Qualificazioni Russia 2018 - Olanda in Lussemburgo per tornare ad inseguire Francia e Svezia

Dopo la battuta d'arresto casalinga contro la Francia, i tulipani volano nel vicino Lussemburgo per archiviare la sconfitta e riprendere il cammino verso la Russia ed acciuffare il secondo posto in coabitazione con la Svezia. Tanti i dubbi di formazione per Blind.

Qualificazioni Russia 2018 - Olanda in Lussemburgo per tornare ad inseguire Francia e Svezia
Qualificazioni Russia 2018 - Olanda in Lussemburgo per tornare ad inseguire Francia e Svezia

La sconfitta interna rimediata contro la Francia pone l'Olanda di Blind in una scomoda posizione: difficile a questo punto del cammino guardare al primo posto con maggiore fiducia, perché significherebbe vincere il terra dei galletti con almeno due gol di scarto. Molto più reale e concreta la possibilità di giocarsi con la Svezia il secondo posto che vorrebbe dire accesso agli spareggi, ma per farlo sarà necessario vincere questa sera in Lussemburgo, per dimenticare la sconfitta contro i francesi e provare a ripartire da una vittoria magari con un discreto bottino di scarto. 

Sulla carta una partita agevole per i tulipani, che affronteranno questo derby senza Janssen. Tuttavia Blind ha l'imbarazzo della scelta e dovrebbe essere Dost il sostituto designato del centravanti del Tottenham. Imperativo vincere, quindi, in un derby che si preannuncia quantomeno scontato, anche se negli ultimi due precedenti - che risalgono però al 2006 e 2007 - gli arancioni hanno superato soltanto di misura i diretti rivali con uno striminzito 1-0, in casa come in trasferta. Olanda che si presenta al match con sensazioni alquanto contrastanti dopo il pareggio rimediato in amichevole contro il Belgio: sebbene sia vero che nel primo tempo gli olandesi hanno legittimato il vantaggio, nella ripresa le consuete crepe difensive hanno consentito a Carrasco di impattare il match.

Disattenzioni che oggi pomeriggio alle 18 dovranno essere necessariamente limate al minimo per non compromettere un successo di importanza capitale. Di contro padroni di casa del Lussemburgo che invece dopo le prime due sconfitte, seppur di misura contro Bulgaria e Svezia, hanno pareggiato contro la Bielorussia, dimostrando carattere e crescita dal punto di vista tattico e che vanno a caccia di conferme anche contro una squadra decisamente più blasonata.  

Le ultime dai ritiri. 

Holtz dovrebbe riproporre il solito 4-5-1, ma dovrà rinunciare a Moris tra i pali. Al suo posto Schon, con Jans, Chanot, Malget e Delgado in difesa a protezione dell'area di rigore. In mediana linea a cinque composta da Mutsch, Bohnert, Martins, Phillips e Da Mota, mentre davanti l'unica punta sarà Joachim.

Blind come detto deve rinunciare a Janssen di punta, e schiererà il classico 4-3-3 con Dost riferimento centrale. Alle sue spalle Sneijder e Robben, con Klaassen pronto ad inserirsi tra le linee. Wijnaldum e Ramselaar a completare il reparto di mediana, mentre in difesa Brenet, Blind, Bruma e Van Dijk agiranno a protezione dei pali difesi da Stekelenburg. 

Le probabili formazioni.

Lussemburgo (4-5-1): Schon; Jans, Chanot, Malget, Delgado; Mutsch, Martins, Bohnert, Phillips, Da Mota; Joachim.

Olanda (4-3-3): Stekelenburg; Brenet, Blind, Bruma, van Dijk; Ramselaar, Klaassen, Wijnaldum; Robben, Dost, Sneijder.