Live Argentina - Colombia, risultato Copa America 2015 (0-0, 5-4 d.c.r.)

Live Argentina - Colombia, risultato Copa America 2015  (0-0, 5-4 d.c.r.)
Argentina
5 4
Colombia
Argentina : (4-3-3): Romero; Zabaleta, Garay, Otamendi, Rojo; Biglia, Mascherano, Pastore (dal 77' Banega); Messi, Aguero (dal 73' Tevez), Di Maria (dal 87' Lavezzi). All.: Martino
Colombia: (4-1-3-2): Ospina; Zuniga, Murillo, Zapata, Arias;m Meija; Cuadrado, James Rodriguez, Ibarbo (dal 85' Muriel); Gutierrez (dal 25' Cardona), Jackson (dal 74' Falcao). All.: Pekerman
SCORE: 0-0 (5-4 d.c.r.)
ARBITRO: Roberto Orozco (MEX) ammonisce James Rodriguez (C), Aguero (A), Meija (C), Mascherano (A), Arias (C). Cuadrado (C), Falcao (C), Messi (A).
NOTE: Gara valevole per i quarti di finale della Copa America 2015. Argentina-Colombia, Stadio Susalito, Vina del Mar. Inizio ore 1.30 (ora italiana).

Per questa sera è davvero tutto amici di Vavel Italia. Nella speranza vi siate divertiti insieme a noi nel racconto di questa emozionantissima Argentina-Colombia, Andrea Bugno e la redazione calcio di Vavel vi augurano una buonanotte e vi da appuntamento a domani con la diretta di Brasile-Paraguay. 

La Colombia lascia la competizione sugli errori dagli undici metri di Muriel, Murillo e Zuniga. Segna Tevez per l'Argentina, dopo i due errori di Biglia e Rojo. Argentina in semifinale, dove incontrerà la vincente della sfida di domani tra Brasile e Paraguay. 

Un sollievo per l'Apache che dopo l'errore all'Uruguay di quattro anni fa non voleva calciare, ma dopo mille errori, si presenta e segna dal dischetto il rigore che vuol dire semifinale per l'Albiceleste! 

VA L'APACHEEEEE !!!!! RETEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!! SEGNA TEVEZZZZ!!!! E' SEMIFINALEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!! DOPO QUATTRO ANNI! DA TEVEZ A TEVEZ!!! ARGENTINA AVANTI!!!! 

TEVEZ! E' IL MOMENTO DELLA VENDETTA DOPO 4 ANNI! 

VA MURILLOOOOOOO....... ALTIIIIIIIIIISSIMOOOOOOOOO!!!! SBAGLIA ANCORA LA COLOMBIA! 

Si continua. Sempre 4-4. Tocca a Murillo. 

TRAVERSA E FUORIIIIIIIIII!! NON CI CREDO!!! ANCORA FUORI!!!!! ASSURDOOOOO!! 

Rojo sulla palla. Per il secondo match point. 

PARA!!! PARA ROMEROOOOO!!!! ZUNIGA SBAGLIAAAA!!!!

Conclusione a lato sulla sinistra di Ospina che aveva intuito. Zuniga sulla palla. 

PARTE BIGLIAAAAAA.....FUORIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!! ASSURDOOOOO!!!! SBAGLIA BIGLIAAAA!!!!

Match point Argentina. Sui piedi di Biglia. Niente Tevez.

PARAAAA ROMERO MA LA PALLA GLI PASSA SOTTO ALLE BRACCIA ED E' GOL!!!! 4-4! 

Quinto rigore per la Colombia: è Cardona a calciarlo. 

PALOOOOO E RETEEEEEEEE!!! BACIO DEL POCHO AL PALO! E ARGENTINA AVANTI!!!! 4-3!

Lavezzi sulla palla. L'ex Napoli, adesso al Psg. 

Conclusione indecente, che finisce a due metri dalla traversa di Romero. 

ALLE STELLE MURIEL!!!! FUORI ALLO STADIO DI VINA DEL MAR! CLAMOROSOOOOOO!!! SBAGLIA MURIEL!!!!!

Muriel! L'attaccante della Sampdoria. 

