Real Madrid - Atletico Madrid in La Liga 2016/17 (1-1): Griezmann blocca la corsa del Real!

Real Madrid - Atletico Madrid in La Liga 2016/17 (1-1): Griezmann blocca la corsa del Real!
Real vs Atletico, è la stracittadina più sentita di Spagna! Fonte foto: Vavel.com
Real Madrid
1 1
Atletico Madrid
Real Madrid: (4-3-3): Navas; Marcelo, Ramos, Pepe (Nacho 68'), Carvajal; Mdric, Casemiro, Kroos (Isco 75'); Ronaldo, Benzema, Bale (Lucas Vazquez 81').
Atletico Madrid: (4-4-2): Oblak; Filipe Luis, Savic, Godin, Juanfran; Koke, Saul (Correa 62'), Gabi, Carrasco (Gimenez 88'); Torres (Torres 78'), Griezmann.
SCORE: 1-1 - Pepe 52', Griezmann 85'.
ARBITRO: De Burgos Bengoetxea. Ammonisce: Casemiro (R), Saul, Godin (A).
NOTE: Match valido per la 31^ giornata de La Liga Santander 2016/17. Dal Santiago Bernabeu di Madrid, si affrontano Real e Atletico. Calcio d'inizio: ore 16.45.

Per Real Madrid - Atletico Madrid è tutto. A nome di Alessandro Cicchitti, la redazione Liga di Vavel Italia Vi ringrazia per aver seguito in nostra compagnia il match e Vi rimanda ai prossimi appuntamenti, sempre qui, live su Vavel Italia.

18.16 - Con questo punto dal sapore agrodolce, il Real si porta a quota 72, a +3 dal Barça, impegnato stasera (il Real dovrà recuperare il suo match con il Celta). Per quanto riguarda l'Atletico invece, i ragazzi del Cholo mettono altro spazio con il Siviglia, ora a quattro punti e con un match in meno rispetto ai colchoneros.

18.12 - Il gol del vantaggio siglato da Pepe, sembrava poter spianare la strada ad un Real effettivamente superiore. I Blancos hanno creato molto, ma non hanno saputo infliggere il colpo del ko. Con questo Atletico, non si può stare mai tranquilli, soprattutto se un grande Griezmann è in campo. Ed ecco che il francese serve un assist involontario al Barcellona, che stasera potrebbe azzerare il gap vincendo alla Rosaleda.

18.10 - Nell'assolato pomeriggio del Bernabeu, arriva un pareggio che non accontenta forse nessuno. Il Real Madrid, a lungo in vantaggio e incapace di sfruttare una netta superiorità - soprattutto nel corso del secondo tempo - si è visto raggiungere da un Atletico come al solito mai domo. Dall'altra parte invece, i ragazzi di Simeone possono recriminare per le occasioni fallite con Torres, e per un pareggio che potrebbe far riavvicinare il Siviglia.

94' - NON C'E' PIU' TEMPO, FINISCE QUI AL BERNABEU. IL PUBBLICO NON PUO' ESULTARE PIU' DI TANTO: IL REAL MADRID VIENE FERMATO NEGLI ULTIMI MINUTI DAL GOL DEL SOLITO GRIEZMANN. TERMINA 1-1 IL DERBY MADRILENO.

92' - Non si sta praticamente mai giocando in questo recupero. Il Real viene tenuto lontano dalla metà campo dell'Atletico. I Blancos sembrano aver accusato il colpo!

90' - Ci saranno 4 minuti di recupero.

89' - Terzo cambio nell'Atletico: si stava preparando Cerci, ma dopo il gol Simeone ha scelto Gimenez al posto di Carrasco. Si torna al 4-4-2.

87' - Ora è in bambola la difesa di Zidane. Fallo sciocco commesso da Carvajal, che scaturisce una preziosa punizione all'Atletico e un'ammonizione a suo carico.

85' - GGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGOOOOOOOOOOOOOOOOOOOLLLLLLL!!! ANTOINE GRIEZMANN NON SBAGLIA, NON SBAGLIA MAI. AL PRIMO ERRORE DELLA DIFESA AVVERSARIA, IL FRANCESE COLPISCE. AMMUTOLITO IL BERNABEU: NACHO LO TIENE IN GIOCO SUL PALLONE PARLANTE DI CORREA. COL SINISTRO, SUL PRIMO PALO, LE PETIT DIABLE FA SECCO NAVAS. 1-1.

81' - Si gioca anche l'ultimo cambio Zidane: dentro Lucas Vazquez;  - per dare velocità e freschezza all'attacco - fuori Bale - non nel suo miglior pomeriggio di carriera.

78' - Secondo cambio anche nell'Atletico: dentro Thomas Partey, fuori Torres.

75' - Secondo cambio in casa Real Madrid: esce Toni Kroos, entra Isco.

74' - Gesto tecnico eccellente ad opera di Antoine Griezmann, la cui rovesciata impegna Navas ad un gran riflesso. Era tutto fermo però, data la posizione di offside da parte del francese.

74' - Continua ad attaccare il Real, ma le conclusioni prima di Bale, poi di Marcelo, sono entrambe fuori misura.

68' - Benzema testa ancora una volta i riflessi di Oblak, che risponde con attenzione sul sinistro del francese.

67' - Zidane è costretto ad operare il primo cambio. Ha un problema l'autore del gol, Pepe, che lascia spazio a Nacho (vista l'indisponibilità di Varane).

62' - Simeone rompe gli indugi; primo cambio nell'Atletico. Dentro Correa, fuori Saul. Vedremo come si riorganizzeranno i Clochoneros. Probabilmente sarà 4-1-4-1 o 4-2-3-1.

60' - Ammonito Godin.

60' - MIRACOLO DI KEYLOR NAVAS. OCCASIONE CLAMOROSA CAPITATA SUI PIEDI DI FERNANDO TORRES, IPNOTIZZATO DALL'USCITA A VALANGA DEL COSTARICENSE. GRANDE CHANCE PER L'ATLETICO, CHE ORA PROVA LA REAZIONE D'ORGOGLIO.

59' - Prova la reazione l'Atletico, ma la conclusione estemporanea di Saul non coglie di sorpresa Navas.

55' - Ancora Real, che ora sta dominando il campo: discesa di Bale, il cui cross viene incontrato dal petto di Carvajal. L'ex Leverkusen controlla e calcia. Il pallone termina alto di pochissimo.

52' - GGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGOOOOOOOOOOOOOOOOOLLLLLLLL! REAL MADRID IN VANTAGGIO! HA COLPITO PEPE! STACCO IMPERIOSO NEL CUORE DELLA DIFESA DI SIMEONE, CHE NON LASCIA SCAMPO AD OBLAK. COLPO DI TESTA POTENTE E BEN INDIRIZZATO, BASSO, SUL PALO LONTANO, CHE NON PERMETTE AL PORTIERE COLCHONERO DI INTERVENIRE. ALLO STESSO MODO, GRANDE PALLONE SCODELLATO NEL MEZZO DA KROOS. VANTAGGIO REAL, HA COLPITO PEPE.

51' - Continua ad attaccare il Real. Punizione dalla trequarti in favore dei Blancos. Anche ammonito Saul nella circostanza. 

51' - OCCASIONISSIMA IN FAVORE DEL REAL MADRID. RONALDO DIMOSTRA DI STAR BENE, REGALANDO UN GRAN PALLONE A BENZEMA APPOSTATO SUL SECONDO PALO. IL FRANCESE COLPISCE COL PIATTO DESTRO, AL VOLO, PER TOGLIERE IL TEMPO AD OBLAK, MA IL PORTIERE DELL'ATLETICO E' REATTIVO E CAPACE DI INTERCETTARE CON IL PETTO.

