Real Madrid, Zidane e Ronaldo prima della Roma: "C'è pressione, ma siamo concentrati"

Il tecnico francese degli spagnoli assieme al fuoriclasse portoghese presenta il match contro i giallorossi ai media: tutte le dichiarazioni.

Real Madrid, Zidane e Ronaldo prima della Roma: "C'è pressione, ma siamo concentrati"
Zinedine Zidane, allenatore del Real Madrid. Google.

Domani il big match con la Roma, per prendere altra fiducia in un momento non troppo esaltante. Il Real Madrid è concentrato e ha tantissima voglia di vincere l'andata degli ottavi di finale. Ciò e dimostrato dalle dichiarazioni forti di Cristiano Ronaldo, prima della partita, in conferenza stampa, sulle sue sensazioni pre-match: "Ho sensazioni positive, stiamo andando bene, ci siamo allenati alla grande per tre settimane, abbiamo segnato parecchio, va tutto in maniera eccezionale, questa competizione conta tanto per noi e per la società, conosciamo le difficoltà del match di domani, ma siamo fiduciosi e cercheremo di vincere". 

Poi il portoghese prosegue, sul rigore indiretto tirato da Messi: "Sarò breve, so perchè Leo ha fatto così. Vi lascio interpretare". Le critiche, quanto danno fastidio? E il giocatore è soddisfatto del suo club? La risposta: "Le critiche le conosco, ormai ci ho fatto l'abitudine, sono normali. Ho dato sempre il 100% e appena rallento i giornalisti scrivono un po' di tutto. Riguardo al club, gioco per il migliore del mondo; questa competizione per noi è importantissima e lo è anche per il club, cercheremo di vincere nonostante siamo in trasferta". Si sente favorito CR7 per la vittoria finale? E per il passaggio del turno? "Siamo favoriti per tutte le competizioni, abbiamo sempre fame e lo lasciamo vedere in campo. E' vero che in linea di principio abbiamo le stesse possibilità ma poi si vede in campo".

Ecco invece le poche parole di Zidane, l'allenatore madridista, sempre in conferenza stampa proprio assieme al fuoriclasse portoghese: "Dobbiamo iniziare forte, sfideremo un top team ma sono tranquillo perché abbiamo lavorato alla grande". Su Totti: "Quello che ha fatto è importante, decide lui. Vedremo cosa deciderà, è sempre un piacere vederlo giocare". La pressione del tabù squadre italiane e delle diverse sensazioni tra calciatore e allenatore, e anche Marcelo, come sta? "Speriamo di sfatare questo mito delle italiane, ma sono 180', domani è solo la prima. La pressione non manca mai, ma i giocatori sono concentrati e questo mi tranquillizza. Marcelo sta bene, giocherà solo se si troverà al 100%". Infine, è particolare la Champions League per questa squadra? "Sappiamo tutti cosa è per il Real. Stiamo bene fisicamente, faremo di tutto e siamo fiduciosi".


Share on Facebook