DI GIUSTEZZA BANEGA! INTUISCE OSPINA, MA IL PENALTY E' PERFETTO! PAREGGIO ARGENTINA!

Banega. Il centrocampista del Siviglia sulla sfera. 

COME GARAY, SOTTO LA TRAVERSA! NON SI SBAGLIA! 2-3! ANCHE QUI ROMERO INTUISCE MA NON PUO PARARE!

E' la volta di Cuadrado. 

REEEETEEEEEEEE!!! FANTASTICO SOTTO LA TRAVERSA GARAY! CHE GOL! 2-2! IMPARABILE!

Garay per l'Argentina. 

PARTE EL TIGREEEE!!! GOOOOL DI FALCAO! INTUISCE ROMERO, CHE SFIORA SOLTANTO IL DESTRO ALL'INCROCIO DI FALCAO! 1-2!

Falcao sul dischetto. 

VAAAA MESSIIIIII!!!! RETEEEEEE!!! SPIAZZA ANCHE LUI OSPINA CHE NON PUO' NULLA! 1-1

A James risponde Messi. Il primo dell'Argentina. Messi contro Ospina. 

GOOOOOOL DI JAMES RODRIGUEZ! SPIAZZA ROMERO! 0-1 COLOMBIA! 

PARTE JAMES! INIZIA LA COLOMBIA! 

Grande sfida tra Ospina, che stasera ha parato tutto, e Romero, che contro l'Olanda un anno fa in Brasile mandò l'Argentina in finale. 

SI PARTE! VEDIAMO CHI SONO I BATTITORI E CHI INIZIA A CALCIARE! 

La parata decisiva di Ospina su Otamendi, che ha evitato per la quarta volta il vantaggio all'Argentina. 

I rigoristi della Cafetera potrebbero essere James, Falcao, Cardona, Cuadrado e Muriel.

Fittissimo conciliabolo tra Mascherano e Martino per decidere i rigoristi. Messi sicuro, anche Tevez, ci sono Banega e Biglia. Più difficile il quinto nome. 

94' ESCE OSPINA! FINISCE LA SFIDA!!! FISCHIA OROZCO! SI VA AI RIGORI! COME QUATTRO ANNI FA AI QUARTI CONTRO L'URUGUAY, L'ARGENTINA NON RIESCE A VINCERE!

94' Ultimo angolo per l'Argentina, guadagnato da Rojo chiuso da Cuadrado. 

Questo il salvataggio di Murillo cinque minuti fa. 

2 minuti ai rigori. Ultime occasioni per l'Argentina. 

91' Messi va via sulla linea di fondo, Arias chiude in angolo, con Messi che si becca il giallo per reazione. 

90' Sono quattro i minuti di recupero. 

88' COSA SALVA MURILLO! INCREDIBILE! TEVEZ LANCIATO DA BANEGA, ZAPATA DEVIA LA SFERA BEFFANDO OSPINA, CON L'ALTRO DIFENSORE COLOMBIANO CHE SULLA RIGA SALVA SU LAVEZZI CHE ERA PRONTO AL TAP-IN!

87' Altro cambio anche per Martino: esce Di Maria, esordio per El Pocho Lavezzi. 

86' Giallo per Falcao, che allarga il gomito su Rojo. Giusto il cartellino. 

5 minuti ai rigori. Dentro anche Muriel, esce Ibarbo. 

85' Contropiede Argentina da una palla persa di Meija a centrocampo: Messi pizzica la palla e salta Zapata, serve al centro Di Maria, che è finito però in posizione irregolare. 

83' James fa respirare i suoi. Porta palla, salta Mascherano e viene atterrato da Banega. Punizione dai 35 metri per i Cafeteros. 

81' Forcing Albiceleste: due corner in rapida successione per la squadra di Martino, che non trova la via del vantaggio. 

80' PALO! PALO DI OTAMENDI! ANCHE FORTUNATA LA COLOMBIA! COL DESTRO, IL CENTRALE, NON TROVA IL GOL PER POCHISSIMO! DEVIA ANCORA OSPINA SMANACCIANDO! 

80' Torna a premere l'Argentina: sempre Messi solo al centro apre per Di Maria, che affrontato da Arias guadagna l'ennesimo corner. 