50' - Nessun problema per Ronaldo, che si riprende in un lampo.

48' - Brividi al Bernabeu. Problema al ginocchio per Ronaldo, rimasto a terra dopo uno scontro con Savic.

47' - Un minuto, prima occasione in favore del Real Madrid. Azione insistita da Marcelo, il cui cross morbido verso il centro trova Cristiano Ronaldo pronto all'appuntamento. Il portoghese stacca oltre tutti, ma non inquadra lo specchio di porta.

46' - SI RIPARTE, INIZIATA LA RIPRESA AL BERNABEU.

17.18 - Squadre in campo. Non ci saranno cambi all'intervallo.

17.16 - Le squadre sono pronte per fare il loro rientro in campo.

17.09 - Dopo il buon avvio dell'Atletico, con il colpo di testa di Saul, il Real ha preso il centro del campo nella fase centrale di tempo. I Blancos hanno avvicinato il vantaggio con Ronaldo, il cui destro a botta sicura è stato respinto da Savic sulla linea di porta. Da quel momento però, nulla più, eccezion fatta per una conclusione di Griezmann ben disinnescata da Navas.

17.07 - Primo tempo che è volato via in un'attimo quello del Bernabeu. Tanta attesa per il Derby di Madrid, ma anche tanta tensione in campo. Squadre contratte, poco spettacolo e occasioni da gol.

45' - Termina senza recupero il primo tempo del Bernabeu. Al termine dei primi 45', resiste il risultato di 0-0 tra Real Madrid e Atletico Madrid.

39' - Errore non da Ramos, quello che commette il capitano del Real: Griezmann ringrazia mirando e calciando verso la porta Blanca. Navas è presente e disinnesca il bolide.

37' - Ora si accendono ancor di più le proteste dei Blancos, dato che Casemiro è finito nella lista dei cattivi. E' il brasiliano infatti, il primo ammonito del match.

35' - Molto tesi i calciatori di Zidane, sempre alla protesta plateale per quelle che sono le decisioni del direttore di gara. La posta in palio è altissima.

32' - Ancora Real: altra occasione, stavolta capitata sulla fronte di Bale. Pallone che sorvola i tre legni difesi dal portiere sloveno.

31' - CLAMOROSO! CLAMOROSO AL BERNABEU. AZIONE PERFETTA DEL REAL MADRID CHE PERO' NON TROVA IL VANTAGGIO. KROOS SI LIBERA ALLA GRANDE, MODRIC VA NELLO SPAZIO, E IN CORSA SERVE CON L'ESTERNO DEL DESTRO RONALDO. CR7 HA TEMPO PER ALZARE LA TESTA E CARICARE VERSO IL PALO LONTANO. IL TIRO E' POTENTE, OBLAK SALTATO, MA NON SAVIC. IL MONTENEGRINO SI IMMOLA A CORPO MORTO RIUSCENDO NELLA DEVIAZIONE DECISIVA CHE SALVA SIMEONE.

28' - Azione magnifica ad opera del Real Madrid. Pallone verso Benzema che controlla da paura, riuscendo anche nell'assist a Ronaldo. CR7 si butta nello spazio, e restituisce di prima verso il corridoio centrale, dove proprio lo stesso Benzema si stava spostando. Il pallone arriva preciso, e il francese può calciare in porta. Oblak però, chiude la porta allungando la sfera in angolo.

27' - Atletico ancora una volta pericoloso, stavolta con la conclusione dalla distanza ad opera di Saul. Pallone comunque abbondantemente fuori.

21' - Rischia la difesa di Zidane, costretta a spazzare l'area di rigore con il tuffo di Navas, sempre in pericolo quando è l'Atletico a battere un piazzato. In questo caso, il cross verso Griezmann era perfetto, ma il piccolo diavolo non ha trovato l'impatto col pallone, favorendo l'intervento del costaricense.

