Copa America Centenario, gruppo C: Uruguay costretto al successo, Messico per archiviare il primato

Esame Venezuela per l'Uruguay di Tabares, che rischia l'eliminazione già da stasera. Un risultato negativo potrebbe compromettere il cammino verso la fase ad eliminazione diretta, mentre il Messico aspetta la Giamaica per confermare il primo posto dopo l'affermazione della prima giornata.

Copa America Centenario, gruppo C: Uruguay costretto al successo, Messico per archiviare il primato
Copa America Centenario, gruppo C: Uruguay costretto al successo, Messico per archiviare il primato

Spalle al muro, o quasi. Contro il Venezuela, forte del successo ottenuto nella prima giornata contro il fanalino di coda Giamaica, l'Uruguay di Oscar Tabares e di Edinson Cavani cerca un risultato positivo per rimanere aggrappata alla qualificazione. La Celeste non potrà ancora contare su Luis Suarez, allenatosi con il resto del gruppo ma che non è ancora pronto a giocare. Di contro una vinotinto leggera nell'animo dopo aver conquistato il primo successo nel gruppo C, che si giocherà le sue carte in maniera spensierata, con tutto da guadagnare. Nell'altro match di giornata tutto facile, in apparenza, per il Messico di Herrera, che contro la Giamaica cerca tre punti per archiviare la qualificazione. 

Uruguay-Venezuela

Il match tra Uruguay e Venezuela sarà il primo di giornata ed andrà in scena al Lincoln Financial Field di Philadelphia, nel cui ventre Tabares deciderà soltanto in vista dell'inizio della gara se schierare dall'inizio il suo pistolero. In alternativa, pronti Lodeiro e Stuani a fare coppia con Cavani. A centrocampo altra defezione eccellente sarà quella del viola Vecino, sostituito da Laxalt. Il resto della formazione dovrebbe essere la stessa del match inaugurale, con Sanchez e Rolan sugli esterni e Arevalo Rios a protezione della difesa composta da Godin e Gimenez centralmente davanti a Muslera. Dudamel si affiderà ad un 4-2-3-1 molto chiuso tra i reparti, capace di ripartire con velocità in contropiede sfruttando Rondon davanti. Guerra, Martinez e Gunther a fare da raccordo, con Rincon che guiderà i suoi nella pancia del terreno di gioco. 

Le probabili formazioni

Uruguay (4-4-2): Muslera; Maxi Pereira, Godin, Gimenez, Alvaro Pereira; Carlos Sanchez, Arevalo Rios, Alvaro Gonzalez, Rolan; Lodeiro, Cavani.  All. Tabarez.

Venezuela (4-4-2): Dani Hernandez; Rosales, Vizcarrondo, Wilker Angel, Feltscher; Guerra, Rincon, Figuera, Seijas; Josef Martinez, Rondon.

Messico-Giamaica

Nel match maggiormente scontato di giornata, il Messico dovrà essere bravo a non abbassare la tensione mostrata in campo contro l'Uruguay. Ad Herrera ed Hernandez affidate le chiavi della squadra, con Osorio che dovrà rinunciare allo squalificato Guardado. Schafer invece recupera al centro della difesa Wes Morgan, baluardo del Leicester, e si affida davanti a McClery e Barnes, nella speranza che la fisicità dei suoi possa fare la differenza a centrocampo. La necessità di risultato potrebbe spingere la Giamaica ad offendere e sbilanciarsi fin dalle prime battute di gioco, con i messicani che dovranno farsi trovare pronti a chiudere le linee e ripartire in velocità.  

Le probabili formazioni 

Messico (4-3-3): Ochoa; Araujo, Hector Moreno, Reyes, Layun; Duenas, Hector Herrera, Lozano, Aquino; Manuel Corona, Javier Hernandez. All. Osorio.

Giamaica (4-4-2): Blake; Michael Hector, Mariappa, Je-Vaughn Watson, Wes Morgan; Kemar Lawrence, Jermaine Taylor, McAnuff, Donaldson; Barnes, McCleary.


Share on Facebook