78' BANEGA! TRAVERSA DI BANEGA! COL DESTRO DAL LIMITE DELL'AREA SCHEGGIA IL MONTANTE CON OSPINA BATTUTO!

77' Entra anche Banega, che sostituirà Pastore, spento in questa seconda metà di gara. 

75' Fallo ingenuo di Zuniga su Messi, che conquista una punizione dalla trequarti offensiva. 

E' pronto anche Radamel Falcao per Pekerman, che prenderà il posto di Jackson Martinez. 

Esce Aguero, dentro Tevez nell'Argentina. 

72' Che occasione per Messi! Mascherano recupera, Aguero lancia la Pulce che sbaglia il controllo e permette il recupero di Murillo. 

72' Pastore recupera palla a centrocampo, serve Messi che punta l'area di rigore, ma si allunga la sfera al momento di saltare Murillo. 

69' SALVA MASCHERANO! CONTROPIEDE FULMINEO COLOMBIANO, CARDONA CERCA L'IMBECCATA PER IBARBO, CON EL JEFECITO ULTIMO UOMO CHE SALVA TUTTO!

STACCA JACKSON DI TESTA! PARA ROMERO CENTRALMENTE!

67' CONTROPIEDE COLOMBIA! JAMES HA LA PALLA SUL MANCINO MA RIFIUTA IL TIRO DAL LIMITE, SERVE IBARBO CHE SULLA SINISTRA GUADAGNA UN ANGOLO! 

66' COSA FA OSPINA! SUL RETROPASSAGGIO DI MEIJA NON SPAZZA, CERCA IL CONTROLLO E STAVA PER FAVORIRE AGUERO! 

64' Non riesce più a trovare varchi l'Argentina. Messi prova ad accendersi, ma prima Arias, poi Cardona, lo fermano. Un pò spento Biglia, così come Pastore e Aguero in questa fase. Occhio alla panchina dell'Albiceleste che può decidere il match. 

Cerca la porta Messi, con la palla che sfiora soltanto la traversa. Ospina c'era sulla traiettoria. 

60' Ancora un fallo, ancora di Arias, su Aguero. Rischia molto il terzino colombiano, con Messi e tutta l'Argentina che chiede la seconda ammonzione. 

57' Ancora Messi. Imprendibile. Serve Pastore dopo due dribbling, El Flaco gli torna la sfera, favorendo però il ritorno di Meija. Poteva anche calciare di sinistro l'ex Palermo dal limite dell'area. 

56' Sempre Messi si libera centralmente prima di scaricare per Di Maria sulla sinistra, ma il cross dell'ala del Manchester viene contrato da Zapata sul primo palo. 

Si rialzano claudicanti i due, si torna a giocare. 

53' Gran lancio di Messi per Di Maria, Ospina anticipa El Fideo che non trova il tempo per superare il portiere colombiano, che frana sull'argentino. Restano a terra i due. 

52' Si vede la Colombia, James si accende centralmente e prova a servire Jackson, anticipato da Garay. 

50' Lancio di Di Maria a cercare Aguero alle spalle di Murillo, ma il nuovo difensore dell'Inter riesce ad intercettare il passaggio in qualche modo. 

48' Sempre Argentina in pressione offensiva, con la Colombia molto disordinata ed imprecisa in fase di ripartenza. 

47' Lancio di Mascherano per Zabaleta, Ibarbo liscia l'intervento e commette fallo in ripiegamento. Punizione dal limite dell'area colombiana per l'Argentina. 

46' Errore a centrocampo di Meija, Pastore cerca l'imbeccata per Aguero, chiude Zapata che protegge l'uscita di Ospina. 

La Colombia da il via alla ripresa. Jackson tocca per James e si parte! Fischia Orozco. 

Tornano in campo le squadre. Gli occhi delle telecamere sono tutti per Messi, chiamato a riscattare l'errore della prima frazione. 

L'immagine del primo tempo è la parata di Ospina su Messi. Eccola. 

Torna in campo l'arbitro Orozco, apparso coerente nelle sue scelte, ma alquanto confuso nelle stesse quando ha dovuto prenderle. Manca un rigore clamoroso all'Albiceleste, con Aguero atterrato da Arias in area di rigore. 