19' - Prova a mettersi in moto l'asse tra Carrasco e Griezmann: lancio in profondità del 10 per il 7, vanificato dalla segnalazione di fuorigioco da parte del primo assistente.

15' - Scaldano i motori gli arcieri della Casa Blanca. Nello spazio di un minuto, prima Modric, poi Cristiano Ronaldo, hanno tentanto la conclusione dalla distanza. In controllo Oblak, supportato dalla sua difesa.

13' - Prime scintille a centrocampo: Kroos reclama per qualche fallo al limite nei suoi confronti. Casemiro poi, agisce di conseguenza. La mediana, al momento, regala poche giocate di qualità.

16.30 - Intanto, ecco la stretta di mano tra Cholo Simeone e Zidane, qualche minuto prima del kickoff.

9' - Ritmi non altissimi in questi primi 10' di gioco. Da segnalare solo l'occasione su palla inattiva capitata sulla nuca di Saul. Al momento le squadre sembrano non voler scoprire le loro carte.

4' - Prima risposta del Real Madrid, subito alla bandierina grande al lavoro da 9 di Benzema.

3' - OCCASIONE, LA PRIMA DEL MATCH IN FAVORE DELL'ATLETICO! SAUL NIGUEZ E' ANDATO A CENTIMETRI DAL GOL DEL VANTAGGIO. PUNIZIONE PERFETTA DI KOKE, CHE DISEGNA VERSO SAUL: IL COLPO DI TESTA DELLO SPAGNOLO E' AFFILATISSIMO, MA IL PALLONE ESCE DI POCO OLTRE IL PALO DI NAVAS.

2' - Primo calcio di punizione guadagnato dall'Atletico. Ci troviamo sulla trequarti Blanca, ma stanno salendo tutte le torri del Cholo.

1' - VIA, SI PARTE! E' INIZIATO IL DERBY DI MARDID, REAL V ATLETICO.

16.19 - Tutto pronto. Il Real è pronto a muovere il primo pallone del match.

16.17 - Minuto di silenzio per quello che è accaduto ieri a Stoccolma. 

16.17 - Prima di dare il via alle ostilità, un minuto di silenzio.

16.15 - I due capitani, Gabi e Ramos, sono a centrocampo per la scelta del campo e lo scambio dei gagliardetti.

16.14 - SQUADRE IN CAMPO. Un grande boato accompagna i calciatori verso il centrocampo.

16.12 - Tutto pronto al Bernabeu, le squadre sono pronte a fare il loro ingresso in campo.

16.07 - Queste invece, le immagini salienti che descrivono il riscaldamento dell'Atletico.

16.00 - Le squadre stanno abbandonando momentaneamente il campo. E' terminato il warm up: ora, non resta altro che attendere il kick off!

15.58 - Cristiano Ronaldo e Sergio Ramos, osservati speciali anche nel corso del riscaldamento.

15.56 - Si popola sempre più il Bernabeu.

15.54 - Ecco le squadre sul terreno di gioco del Bernabeu.

15.41 - Le squadre sono in campo sotto il sole madrileno. Inizia il riscaldamento di Real e Atletico. 

15.36 - Eccoli, i due schieramenti a confronto.

15.33 - Nessuna sorpresa nemmeno per quel che riguarda l'Atletico. L'unico mezzo dubbio, Simeone lo risolve con Savic in campo dal 1' al posto di Gimenez. Dunque, formazione che per 11/11 ricalca quella vista nell'infrasettimanale con la Real Sociedad. In avanti manca Gameiro: dentro il Nino Torres.

ATLETICO MADRID: (4-4-2): Oblak; Filipe Luis, Savic, Godin, Juanfran; Koke, Saul, Gabi, Carrasco; Torres, Griezmann.

