Under 21, l'Italia attende il Marocco

Secondo impegno per la selezione di Di Biagio, sfida inedita con il Marocco.

Under 21, l'Italia attende il Marocco
Under 21, l'Italia attende il Marocco - Nazionale Italiana Twitter

Senza la pressione di un impegno di qualificazione, con spirito libero e voglia di stupire. Gli azzurrini tornano in Italia, a Ferrara, per il secondo match amichevole d'ottobre. Dopo la scorpacciata ungherese, esame inedito con il Marocco, clima di festa e un caloroso abbraccio per la nuova Under di Di Biagio, chiamata ad onorare il prossimo europeo - 2019 - organizzato proprio nel nostro paese. In Ungheria, prime risposte significative, basi solide su cui costruire un ciclo rinnovato. Chiesa è l'elemento di spicco, parte da lui la rinascita tricolore. Cutrone è un centravanti di forza e personalità, un lusso a questo livello. Diverse le opzioni in mediana, da rivedere la tenuta difensiva, quella sì al vaglio del tecnico, a caccia da settimane della coppia perfetta. 

Qualche ritocco in rosa, dopo le defezioni di Verde, Mandragora, Del Favero e Dickmann. Aggregati al gruppo Bonazzoli e Valzania. Di Biagio riparte dal 4-4-2, con uno schieramento improntato all'offesa. Gli esterni sono infatti di straordinaria qualità. Chiesa presidia l'out di sinistra, Orsolini si colloca a destra. Locatelli e Murgia si dividono i compiti d'impostazione, sguardo attento anche in fase di non possesso. Favilli affianca Cutrone davanti. Audero protegge i pali, al centro della difesa tocca a Mancini e Romagna, titolari anche in terra magiara. Calabria e Pezzella i laterali bassi, quest'ultimo sostituisce Adjapong. 

Wotte propone un undici accorto, con due linee compatte e un collante tra centrocampo ed avanti. Kiyine si muove sulla trequarti, alle spalle di En-Nesyri. Benktib e Bach formano la cerniera mediana, El Morabit e Bassi le ali. Benabid in porta, dietro, da destra a sinistra, El Kaouakibi, Dari, Hammouti e Khammas.

Fischio d'inizio alle 18.30, dirige il belga Lardot.  

Calcio Internazionale