Questo invece il conto delle occasioni da rete avute dalle due squadre (una sola in realtà). 

Questo il dato del possesso palla, che vede prevalere l'Albiceleste. 

Primo tempo a senso unico. La Colombia ci prova con cinque attaccanti nella prima metà di frazione, ma è troppo spaccata in due e offre all'Argentina troppe occasioni. Pekerman cambia, ma la musica resta la stessa, con Aguero e Messi che si divorano l'occasione del vantaggio complice un miracoloso Ospina. L'Argentina si fa preferire, con la Cafetera che pensa più a picchiare che a giocare, non creando mai le occasioni per andare in vantaggio. Zapata rischia l'autorete, ma finisce 0-0 il primo tempo. Sei gli ammoniti, quattro colombiani. 

FISCHIA OROZCO! FINISCE 0-0 IL PRIMO TEMPO TRA ARGENTINA E COLOMBIA! 

1 minuto di recupero. 

44' PASTORE! Messi batte velocemente una punizione dalla trequarti, Ospina e Zapata si ostruiscono e lasciano la sfera al mediano del Psg che non riesce a calciare da buona posizione. 

43' Ci prova Zuniga con un'azione solitaria a far respirare la Colombia, ma il terzino del Napoli perde palla attaccato da quattro avversari e riparte l'Argentina. 

41' Grande scambio Rojo-Di Maria sulla sinistra, il terzino del Manchester va via a Cuadrado che lo atterra: altro giallo, il quarto per la Colombia. 

40' Ancora Argentina! Biglia dal limite col mancino, ma il centrocampista della Lazio non trova la porta. 

39' ZAPATA RISCHIA L'AUTOGOL! MESSI CON LO SCAVETTO SUPERA DUE AVVERSARI, APRE PER DI MARIA CHE DI PRIMA METTE AL CENTRO: IL DIFENSORE DEL MILAN DEVIA LA SFERA, FORTUNATAMENTE PER LA COLOMBIA TRA LE BRACCIA DI OSPINA!

37' Ancora un giallo. Se lo merita Arias, al quarto fallo su Messi. Orozco estrae il quinto giallo della prima frazione. 

35' Fallo di Zapata su Aguero. Sbraccia troppo il difensore del Milan sul centravanti dell'Albiceleste che provava a difendere la sfera.

34' Ammonito anche Mascherano. El Jefecito prova l'anticipo su James, che lo anticipa e costringe al giallo il mediano del Barcellona. 

Questa l'incredibile doppia parata di Ospina su Aguero prima e Messi poi.

29' Continuano ad esserci storie tese in campo tra i protagonisti: è la volta di Mascherano ed Ibarbo, con l'attaccante della Roma che se la prende con l'arbitro protestando per l'irruenza dell'intervento del Jefecito. 

26' OSPINAAAAA!!! OSPINAAAAA!!! COSA HA PARATO DUE VOLTE! PRIMA CON I PIEDI SU AGUERO CHE HA ANTICIPATO ZAPATA SUL PRIMO PALO, POI SU MESSI DI TESTA A PORTA VUOTA TROVA SOLO IL PORTIERE CHE COMPIE UN AUTENTICO MIRACOLO! 

Colombia che adesso si dispone con un 4-4-1-1 in fase di non possesso, 4-2-3-1 in fase offensiva. 

25' Esce Teofilo Gutierrez. Torna sui suoi passi Pekerman, che mette Cardona, un playmaker, per un attaccante. 

24' Di Maria ancora pericoloso. Riceve palla, punta Zuniga e mette al centro dopo l'accelerazione centrale di Messi, Aguero di testa stacca ma mette alto. 

24' E' già pronto il primo cambio per la Colombia! Pronto Cardona, un centrocampista centrale, vediamo al posto di chi entra. 

22' Schema sul secondo palo che libera la sponda di Otamendi, ma Zapata appostato sul primo palo spazza. 

21' Fallaccio, bruttissimo di Meija saltato da Messi. Giallo inevitabile. 

20' ANCORA CONTATTO DUBBIO IN AREA COLOMBIANA! SUGLI SVILUPPI DI UN CORNER MESSI SFIORA IN AREA, AGUERO ANTICIPA MURILLO CHE LO ATTERRA DA DIETRO. RIGORE NETTO. ALTRO ORRORE DI OROZCO, CHE AMMONISCE AGUERO PER PROTESTE. 

