazioni di Lopetegui
Italia - Spagna, le considerazioni di Lopetegui

Il peso della storia. Julen Lopetegui rende omaggio agli azzurri, è il giorno di Italia - Spagna. Ciclo terribile per le furie rosse, attese in rapida successione dalla squadra di Ventura e dall'Albania. Il recente ricordo europeo è il succoso preambolo a un incrocio che raccoglie due tra le migliori selezioni del vecchio continente. Il CT cancella l'immagine di un'Italia prettamente difensiva. 

"L’Italia ha grande storia e la fa pesare, ma ultimamente ha saputo migliorare anche il suo gioco, non è più soltanto una nazionale difensiva. S’ispira allo stile messo in mostra in Europa dalla Juve, al di là dei discorsi sulla difesa a tre". 

Lo sguardo è sulla partita odierna, nessun cenno quindi al secondo impegno. La Spagna vuol cogliere un risultato importante per porre una candidatura sul primo posto del girone. 

"Non ci siamo basati su Italia-Francia per preparare il match di domani, quella era un’amichevole. E no, non sarò condizionato dal fatto di dover affrontare l’Albania subito dopo questa partita. E’ un altro avversario forte, ma ci penseremo da dopodomani".

Un nuovo corso, la stessa filosofia. Come la Spagna, anche l'Italia riparte dopo la rassegna continentale con una nuova guida tecnica. Via Conte, spazio a Ventura. Sullo sfondo, il carattere azzurro, principio che collega epoche differenti, punto d'unione tra passato e presente, trampolino per i prossimi successi. 

"Prandelli, Conte e Ventura non sono così diversi. Certo, hanno sfumature differenti, ma la filosofia di fondo è la stessa e gli automatismi sono collaudati. Buffon è un esempio della grinta che gli italiani ci mettono, è un pezzo di storia del calcio. Ma se gli azzurri ci aggrediranno, come è avvenuto a Parigi, stavolta saremo pronti".

Qualche cenno sull'undici. In attacco, Diego Costa vince il ballottaggio con Morata, mentre Callejon - belle le parole di Lopetegui per l'esterno del Napoli - si accomoda almeno inizialmente in panchina. Vitolo occupa l'out di destra, con Silva sul fronte opposto. 

"In attacco gioca Diego Costa. Alvaro sta bene, sa che nel Real Madrid c’è tanta concorrenza. Callejon? Ci può offrire delle varianti".

"Ciò che ha fatto Del Bosque forse è irripetibile, ma noi abbiamo già voltato pagina"

Fonte dichiarazioni Gds

Calcio Internazionale