Bundesliga - Cadono Lipsia e Dortmund contro Wolfsburg e Hertha, si ferma l'Hoffenheim. Speranze Darmstadt

Pomeriggio di ventiquattresima giornata scoppiettante in terra teutonica. Ibisevic e Plattenhardt rendono vano il pareggio di Aubameyang; Gomez punisce il Lipsia. La squadra di Nagelsmann spreca, ma tutte e tre si mantengono nelle proprie posizioni di classifica. Frings dona nuova linfa al fanalino di coda, ma è comunque durissima.

Bundesliga - Cadono Lipsia e Dortmund contro Wolfsburg e Hertha, si ferma l'Hoffenheim. Speranze Darmstadt
Recabbundes

Si fermano le grandi, in Bundesliga. Il pomeriggio del sabato della 24esima giornata è contraddistinto dalle cadute di Borussia Dortmund e Lipsia, ma non fa meglio l'Hoffenheim. Preziosissima invece la vittoria interna del Darmstadt, anche se potrebbe essere già troppo tardi per la salvezza. Davanti, vince comodamente il Bayern Monaco.

Hertha Berlino - Borussia Dortmund 2-1

11' Kalou (H), 55' Aubameyang (B), 71' Plattenhardt (H)

Hertha (4-2-3-1) - Jarstein; Pekarik, Langkamp, Brooks, Plattenhardt; Skjelbred, Stark; Haraguchi (90+4' Allagui), Darida, Kalou (81' Mittelstadt); Ibisevic (66' Weiser). All. Dardai

Borussia Dortmund (3-4-1-2) - Burki; Bartra, Ginter, Schmelzer; Durm (76' Pulisic), Weigl, Castro (76' Dembelé), Guerreiro; Kagawa; Aubameyang, Schurrle (83' Merino). All. Tuchel

Grandi firme e grandi reti nella vittoria dell'Hertha Berlino contro il Borussia Dortmund. Avanti subito i padroni di casa: un errore grossolano di Ginter in fase di impostazione da sfogo al contropiede di Ibisevic, che entra in area, illude un difensore e serve poi Kalou, che appoggia delicatamente da pochi passi. Il Dortmund tiene il pallino del gioco, ma pecca di precisione e lascia ampi spazi. I capitolini faticano di più a ripartire nella ripresa, vengono schiacciati e subiscono l'1-1, frutto di una spettacolare azione rifinita da Kagawa e conclusa da Aubameyang col mancino. Un altro sinistro riporta però avanti l'Hertha, quello di Plattenhardt: la sua punizione dal limite va dritta nel sette e avvicina i berlinesi al quarto posto. Il Dortmund perde l'occasione per accorciare sul Lipsia, rimanendo a -6, al terzo posto.

RB Lipsia - Wolfsburg 0-1

9' Gomez (W)

RB Lipsia (4-2-2-2) - Gulacsi; Schmitz (68' Upamecano), Orban, Compper, Halstenberg; Demme, Keita; Kaiser (46' Palacios-Martinez), Forsberg (64' Burke); Werner, Sabitzer. All. Hasenhuttl

Wolfsburg (4-2-3-1) - Casteels; Blaszczykowski, Knoche, Rodriguez (44' Guilavogui), Gerhardt; Bazoer (64' Seguin), Luiz Gustavo; Didavi (82' Vieirinha), Arnold, Malli; Gomez. All. Jonker 

Brutto passo falso interno per il Lipsia, sconfitto tra le mura amiche dal Wolfsburg. Soffrono i RotenBullen nel primo tempo, tanto da andare sotto piuttosto presto, quando Mario Gomez, assistito da Didavi, realizza lo 0-1 davanti a Gulacsi, concludendo una bella azione fatta di verticalità e velocità. I ragazzi di Hasenhuttl faticano a reagire e manifestano un certo nervosismo, rischiando anche di subire il raddoppio. Dopo un buon avvio di ripresa, con pareggio sfiorato, sale in cattedra Didavi per i lupi: prima coglie un palo dal limite, poi trova un grande Gulacsi sulla sua strada. Non succede più nulla, Jonker porta a casa la prima vittoria sulla panchina del Wolfsburg e si toglie - aspettando l'Amburgo - dal terzultimo posto in classifica. Il Lipsia cade a -10 dal Bayern, ora deve guardarsi le spalle.

Friburgo - Hoffenheim 1-1

56' Philipp (F), 60' Kramaric (H)

Friburgo (4-4-2) - Schwolow; Kubler, Gulde, Kempf, Gunter; Frantz, Schuster, Hofler, Philipp (73' Grifo); Haberer (87' Ignjovski), Niederlechner (77' Petersen). All. Streich

Hoffenheim (3-5-2) - Baumann; Sule, Vogt, Hubner (73' Bicakcic); Toljan, Demirbay, Rudy, Amiri (82' Terrazzino), Zuber; Kramaric (76' Szalai), Wagner. All. Nagelsmann

Domina l'Hoffenheim sul campo del Friburgo, ma torna a casa solo con un pareggio. Il primo tempo è un monologo assoluto della squadra di Nagelsmann, che crea in lungo e in largo, ma sciupa altrettanto, trovando anche uno Schwolow più che decisivo, in particolare su Kramaric (destro deviato sul palo dal portiere tedesco) e Amiri. A sorpresa, però, il vantaggio lo trova il Friburgo: Philipp prima sbaglia il rigore - parato da Baumann - poi segna sulla ribattuta. Quattro minuti dopo risistema tutto Kramaric con uno splendido destro a giro nel sette. Nel finale c'è anche il rischio beffa per gli ospiti, ma Haberer vede la sua conclusione schiantarsi sul palo. Hoffenheim ancora al quarto posto solitario, a -1 dal Dortmund e +2 sull'Hertha.


# di Goals_online

Darmstadt - Mainz 2-1

5' Sulu (D), 12' rig. Sam (D), 45+3' Quaison (M)

Darmstadt (4-2-3-1) - Fernandes; Sirigu (87' Steinhofer), Niemeyer, Sulu, Holland; Gondorf, Altintop; Sam, Vrancic, Heller (75' Platte); Schipplock (64' Fedetskiy). All. Frings

Mainz (4-2-3-1) - Lossl; Donati (77' Bojan), Bell, Ramalho, Brosinski; Frei (57' Gbamin), Latza; Oztunali, Quaison, De Blasis; Cordoba (82' Muto). All. Schmidt

NOTE: Espulsi Vrancic (59') e Bell (89').

Il Darmstadt conquista altri preziosi punti interni, battendo 2-1 il Mainz e dandosi altre piccole speranze di salvezza. La partenza a razzo dei padroni di casa indirizza subito il match. Apre un colpo di testa di Sulu, che stacca sopra a tutti in piena area. Arriva anche il raddoppio, dal dischetto: Gondorf entra in area dalla destra e viene steso, del rigore si incarica un preciso Sam, che col sinistro indovina l’angolo. La squadra di Martin Schmidt soffre, dopo aver sfiorato anche l’1-1, ma reagisce alla distanza, realizzando al terzo di recupero: Quaison indovina il tocco sotto misura dopo che la palla sbatte sulla traversa e accorcia. Nel secondo tempo, oltre a due cartellini rossi e tanti sprechi degli ospiti, succede poco. Il Darmstadt è a -8 dall'Amburgo (impegnato domani), il Mainz rimane a +6 sulla terzultima.


Share on Facebook