18' Pasticcio Garay-Romero, con Otamendi costretto a spazzare in fallo laterale. 

16' Messi va via centralmente, punta Zapata che lo atterra clamorosamente, ma Orozco non ravvisa l'ostruzione netta del centrale del Milan e non fischia. 

Contatto in area: va giù Otamendi! Per Orozco non c'è nulla. Murillo lo trattiene, anche vistosamente, ma in una partità così ci può stare non fischiare il penalty. 

14' Molto, troppo aggressivo Arias, prima su Messi (trova la palla), poi su Aguero che protegge bene la palla e guadagna la punizione dal lato corto dell'area di rigore. 

13' Ancora una persa a centrocampo della Colombia. Pastore apre per Di Maria che calcia dai 30 metri: para Ospina centralmente. 

12' Ammonito James per proteste. L'arbitro da la rimessa all'Argentina quando l'ultimo a toccare era stato chiaramente Di Maria. Ciò non giustifica certo le veementi proteste di Rodriguez. 

11' Non c'è un attimo di tregua. Squadre molto allungate (merito o colpa della Colombia), che è spezzata in due tronconi. L'Argentina pecca di precisione nell'ultimo passaggio. 

10' CONTROPIEDE ARGENTINA! MESSI SALTA DUE UOMINI PRIMA DI ALLARGARE PER DI MARIA (POTEVA CALCIARE). EL FIDEO CERCA IL CROSS CON ZAPATA CHE SVENTA LA MINACCIA IN SCIVOLATA!! 

10' Ottimo l'intervento in chiusura di Zuniga su Di Maria, che era tutto solo in uno contro uno con il napoletano, bravo nell'occasione a fermarlo. 

Molto strano l'atteggiamento della Colombia. Pressa alta con quattro uomini, ma quando l'Argentina supera la prima linea di pressione si trova quasi sempre in inferiorità numerica, con Meija troppo solo in mediana. Squadra praticamente divisa in due blocchi da cinque uomini ciascuno. 

ROJO! STACCA DI TESTA MA NON TROVA LA PORTA! 

6' PASTORE! PRIMA AZIONE PERICOLOSA DELL'ALBICELESTE! AGUERO APRE PER DI MARIA CHE METTE BASSO E TESO AL CENTRO PER IL MEDIANO DEL PSG CHE SPIZZA COL DESTRO CON OSPINA CHE DEVIA IN ANGOLO SUL PRIMO PALO! 

4' Buona la pressione di Pastore su Cuadrado, Di Maria beffa Zuniga in anticipo ma non riesce a trovare il tempo per il cross al centro dell'area. Libera Zapata. 

2' Lancio di Zapata per Teofilo Gutierrez, Otamendi di testa lo anticipa mettendo in fallo laterale. 

4-1-3-2 per la Colombia con Meija che segue da subito Di Maria a uomo. Pressione molto alta per la Cafetera

1' Messi tocca per Aguero e si comincia. E' iniziata Argentina-Colombia. 

SI PARTE! BATTE L'ARGENTINA CHE DA IL VIA ALLA SFIDA! FISCHIA OROZCO! PARTITI!

Si gioca il primo dei due quarti di finale della parte bassa del tabellone. Già in semifinale Cile e Perù, mentre domani l'ultimo quarto che chiuderà il quadro tra Brasile e Paraguay. 

01.26 Finiti gli inni nazionali. Messi e Rodriguez si scambiano i gagliardetti prima del sorteggio effettuato dal signor Orozco. 

01.20 Ci siamo! Squadre che fanno il loro ingresso in campo tra il boato del pubblico. Si schierano le squadre, poi sarà tempo di inni nazionali. 

01.15 Finito il riscaldamento a Vina del Mar. Un quarto d'ora all'inizio del match. 

01.10 Si colora lo stadio Susalito di Vina del Mar. Questi i colori dei tifosi dell'Albiceleste, che da un paio d'ore sono sugli spalti a fare baccano. 

