Champions League - La Juventus vola a Cardiff: battuto il Monaco 2-1

La squadra di Allegri sconfigge i monegaschi anche al ritorno grazie ai gol di Mandzukic e Dani Alves nel primo tempo mentre è di Mbappè la rete della squadra di Jardim.

Champions League - La Juventus vola a Cardiff: battuto il Monaco 2-1
Champions League - La Juventus vola a Cardiff: battuto il Monaco 2-1
JUVENTUS
2 1
MONACO
JUVENTUS: BUFFON; BARZAGLI (85' BENATIA), BONUCCI, CHIELLINI, DANI ALVES, KHEDIRA (10' MARCHISIO), PJANIC, ALEX SANDRO, DYBALA (54' CUADRADO), MANDZUKIC. ALL. ALLEGRI
MONACO: SUBASIC, RAGGI, GLIK, JEMERSON, SIDIBE, MENDY (54' FABINHO), BAKAYOKO (78' GERMAIN), MOUTINHO, BERNARDO SILVA (70' LEMAR), FALCAO, MBAPPE. ALL. JARDIM
SCORE: 2-1. 1-0 33' MANDZUKIC, 2-0 44' DANI ALVES, 2-1 69' MBAPPE'
ARBITRO: KUIPERS AMMONITI: FALCAO, MENDY (M), BONUCCI, MANDZUKIC (J)
NOTE: JUVENTUS STADIUM INCONTRO VALIDO PER IL RITORNO DELLE SEMIFINALI DI CHAMPIONS LEAGUE

La Juventus è in finale di Champions League per la seconda volta negli ultimi tre anni. Allo Stadium gli uomini di Allegri battono anche al ritorno il Monaco per 2-1 e staccano il pass per Cardiff. Partita già in ghiaccio nel primo tempo con Manduzkic che apre le marcature e Dani Alves chiude i conti al termine della prima frazione. Nel secondo tempo molto nervosismo, con le scintille tra Glik ed Higuain, e poche emozioni, con il Monaco che trova il gol della bandiera con il solito Mbappè. Adesso gli uomini di Allegri aspettano una tra Real Madrid e Atletico. 

Per quanto riguarda le formazioni Allegri conferma in blocco la formazione che ha vinto all'andata con il rientro di Khedira al posto di Marchisio mentre Jardim rivoluziona un po' la squadra squadra proponendo un 3-4-1-2 con Raggi nel terzetto difensivo e Mendy al posto di Lemar con Moutinho in cabina di regia per Fabinho. 

Bell'inizio del Monaco che al 7' bussa per la prima volta dalle parti di Buffon con Falcao che prende palla ai venticinque metri e calcia, palla alta. La risposta della Juventus, che perde Khedira per infortunio (al suo posto Marchisio), arriva al 14' con Mandzukic che sovrasta Glik e appoggia di testa per Dybala che va di destro ma la palla termina a lato. Col passare dei minuti i bianconeri crescono e al 22' vanno ad un passo dal vantaggio con Higuain che si ritrova davanti a Subasic, prova a saltarlo con un pallonetto ma Glik salva tutto quasi sulla linea di porta. Poco dopo ancora Juve con Higuain che trova bene Mandzukic il quale, a tu per tu con Subasic, si fa ipnotizzare dal portiere ospite e anche connazionale.

Il gol sembra nell'aria e arriva al 33' con una gran ripartenza della Juve che porta al cross Dani Alves per l'accorrente Manduzkic che va di testa trovando la risposta di Subasic. Sulla respinta però il Croato non perdona e mette dentro col piattone, 1-0. Il Monaco accusa il colpo e al 38' la Juve sfiora il raddoppio con Mandzukic che trova con un gran lancio Higuain il quale controlla in maniera sublime col destro e calcia col sinistro trovando la risposta di Subasic. Poco dopo sempre Juve ad un passo dal gol con Dani Alves che trova Dybala in area ma Subasic lo ipnotizza. E' solo il preludio, però, al gol del raddoppio che arriva al 44' con Dani Alves che raccoglie una respinta di Subasic e con un gran destro al volo mette dentro realizzando un eurogol, 2-0 e primo tempo agli archivi.  

La ripresa si apre con un cambio per parte: dentro Cuadrado per Dybala nella Juventus mentre nel Monaco in campo Fabinho per Mendy. Il primo squillo del secondo tempo è sempre dei bianconeri con Higuain che rientra sul destro e calcia, palla a lato. La risposta del Monaco arriva al 67' con Mbappè che scappa via sulla sinistra, entra in area e calcia ma Buffon con un guizzo mette in angolo. Sono solo le prove generali del gol che arriva al 69' con uno schema su calcio di punizione che porta al cross Joao Moutinho per Mbappè che anticipa tutti e batte Buffon, 2-1. 

Jardim si gioca il tutto per tutto mandando in campo Germain per Bakayoko mentre Allegri inserisce Benatia per Barzagli. Nel finale non succede nulla, con i bianconeri che negli ultimi dieci minuti controllano con relativa semplicità le folate dei transalpini: la Juventus vince anche al ritorno e vola a Cardiff, seconda finale in tre anni per i bianconeri. 

Champions League