Atlético, è ora di pensare all'Europa

Dopo la sconfitta di sabato scorso contro il Villarreal, che porta los colchoneros a -4 dalla vetta, la squadra di Simeone ospita il Benfica nella seconda gara di Champions League. Partita importante che anticipa il derby di Madrid, sempre al Calderòn...

Atlético, è ora di pensare all'Europa
Atlético è l'ora di pensare all'Europa

Oggi come domenica prossima, il Vicente Calderòn sarà lo scenario decisivo dell'Atlético Madrid. La squadra di Simeone davanti ai suoi tifosi dovrà dimostrare di essere attrezzata per entrambi i fronti: Liga e Champions League. L'inizio di stagione è stato positivo per i colchoneros ma le sconfitte contro Barcellona e Villarreal hanno fatto perdere contatto con la vetta, le aspettative del pre-campionato erano decisamente più alte come lo stesso Simeone dichiarava. Questa è la peggior partenza in Liga dell'era-Simeone, il primo non contento di questo dato statistico è il cholo. 

In Champions League è arrivata la vittoria all'esordio in Turchia, contro il Galatasaray, grazie alla doppietta delle petit diable: Antoine Griezmann. Oggi al Calderòn arriva il Benfica degli ex Eduardo Salvio, Pizzi, Silvio e Raul Jimenez, ex della sfida anche Guillerme Siqueria vicinissimo in estate al club portoghese. I lusitani sono primi nel girone C a pari punti con l'Atlético Madrid, sarà una sfida fondamentale per il primo posto nel girone. Ad arbitrare l'incontro ci sarà un fischietto di nostra conoscenza: Gianluca Rocchi.

Lo scetticismo della stampa spagnola riguarda Jackson Martinez che al momento ha segnato un solo gol, nella vittoria a Siviglia per 3 a 0, apparentemente fuori dal gioco di Simeone. Il cholo difende a spada tratta il giocatore colombiano, acquistato per 35 milioni dal Porto in estate: "E' un giocatore che è arrivato solo due mesi fa, è normale che stia pagando un periodo d'adattamento. Non successe lo stesso con Diego Costa e Falcao; David Villa era molto meno abituato a giocare con questo modulo (4-4-2 n.d.r.), però neanche Mandzukic e Diego Costa lo erano. Jackson viene da un altro torneo, è normale che abbia necessità di più tempo. Hanno segnato tantissimi gol Falcao, Costa, Manduzkic, Torres... Anche Jackson lo farà".

Jackson Martinez fatica a prendere confidenza con il gioco dell'Atlético, non si può dire lo stesso di Angel Correa che piano piano sta entrando nei meccanismi del cholo. In conferenza stampa, alla domanda se Correa potesse essere accostato ad un altro grande ex rojiblanco come Sergio Aguero, il Cholo ha negato la somiglianza tra i due non risparmiando elogi al piccolo argentino che sta conquistando Madrid. Correa non è nove puro, ama muoversi tra le linee, duttile in ogni posizione della trequarti, "Gioca calcio in qualsiasi lato del campo" come lo ha definito Simeone.

Il Benefica sarà un osso duro per la squadra di Simeone. I portoghesi hanno una grande esperienza continentale, anche se in Champions League sbagliano spesso, è una squadra veloce che in ripartenza può fare male. Jonas e Mitroglu assicurano gol, Gaitàn è il punto di riferimento della squadra che può essere vista come una riproposizione portoghese dell'Atlético Madrid. Vincere questa sera sarà determinante, vincere anche domenica prossima è l'imperativo di Simeone.

Le probabili formazioni 

Atletico Madrid (4-4-2): Oblak, Juanfran, Gimenez, Godìn, Filipe Luis; Oliver, Gabi, Tiago, Koke; Torres/J. Martinez, Griezmann. All. Simeone

Benfica (4-2-3-1): J. Cesar; Semedo, Luisao, Jardel, Eliseu; André Almeida, Samaris; Guedes, Talisca, Gaitan; Jonas. All. Vitoria

Champions League