01.05 Questo, invece, il riscaldamento in campo dell'Argentina. 

01.00 Alquanto singolare la scelta di Pekerman, che fedele al suo 4-2-2-2, stravolge la Cafetera e sceglie un atteggiamento ben più offensivo. Probabile che lo schema di partenza sia lo stesso, ma James Rodriguez partirà, presumibilmente, accanto a Meija, con Ibarbo largo a sinistra e Cuadrado sulla destra. In attacco c'è Jackson al posto di uno spento Falcao. 

00.50 Entra in campo la Colombia al Susalito di Vina del Mar. 

00.45 Annunciate le formazioni ufficiali. Scopriamole assieme.

Argentina (4-3-3): Romero; Zabaleta, Garay, Otamendi, Rojo; Biglia, Mascherano, Pastore; Messi, Aguero, Di Maria. All.: Martino

Colombia (4-1-3-2): Ospina; Zuniga, Murillo, Zapata, Arias;m Meija; Cuadrado, James Rodriguez, Ibarbo; Gutierrez, Jackson. All.: Pekerman

00.40 Questo lo spogliatoio della Cafetera, con le maglie dei portieri in bella mostra, oltre al tridente al quale si affida Pekerman. 

00.35 Partiamo con questa lunga diretta con le immagini live dagli spogliatoi delle squadre. Si parte con la maglia del Jefecito Mascherano. 

00.30 Buonasera amici lettori di Vavel Italia e benvenuti ad un'altra diretta testuale della Copa America 2015. A Vina del Mar si gioca il terzo dei quattro quarti di finale, che vedrà opposte Argentina e Colombia, nella gara con maggior fascino del lotto dei quarti. Dopo Cile e Perù chi tra Albiceleste e Cafeteros accederanno alla semifinale? Messi o James? Da Andrea Bugno e dalla redazione di Vavel Italia l'augurio di una piacevole serata in nostra compagnia. 

La sfida tra Argentina e Colombia infiamma il programma dei quarti di finale di Copa America. Una partita che mette di fronte due delle migliori squadre del lotto, due serissime candidate a portare a casa la vittoria finale. A Vina del Mar, allo stadio Sausalito, una delle due dovrà lasciare in anticipo rispetto ai piani d'inizio. E se l'Argentina ha fatto il proprio dovere, conquistando il primo posto nel suo girone davanti a Paraguay, Uruguay e Giamaica, lo stesso non si può dire per i Cafeteros, qualificati come terzi alle spalle del Brasile e del Perù, rischiando anche l'eliminazione.

Argentina - Il cammino degli uomini di Martino poi, a parte il mezzo passo falso del match di esordio contro il Paraguay è stato piuttosto lineare. Forse meno spettacolare e ricco di marcature di quello che ci si aspettava ma comunque fatto di due vittorie e un pareggio nel girone che hanno fruttato sette punti utili per qualificarsi come prima del girone.

Colombia - Le prestazioni dei Cafeteros sono state sinora al di sotto delle attese e delle potenzialità di una selezione in costante ascesa negli ultimi quattro anni. La sconfitta all'esordio contro il Venezuela ha complicato il discorso qualificazione, poi acciuffata in extremis come terza del gruppo C.

Indubbiamente il reparto avanzato. Sono poche, pochissime le squadre che possono contare su nomi del calibro di Pastore, Di Maria, Lamela, Messi,  Aguero, Tevez, Higuain. Attualmente l'attacco dell'albiceleste, però, sembra non riuscire ad esprimere al massimo quello che è il suo potenziale. Infatti sono soltanto quattro le reti messe a segno durante questo torneo. Due portano la firma del Kun Aguero (contro Paraguay e Uruguay), una della Pulce Messi e una del Pipita Higuain. C'è da dire, però, che dopo le due reti subite nella gara inaugurale ad opera dei paraguaiani Valdez e Barrios, la retroguardia guidata da Romero e Garay sembra aver imparato la lezione e così ha abbassato il bandone rendendo vani gli attacchi degli avanti giamaicani e uruguaiani, chiudendo così le ultime due partite del girone senza subire gol. Se l'attacco comincia a girare come deve e la retroguardia regge per le altre sono dolori.

