Champions League: il Qarabag battezza il ritorno in Europa del Chelsea

Prende il via il 'gruppo di ferro'. Il Chelsea attende allo Stamford Bridge la Cenerentola Qarabag. Saranno tre punti facili per Conte & company?

Champions League: il Qarabag battezza il ritorno in Europa del Chelsea
Champions League: il Qarabag battezza il ritorno in Europa del Chelsea

Il Chelsea, dopo un anno di assenza, ritorna in Europa, riaffacciandosi nel 'Giardino Incantato' della Champions League. La casa dei Blues è pronta a riaprire le porte ed accogliere la musichetta della Champions. L'avversario di turno, sarà il semi-sconosciuto Qarabag, club campione d'Azerbaigian che ha superato ben tre turni preliminari prima di guadagnarsi il 'lusso' di vivere da protagonista una serata speciale, nel salotto dello Stamford Bridge. Qualificarsi agli ottavi, per i londinesi, non sarà semplice in quanto il gruppo C conta le presenze anche di Atletico Madrid e Roma. Gli addetti ai lavori non ci hanno pensato sù due volte per definirlo il girone di ferro di questa edizione. Ma di sicuro, non sembrano essere in discussione i tre punti contro gli azeri, la Cenerentola del girone, destinata a chiudere al quarto posto. La forza del club londinese è senza ombra di dubbio la qualità del collettivo, che abbinate alle capacità di leadership dell'allenatore Antonio Conte, potrebbero creare quel connubio giusto, esplosivo, affinchè i Blues possano arrivare fino in fondo in questa edizione della Champions. Il Chelsea è quinto nel Ranking UEFA, il Qarabag solo 134mo. Questo dato testimonia chiaramente la differente forza tra le due squadre. Gli azeri contendono a Maribor e Apoel Nicosia la palma della più fragile fra le formazioni qualificate, mentre la creatura di Roman Abramovich ha come obiettivo quello di presentarsi allo stadio Olimpiyskyi, il 26 maggio, e tentare di impugnare 'le grandi orecchie'.

L'avventura del Qarabag in Champions League è partita prestissimo. Prima di raggiungere la storica fase a gironi, ha eliminato in successione, nei turni preliminari, il Samtredia, lo Sheriff Tiraspol ed il Copenaghen, quest'ultimo avversario di buon rango, relegato solo in Europa League. Mai nessuna squadra azera era riuscita a spingersi così in alto, e partecipare alla fase finale della massima competizione europea riservata alle squadre di club. Al momento, il Qarabag rappresenta l'èlite del calcio in Azerbaigian, avendo vinto gli ultimi quattro campionati nazionali. In Europa, in diciotto gare fin qui disputate, ha vinto soltanto in quattro occasioni. Il mattatore della squadra, Dino Ndlovu, ha sospinto i suoi realizzando ben quattro gol nei precedenti sei match di qualificazione, tutti giocati tra il mese di luglio e quello di agosto. Esordisce in Champions anche Gurban Gurbanov, l'allenatore della compagine azera che in patria è soprannominata 'Squadra dei Cavalieri'.

Sul fronte delle formazioni, il Chelsea dovrebbe schierarsi con il 3-4-2-1. Davanti a Courtois, saranno Azpilicueta, David Luiz e Rudiger a comporre il pacchetto arretrato, con Cahill out poichè squalificato. Moses e Marcos Alonso larghi sulle fasce, con Fabregas e l'ex Leicester Kantè a dirigere le operazioni in mezzo al traffico del centrocampo. Morata è in vantaggio su Batsuhayi, ed in appoggio spazio per Willian ed il ristabilito Hazard. Solo panchina, almeno inizialmente, per Davide Zappacosta, da pochi giorni catapultato da Torino a Londra, in una realtà tutta nuova per lui. Gli azeri, dal canto loro, rispondono con il 4-3-3, non rinunciando all'idea di calcio offensivo che ha fatto le fortune del club dell'est Europa. Sehic il portiere, con Agolli, Guysenov, Rzezniczak e Medvedev in difesa. Tocco spagnolo e brasiliano in mezzo, con Michel e Richard che giocheranno insieme a Garayev. Tridente composto da Madatov, l'haitiano Guerrier, e dal bomber di Coppa Ndlovu.

Queste le probabili formazioni:

Chelsea (3-4-2-1): Courtois; Azpilicueta, David Luiz, Rudiger; Moses, Fabregas, Kante, Marcos Alonso; Willian, Hazard; Morata. Allenatore: Conte.

Qarabag (4-3-3): Sehic; Agolli, Rzeniczek, Guseynov, Medvedev; Garayev, Richard, Michel; Guerrier, Madatov, Ndlovu. Allenatore: Gurbano