Atletico Madrid - Astana 4-0: i colchoneros servono il poker

Partita abbastanza semplice per la squadra di Simeone, che già al termine del primo tempo mette in cassaforte il risultato con i gol di Niguez e Martinez. Nei secondi 45 minuti, aggiornano il tabellino Oliver Torres e l'autorete di Dedechko.

Atletico Madrid - Astana 4-0: i colchoneros servono il poker
Atletico Madrid
4 0
Astana
Atletico Madrid: Oblak; Juanfran, Savic, Godin, Siqueira; Ferreira, Tiago (O.Torres, min.46), Gabi, Niguez; Martinez (F.Torres, min.67), Griezmann (Correa, min.58).
Astana: Eric; Beysebekov, Postnikov, Dedechko, Ilic, Akhmetov; Schetkin (Kulbekov, min.80), Muzhikov (Kozhamberdy, min.83), Zukov (Pikalkin, min.64), Kethevoama; Kabananga.
SCORE: 1-0, min. 23, Niguez. 2-0, min. 29, Martinez. 3-0, min. 63, O. Torres. 4-0, min. 90, aut. Dedechko.
ARBITRO: Aleksei Kulbakov (BLR). Admonished Akhmetov (min. 49)

Vittoria mai in discussione per i "colchoneros" che, con una prestazione sufficiente ma convincente, portano a casa tre punti molto importanti. Prima del match si parlava di questa sfida come di una farsa per via della decisione dell'allenatore della squadra kazaka (Stoilov) di lasciare a casa gran parte dei titolari e giocare questa partita con le seconde linee. Addirittura sulla lista UEFA vengono registrati solo 15 giocatori, con i 3 di movimento della panchina entrati nel secondo tempo. Per chi ha visto il match, si può dire che le cosiddette "riserve" non hanno demeritato, anzi hanno cercato, nei limiti del proprio bagaglio tecnico, di mettere in difficoltà la difesa di casa ed in alcuni casi ci sono anche riuscite. In particolare il più pericoloso è stato il giocatore più talentuoso della squadra kazaka, Kethevoama. I "materassai" hanno comunque gestito bene il vantaggio e nel finale hanno provato a mettere la ciliegina sulla torta facendo segnare il 100mo gol a Fernando Torres, il quale ci è andato vicino, ma ha trovato sulla sua strada un ottimo Eric. Quindi, anche se la squadra ospite si fosse presentata al "Vicente Calderon" con i titolari non sarebbe cambiato nulla, data la grande differenza tecnica tra le due formazioni, ma questa situazione fa riconsiderare la scelta del presidente dell'UEFA, Michel Platini, di aprire la più importante competizione tra club al mondo a federazioni che non sono ancora pronte a disputarla.

Il primo tiro in porta della partita è dei padroni di casa che al 4' si presentano alla conclusione con Jackson Martinez ma il suo tiro sfiora solamente la traversa. Al 7', Godin stacca di testa su corner battuto da Gabi, ma non imprime forza al pallone che viene bloccato da Eric. All'8' si sveglia l'Astana con Kethevoama, ma la soluzione è pretenziosa, infatti il suo tiro dai 23 metri finisce ben lontano dai pali della porta colchonera. Al quarto d'ora, ancora Godin si fa trovare pronto sul calcio d'angolo battuto da Gabi, ma la mira è troppo centrale e il portiere avversario non ha problemi a parare. Al 17' Griezmann sciupa una buona occasione, calciando alto un buon cross diretto in area. Gli ospiti ci provano con le conclusioni dalla distanza, ma i tentativi sono poco pericolosi come in occasione del tiro dai 24 metri di Muzhikov, il pallone infatti finisce ben lontano dal palo destro della porta difesa da Oblak. Al 22' Griezmann colpisce bene di testa, ma Eric si supera e respinge in corner. Dal seguente calcio d'angolo si sblocca la gara: Gabi batte corto per Ferreira-Carrasco che dal fondo serve Niguez che di tacco punisce la squadra kazaka. Al 27' gol annullato a Griezmann per fuorigioco. Passano 2 minuti ed il raddoppio è effettivo: Martinez raccoglie un buon pallone in area di rigore, si gira e calcia trovando una doppia deviazione che beffa inesorabilmente Eric. Al 40', ancora l'attaccante colombiano si presenta davanti al portiere, ma il suo colpo di testa viene ben respinto dall'estremo difensore avversario. Griezmann ha una buona opportunità dal dischetto dell'area di rigore, ma il suo colpo di testa favorisce la parata di Eric. Al 44' Siqueira prova la conclusione dai 20 metri, ma la mira è completamente imprecisa. I primi 45 minuti hanno totalmente rispecchiato i pronostici, con i "colchoneros" tranquillamente avanti per 2-0.

La ripresa si apre col tiro dalla distanza di Niguez, ma la soluzione non è pericolosa. Secondo tempo logicamente più soporifero rispetto al primo tempo, con i padroni di casa che si limitano a gestire il vantaggio. Al 59' Ferreira-Carrasco scappa alla difesa kazaka e una volta arrivato in area tira addosso ad Eric. Al 63' arriva il sigillo al match: Gabi fugge in contropiede e, arrivato al limite dell'area di rigore avversaria, serve Oliver Torres che con un tocco sotto supera l'estremo difensore avversario. Reagiscono gli ospiti con Kethevoama, che approfitta di una palla vagante in area per calciare in porta, ma sulla traiettoria arriva Oblak che respinge in corner. Al 70' l'autore del terzo gol madridista viene servito in area di rigore, ma stavolta la sua conclusione è fuori misura. Al 78' Fernando Torres cerca di emulare il suo omonimo, ma stavolta Eric rimane in piedi e spedisce il pallone in corner. All'81' il migliore dei kazaki, Kethevoama, calcia dai 16 metri alla ricerca dell'angolino basso, ma Oblak ci arriva con un grande scatto di reni. Occasione per il poker sciupato dal "Nino" Torres che davanti al portiere tira rasoterra, ma l'estremo difensore avversario sfodera tutti i suoi riflessi e para. Nell'ultimo minuto regolamentare arriva il 4-0: Correa apre per Juanfran che crossa sottoporta, dove trova l'involontaria deviazione di Dedechko che beffa Eric. Con questa vittoria l'Atletico Madrid si porta a quota 6 punti, mentre l'Astana resta ferma a 1.

Champions League