James Rodriguez, 24enne del Real Madrid, faro della nazionale di Pekerman, è chiamato al proscenio in una competizione in cui non ha al momento brillato. Talento purissimo, il mancino numero diez in maglia oro ha risentito anche delle scelte del suo commissario tecnico, incerto se schierarlo da trequartista o da esterno sinistro di centrocampo (addirittura da seconda punta in alcuni frangenti di gioco). Le note liete in casa Cafeteros vengono invece soprattutto dalle prestazioni del neo interista Murillo, splendido baluardo difensivo contro Brasile e Perù. Veloce e tosto nell'uno contro uno, Murillo compone con Zapata una linea difensiva di tutto rispetto, spesso costretta a fronteggiare i contropiede avversari con molto campo da coprire alle proprie spalle.

La tenuta nervosa è una dei fattori che mette duramente alla prova ogni partecipante a questa competizione. Ogni partita può trasformarsi in una "corrida", ne è un esempio la sfida contro l'Uruguay. Inoltre, il pericolo di sottovalutare l'avversario è sempre dietro l'angolo come dimostra il dialogo tra Messi e Di Maria poco prima dell'inizio del secondo tempo della sfida con il Paraguay."Cosa stava dicendo il mister negli spogliatoi? Che non sarà una partita facile?" E giù risate. Sappiamo tutti poi com'è andata a finire.

Se Cuadrado continua nell'altalenare gare di sola corsa ad altre in cui aggiunge al suo straripante atletismo un minimo di raziocinio, è il centrocampo il reparto colombiano maggiormente in difficoltà, con Sanchez e Mejia incapaci di offrire la giusta creatività in una zona nevralgica, nonostante siano agevolati dalle continue sovrapposizioni di Arias e Armero, vere e proprie ali prestate al ruolo di terzini. In vista della gara di venerdì Pekerman dovrà sciogliere il consueto dubbio circa lo schieramento offensivo. Detto della posizione di James Rodriguez, la stampa colombiana si attende uno tra Jackson Martinez e Carlos Bacca ad affiancare El Tigre Radamel Falcao. In realtà non è da sottovalutare l'ipotesi che sia nuovamente titolare Teo Gutierrez, attaccante di raccordo tra i reparti, non bellissimo da vedere ma ritenuto molto utile alla causa dal suo allenatore. Fuori dalle scelte di Pekerman invece Luis Muriel, altro talento della batteria di punte dei Cafeteros, finora sempre relegato in panchina anche a vantaggio di Victor Ibarbo, che garantisce maggiore copertura su una delle due fasce offensive.

Argentina - La Seleccion non dovrebbe cambiare nulla rispetto al classico undici che si è visto in campo nelle scorse partite, con un 4-3-3 che permette agli interpreti di avere spazio per muoversi e soprattutto svariare, causando non pochi problemi alle difese avversarie: quello che è mancato spesso è stata la freddezza sotto porta. El Tata davanti schiererà il tridente composto da Leo Messi a destra, Angel Di Maria a sinistra e Sergio Aguero al centro: il Kun, assente per un problema fisico contro la Giamaica, ha segnato 2 dei 4 gol realizzati dalla sua nazionale fin'ora. In mezzo al campo a dettare i tempi e a fare da schermo ovviamente giocherà El Jefecito Mascherano, affiancato verosimilmente da Biglia e da Pastore, ma occhio all'incognita Ever Banega, giocatore che ha molto ben figurato nelle scorse gare. Nessuna sorpresa nella difesa a quattro davanti a Sergio Romero: Zabaleta a destra e Rojo a sinistra, con Otamendi e Garay a comporre la coppia centrale.

Colombia - Insisterà ancora sul 4-4-2 Pekerman, con un nuovo modulo rispetto al 4-2-3-1 visto allo scorso mondiale e decisamente di maggior successo rispetto al nuovo schieramento tattico, ancora molto da rodare. Sono anche diverse le assenze per i Cafeteros, in emergenza a centrocampo dove mancano Sanchez e Valencia, oltre che all'uomo-mercato Carlos Bacca, obiettivo di Milan e Roma tra le altre. Tra i pali ci sarà Ospina, con davanti a lui la difesa composta da Zuniga, Murillo, Zapata ed Armero. In mezzo al campo dovrebbero esserci dunque Mejia e Cardona a supplire alle assenze, con Cuadrado e James Rodriguez a presidiare le fasce. Davanti, a fianco di Falcao, agirà ancora Teofilo Gutierrez, con Jackson Martinez ancora in panchina.

