Valencia, ufficiale il rinnovo di Paco Alcacer fino al 2020

La storia tra Francisco Alcacer Garcia - noto come Paco - e il Valencia è destinata a durare ancora a lungo: poche ore fa il club di Lim ha ufficializzato il rinnovo contrattuale fino al 2020 dell'attaccante di Torrent.

Per il Valencia si tratta di un'operazione molto importante, in quanto l'attaccante del '93, Paco Alcacer, è uno dei migliori attaccanti della Liga e, piano piano, si sta ritagliando un ruolo sempre più importante anche all'interno della "Roja", con la quale finora ha collezionato 5 presenze condite da 3 gol.

Paco Alcacer ha solo 21 anni, ma già un invidiabile curriculum calcistico alle spalle. Cresciuto nel vivaio dei "pipistrelli", nel novembre 2010 l'allora tecnico Unai Emery - ora sulla panchina del Siviglia - lo fa esordire con la prima squadra nella gara di Coppa del Re contro il Logrones.

Ma la stagione successiva inizia male per il giocatore: il 12 agosto 2012, al termine dell'amichevole estiva contro la Roma vinta per 3-0 dove il centravanti gioca e segna, il padre, presente allo stadio, viene colpito da un infarto fulminante dal quale, purtroppo, non riuscirà a salvarsi. E' da questo momento che Paco, ad ogni gol, esulta sorridendo e alzando le dita al cielo.

Nel corso di quell'annata collezionerà 3 presenze in Liga. Pur essendo giovane e in fondo alla gerarachia degli attaccanti del Valencia dopo i vari Soldado, Jonas e Pablo Piatti, molti club spagnoli lo osservano da vicino in quanto intravedono le sue enormi potenzialità. I due campionati europei del 2011 e 2012 vinti da titolare con la Spagna Under 19 non passano inosservati.

E così nel campionato 2012/2013 passa in prestito al Getafe, con il quale totalizza 24 presenze e 4 reti. La squadra arriverà decima in classifica.

Ma è durante la scorsa stagione che Paco Alcacer trova la definitiva consacrazione: i "pipistrelli" guidati da Pizzi puntano su di lui per il dopo Soldado, ceduto al Tottenham per 35 milioni. E l'attaccante non si fa trovare impreparato e mette a segno l'ottimo bottino di 14 gol in 33 presenze totali, comprese le 7 marcature in 11 gare di Europa League. Indimenticabile la sua tripletta al Basilea nella gara di ritoprno dei quarti di finale, che ha permesso alla squadra di ribaltare lo 0-3 dell'andata e di strappare il biglietto per le semifinale, poi persa contro il Siviglia (0-2 all'andata e 3-1 al ritorno). In particolare, il nostro numero 9 si trova a meraviglia con l'ex napoletano Edu Vargas. Quest'ultimo, tuttavia, nonostante sei ottimi mesi con la camiseta del Valencia, non viene riscattato dal Napoli. Ora è al QPR.

In questa stagione, 22 presenze e 6 reti tra Liga e Coppa del Re.     


Share on Facebook