15.31 - Ecco l'onze del Real, con Zidane che recupera tutti i suoi titolari. Dunque, si tratta di Onze de Gala, con la BBC che torna a dettar legge in avanti, con Modric, Kroos e Casemiro a centrocampo, e con il solito quartetto composto da Marcelo, Pepe, Ramos e Carvajal davanti a Navas.

REAL MADRID: (4-3-3): Navas; Marcelo, Ramos, Pepe, Carvajal; Mdric, Casemiro, Kroos; Ronaldo, Benzema, Bale. 

15.29 - Mantenendo una finestra visiva sempre aperta con il prato del Bernabeu (queste sono immagini che arrivano in diretta, con le tribune che iniziano a colorarsi), andiamo ad analizzare nel dettaglio le scelte dei due tecnici. Ecco le formazioni ufficiali.

15.28 - Anche per l'Atletico vale lo stesso discorso snocciolato per i cugini in Blancos. Con la Champions dietro l'angolo, i Cochoneros potrebbero distrarsi - dato che per loro, questo Derby non può valere tanto quanto il Real. In realtà, con il rebus terzo posto ancora tutto da decifrare - oltre al fascino e l'importanza del match - possiamo esser certi che la squadra di Simeone sia al 100% sul terreno di gioco del Bernabeu, pronta per far male ai rivali.

15.22 - Il Real arriva a questa sfida con il pensiero del Bayern ormai incombente. Zidane però, deve concentrarsi su questo Derby, visto che la Liga è tenuta in vita dal ritorno del Barça, impegnato in serata a Malaga.

15.21 - Ecco delle immagini che si riferiscono a qualche minuto fa: i calciatori dell'Atletico, in ricognizione sul prato eccellente del Bernabeu, scrutano le tribune. In questi minuti, c'è grande palpitazione tra i tifosi, con i cancelli che si stanno aprendo e lo Stadio che si popola sempre più.

15.16 - Splende il sole sul prato geometrico del Santiago Bernabeu. Nulla è lasciato al caso, d'altronde questo non è un pomeriggio come gli altri. Tra un'ora scatta il Derby di Madrid: Real v Atletico, la Capitale iberica si ferma.

15.15 - Cari Amici lettori di Vavel Italia, benvenuti alla diretta scritta live ed online di Real Madrid - Atletico Madrid, Derby madrileno che catalizza il programma relativo alla 31^ giornata de La Liga Santander 2016/17.

Alla vigilia dei delicati quarti di Champions League, Real e Atletico si trovano opposte una di fronte all'altra nell'arena del Santiago Bernabeu, teatro scelto per la Corrida cittadina tra le fazioni Blancos e Colchoneros. Il calendario de La Liga Santander, di certo non è venuto incontro agli impegni delle potenze madridiste, entrambe attese da un mese di aprile ad alto rischio di sovraccarico. Al Bernabeu però, quando il primo pallone verrà mosso, della Champions, del Bayern o del Leicester, non importerà più a nessuno.

Per il Real Madrid di Zidane ad esempio, la sfida con il Cholo Simeone rappresenta uno degli ultimi grandi ostacoli verso la conquista di una Liga che manca da troppe stagioni. Un successo con i cugini, permetterebbe al Real di approcciare alla doppia sfida con il Bayern e al Clasico di fine mese con un'aria più distesa e convinta.
Allo stesso tempo, se il Real si gioca il titolo nel solito testa a testa con il Barça, l'Atletico deve preservare un terzo posto raggiunto grazie alla grande rimonta attuata negli ultimi tempi. I Colchoneros infatti, si presentano al cospetto del Bernabeu forti di un biglietto da visita niente male: sono cinque i successi consecutivi dei materassai, tornati a brillare dopo un periodo di appannamento concomitante con la stagione invernale.