Argentina (4-3-3): Romero; Zabaleta, Garay, Otamendi, Rojo; Biglia, Mascherano, Pastore; Messi, Aguero, Di Maria. All.: Martino

Colombia (4-4-2): Ospina; Zuniga, Murillo, Zapata, Armero; Cuadrado, Meija, Cardona, James Rodriguez; Gutierrez, Falcao. All.: Pekerman

Il primo pensiero del Tata va all’impronta tattica delle squadre allenate dal Pek: "Le squadre allenate da José sono sempre ordinate. Sanno difendere bene, ma altrettanto sanno attaccare. Bisognerà seguire il piano della partita senza rilassarsi". Alla vigilia del quarto l’allenatore del’Argentina ha riconosciuto il problema della scarsa finalizzazione della quale sta soffrendo la sua selección, riconoscendo anche che "anche la Colombia tiene il nostro stesso problema, o anche peggio visto che hanno segnato solo un gol". La Colombia arriva ai quarti dopo aver segnato un gol in tre partite, Murillo contro il Brasile, durante la fase a gironi. In riferimento al caso Jara, il Tatase ne è uscito con un’affermazione degna del miglior Mourinho sulla situazione arbitrale: "Più di quello che può fare in campo la Colombia, visto i fatti recenti, mi preoccupa quello che può fare l’arbitro in campo". E il prepartita si accende da subito con questa dichiarazione. Sull’undici titolare che andrà in campo l’ex allenatore del Barça non ha dubbi. Confermata la squadra con la quale Martino gioca a memoria. A Viña del Mar questa sera sicuramente giocherà Pastore e sarà confermato Otamendi in difesa al posto di Demichelis. Ma dipenderà tutto, e molto, da quei due la avanti: Angel Di Maria e Leo Messi. L’Argentina ha l’obbligo di superare il turno, la Colombiaquello di rovinare i piani di fiesta. Le statistiche dicono che in 5 confronti contro la Colombia Martino ha vinto due volte, cedendo in tre occasioni ai caferetos.

Pekerman, dopo il grande mondiale di Brasile 2014 dello scorso anno, dovrà cercare prima di tutto lo spirito della sua squadra che fin’ora è stato l’assente ingiustificato del torneo. Il tecnico argentino ha affermato con sincerità che: "Arriviamo a questa sfida con dei problemi già visti sul campo". Il compromesso sta nel giocare bene e quello che accadrà si vedrà. Commentando la sfida contro i suoi connazionali il selezionatore cafeteros ha affermato: "E’ una partita molto attrattiva, importante, nella quale entrambe le nazionali posso giocare un bel calcio. E’ sicuro che dobbiamo risolvere in fretta i nostri problemi, giocheremo con la migliore formazione possibile per battere l’Argentina". La squadra c’è e segue l’allenatore che ammette: "Questo gruppo è già uscito da situazioni difficili. Abbiamo una rosa piena di talento, siamo preparati per la partita e il fatto di conoscere i nostri mezzi ci spinge a fare una grande partita". Pekerman nel mondiale di Germania 2006, ai tempi tecnico dell’albiceleste, ha avuto l’onore di far debuttare Leo Messi in un mondiale. Riguardo al paragone Messi – James, le grandi figure del duello di questa sera, Pekerman ha analizzato: "Ricordo che Messi si arrabbiava quando non vinceva. Così come James lo fa ora. Questi sono i grandi giocatori". Concludendo che: "Sempre ho ammirato Messi e ho sognato che fosse quello che è adesso: il migliore del mondo". 

Una sfida storica, che ha visto fin qui giocarsi ben 32 incontri, che sorridono all'Albiceleste. 17 le vittorie argentine, otto quelle colombiane, con sette pareggi. 

Si gioca allo stadio Susalito di Vina del Mar, che sarà riempito da 23000 indemoniati tifosi in maggioranza Albiceleste, ma anche la compagine cafetera si farà sicuramente sentire. 

Calcio Sudamericano