Il Real Madrid vince la Supercoppa Europea: battuto 2-1 il Manchester United

La squadra di Zidane si aggiudica il primo trofeo della stagione grazie alle reti di Casemiro ed Isco mentre a Mourinho non basta Lukaku.

Il Real Madrid vince la Supercoppa Europea: battuto 2-1 il Manchester United
Il Real Madrid vince la Supercoppa Europea: battuto 2-1 il Manchester United
REAL MADRID
2 1
MANCHESTER UNITED
REAL MADRID: NAVAS; CARVAJAL, SERGIO RAMOS, VARANE, MARCELO, KROOS, CASEMIRO, MODRIC, BALE (74' ASENSIO), BENZEMA (83' RONALDO), ISCO (74' LUCAS VAZQUEZ). ALL. ZIDANE
MANCHESTER UNITED: DE GEA; VALENCIA, LINDELOF, SMALLING, DARMIAN, HERRERA (56 FELLAINI), MATIC, POGBA, LINGARD (46' RASHFORD) MKHITARYAN, LUKAKU. ALL. MOURINHO
SCORE: 2-1. 1-0 24' CASEMIRO, 2-0 52' ISCO, 2-1 62' LUKAKU
ARBITRO: ROCCHI AMMONITI: LINGARD, RASHFORD (M), CARVAJAL, RAMOS (R)
NOTE: STADIO NATIONAL FILIP II ARENA INCONTRO VALIDO PER LA SUPERCOPPA EUROPEA

La Supercoppa Europea 2017 è del Real Madrid. Al Filip II Stadium di Skopje gli uomini di Zidane battono 2-1 il Manchester United conquistando per il secondo anno consecutivo la Supercoppa, la terza nel giro di quattro anni. Vittoria meritata per i Blancos che nel primo tempo dominano e al 24' passano in vantaggio con Casemiro. Nella ripresa stesso copione e raddoppio ad opera di Isco. Lo United torna in partita poco dopo con Lukaku ma è solo un'illusione perché il risultato non cambia più. La Supercoppa è del Madrid, ancora. 

Per quanto concerne il capitolo formazioni il Real Madrid si presenta con il solito 4-3-1-2 ed Isco titolare con Ronaldo in panchina mentre nel Manchester United 3-5-2 con la coppia d'attacco composta da Lukaku e Mhkitaryan. 

Ritmi discreti in avvio con il Real che dopo tre minuti va vicino al gol del vantaggio con Marcelo che mette dentro, la palla si impenna e ricade in area con Bale che calcia in un fazzoletto ma la sfera esce di poco. La prima vera occasione del match però arriva al 16' ed è sempre per il Madrid con  Casemiro che, sugli sviluppi di un corner, colpisce di testa ma la sfera si stampa sulla traversa. Con il passare dei minuti la squadra di Zidane preme, il Manchester si abbassa e al 24' arriva il vantaggio dei Blancos con Carvajal che pesca benissimo Casemiro che si inserisce sul secondo palo e in spaccata mette dentro, 1-0. 

Il Manchester prova a reagire provando a creare scompiglio in area Blanca ma il Real si chiude bene e riparte come al 43' quando  Benzema si ritrova il pallone in area e prova ad incrociare col destro, De Gea risponde presente allontanando il pericolo. La prima frazione termina con il vantaggio del Real. 

Nell'intervallo Mourinho cambia subito inserendo Rashford per Lingard ma il Real Madrid inizia la ripresa come aveva chiuso il primo tempo con  Bale che serve Kross il quale spara col mancino dai venti metri, De Gea vola e mette in angolo. Sono solo le prove generali del gol del raddoppio che arriva al 52' con Isco che chiede e ottiene l'1-2 con Bale: l'ex Malaga a tu per tu con De Gea non sbaglia, 2-0. Lo United prova subito a reagire con Herrera che mette in mezzo per Pogba che schiaccia di testa ma Navas si oppone. Sulla respinta c'è Lukaku che da pochi passi calcia alto. Dall'altra parte però Real ad un passo dal tris con un'azione prolungata e palla a terra che porta al tiro Bale che, dall'interno dell'area, colpisce in pieno la traversa. 

Il calcio è strano e su capovolgimento di fronte Rashford appoggia a Matic, che calcia da fuori. Navas respinge male, servendo di fatto Lukaku, che non può sbagliare il tap-in, 2-1. Zidane cambia qualcosa inserendo Asensio e Lucas Vazquez per  Bale e Isco ma è lo United a sfiorare il gol con Rashord che si ritrova davanti a Navas e calcia ma il portiere Costaricano para con un guizzo. Nel Real Madrid entra anche Ronaldo e al 91' i Blancos vanno ad un passo dal tris con un'azione straordinaria di Vazquez che mette in mezzo per Asensio che calcia a botta sicura ma De Gea salva tutto. E l'ultima emozione del match: il Real Madrid batte il Manchester United 2-1 aggiudicandosi la Supercoppa, la seconda consecutiva e la terza nel giro di quattro anni. 

 

 


Share on Facebook