Morata, mattatore con il Leagnes. Fonte foto. sport.es
Morata, mattatore con il Leagnes. Fonte foto. sport.es

Il Real invece, periodi di appannamento non ne ha mai avuti: la corazzata guidata da Zizou, si è imposta sin dal principio in testa alla classifica, dettando un ritmo a tratti impossibile anche per il Barcellona. Negli ultimi tempi però, la reazione arrivata dal Camp Nou, ha restituito patos a questo finale di stagione. Con lo scontro diretto ancora da disputare - sarà a fine mese in quel del Bernabeu - e soli due punti a separarle, (qui è necessario specificare che il Real deve ancora recuperare il match di Vigo col Cleta) tutto è ancora possibile. 
Il mese di fuoco del Real si è aperto nel migliore dei modi: tre punti ottenuti sul campo del Leganes al termine di un match ricco di errori e gol, che alla fine ha premiato la maggior qualità dei Blancos. Senza alcuni dei suoi interpreti principi, a brillare è stato Alvaro Morata, attaccante di scorta - stride dirlo - capace di mettere a segno una tripletta dall'inestimabile valore. Il messaggio inviato da Alvaro è chiaro: Zidane per questo rush finale, può contare anche sull'ex Juventus, primo cambio nel caso in cui le cose non dovessero mettersi nel migliore dei modi.

Con l'Atletico però, sono attesi i ritorni dei migliori. La BBC tornerà compatta in avanti, mentre a centrocampo e in difesa, Zidane lascerà spazio ai suoi uomini più fidati. Insomma, il match col Bayern sembra lontanissimo dalle parti di Valdebebas, quartier generale Blanco in cui Zizou sta mettendo in pratica gli ultimi accorgimenti tattici per fronteggiare l'Atletico. 
E' lecito attendersi un match poco spettacolare, - costante se in campo è presente l'Atletico di Simeone - farcito di tatticismi, linee compatte e fisicità. Le squadre si conoscono alla perfezione, ma di volta in volta, la storia è sembrata ripetersi. Opposta ad un 4-4-2 ordinato e di sacrificio, la squadra Blanca ha sempre qualche difficoltà in eccesso. In più, bisogna tener conto delle doti velocistiche dell'Atletico, letale con sprinters del calibro di Carrasco o Griezmann.

Filipe Luis e Griezmann. Fonte foto: espnfc.com
Filipe Luis e Griezmann. Fonte foto: tuttosport.it

Dunque, Simeone ha più di qualche freccia a disposizione nel proprio arco. Per il suo Atletico, la stracittadina non poteva arrivare in un momento migliore: con il Leicester che incombe, ma con cinque vittorie consecutive alle spalle, i materassai sono più che mai pronti per vendicare l'umiliante 0-3 dell'andata. Nell'ultimo turno di Liga - quello infrasettimanale con la Real Sociedad - si è visto un Atletico in forma ma non lucidissimo; un Atletico che ha sprecato l'impossibile sotto porta, mantenendo in vita un match che poteva concludersi ben prima del triplice fischio del direttore di gara.
Al Bernabeu, - il Cholo ne è consapevole - le occasioni da rete saranno meno, e la percentuale realizzativa, se l'Atletico vuol portare a casa il risultato, dovrà essere necessariamente migliore. 

Per ovviare a questa difficoltà, Simeone ha concesso un po di riposo a Griezmann, tolto dal campo con largo anticipo con la Sociedad; mentre sono un'incognita le condizioni di Gameiro, ancora fermo ai box ed in dubbio per la super sfida.
Con il Siviglia in crisi di gioco e risultati, la rimonta verso la terza piazza ad opera dell'Atletico si è concretizzata a velocità tripla. Con Real e Barça oramai troppo distanti, il terzo posto e una qualificazione in Champions senza passare dai preliminari, sono il massimo obiettivo ottenibile per l'Atletico, attualmente a +3 sugli andalusi. Il vero cruccio, la Champions League sfuggita nel modo che tutti ricordano nel 2014 e nel 2016, è invece ancora lì, pronta per essere azzannata. Settimana prossima c'è il Leicester, ma Simeone sembra non esser minimamente intenzionato ad effettuale rotazioni in vista dell'impegno di coppa.

Ronaldo carica la sua proverbiale punizione nel match d'andata. Fonte foto: Getty Images.
Ronaldo carica la sua proverbiale punizione nel match d'andata. Fonte foto: Getty Images.

Nel Real Madrid dovrebbe scendere in campo la formazione tipo. Dopo l'ampio turnover applicato nella trasferta col Leganes, Zidane è pronto a riabbracciare il suo tridente titolare, con Ronaldo e Bale ai fianchi di Benzema. Morata, autore di una tripletta nell'ultimo turno, scalpita, ma è destinato alla panchina. Anche a centrocampo torna il terzetto spaziale: Casemiro è il perno centrale, con Modric e Kroos a fungere da mezze ali. In difesa, Marcelo e Carvajal presidieranno le due fasce, mentre a Ramos in coppia con Pepe spetterà difendere a dovere i pali difesi da Keylor Navas.

REAL MADRID: (4-3-3): Navas; Marcelo, Ramos, Pepe, Carvajal; Mdric, Casemiro, Kroos; Ronaldo, Benzema, Bale. ALL. Z. Zidane.

Tutto il Real a complimentarsi con Morata. Fonte foto: 90min.com
Tutto il Real a complimentarsi con Morata. Fonte foto: 90min.com

Copia e incolla dell'unici anti Real Sociedad quello che si appresta a mandare in campo Diego Simenone. Il Cholo, ha un unico dubbio legato a chi, tra Gimenez e Savic debba affiancare Godin al centro della difesa. Al momento, l'uruguaiano sembra il leggero vantaggio anche se le cose possono sempre mutare. Dunque, confermato il 4-4-2 con Juanfran e Filipe Luis a completare il quartetto difensivo eretto davanti Oblak. A centrocampo Saul sarà ancora interno, con Koke e Carrasco sugli esterni. In avanti, a meno di miracoli Gameiro non ci sarà: spazio a Torres in coppia con Griezmann.

ATLETICO MADRID: (4-4-2): Oblak; Filipe Luis, Gimenez, Godin, Juanfran; Koke, Saul, Gabi, Carrasco; Torres, Griezmann. ALL. D. Simeone.

Filipe Luis decisivo con la sua rete alla Real Sociedad. Fonte foto: laliga.es
Filipe Luis decisivo con la sua rete alla Real Sociedad. Fonte foto: lespnfc.com

La sfida tra Real Madrid e Atletico Madrid nel corso degli ultimi anni ha toccato senza alcun dubbio il suo apoego. Epiche le battaglie tra le due fazioni di Madrid, protagoniste in due delle ultime tre finali di Champions League. A spuntarla, in un modo o nell'altro, è stato sempre il Real Madrid, anche se l'Atletico non ha mai demeritato.
In Liga invece, resta nella memoria di tutti l'impresa dell'Atletico, capace nel 2014 di strappare il titolo a Real e Barça. In quella stagione, magnifiche le sfide tra Blancos e Colchoneros, terminate sempre al cardiopalma. Indimenticabile il successo che rifilò l'Atletico (4-0) al Real all'epoca di Ancelotti; freschissimo invece, lo 0-3 con cui il Real si impose al Calderon. Era appena un girone fa quando Cristiano Ronaldo rifilò sul prato nemico una terrificante tripletta. Vittorie, sconfitte, polemiche e spettacolo. Lo scorso anno invece, fu Griezmann a gelare il Bernabeu. Il suo gol resta ancora nella memoria di tutti, dato che da quel giorno, i Blancos non hanno più perso un singolo match tra le mura amiche.

La tripletta di Ronaldo al Calderon. Fonte foto: tuttosport.it
La tripletta di Ronaldo al Calderon. Fonte foto: tuttosport.it