Liga, pari e patta al Mestalla: Valencia e Siviglia non vanno oltre lo 0-0

Valencia e Siviglia non vanno oltre lo 0-0. Punto importante per i padroni di casa che costringono Sampaoli ad inseguire l'Atletico Madrid, terzo in classifica con tre punti in più.

Liga, pari e patta al Mestalla: Valencia e Siviglia non vanno oltre lo 0-0
Photo by "Fox Sports"
VALENCIA
0 0
SIVIGLIA
VALENCIA: Valencia (4-2-3-1): Alves, Montoya, Mangala, Garay, Latorre, Parejo (dal 87' Mina), Perez, Munir (dal 73' Cancelo), Soler, Orellana (dal 80' Nani), Zaza. All. Voro
SIVIGLIA: Siviglia (4-2-3-1): Rico, Mariano, Pareja, Lenglet, Escudero, N'Zonzi, Iborra, Sarabia, Vazquez (dal 82' W.Montoya), Vitolo (dal 15' Jovetic), Correa. All. Sampaoli
ARBITRO: G.Gonzalez (SPA) Ammoniti: Latorre 22', Perez 30', Soler 50', Jovetic 65', Iborra 70'.
NOTE: Estadio de Mestalla (Valencia) Spettatori: 36.748

Valencia e Siviglia non vanno oltre lo 0-0. Questo pareggio ha il sapore della sconfitta per gli andalusi visto che la distanza dal terzo posto è salito a quota tre punti. Buon risultato, invece, per la formazione catalana, capace di centrare il quarto risultato utile consecutivo. Pasqua a reti bianche ma con obiettivi ben delineati sia da una parte che dall'altra: il Valencia può praticamente ritenersi salvo nonostante una stagione ricca di difficoltà, mentre il Siviglia prenderà ancora una volta parte al treno europeo. Probabilmente riuscirà ad andare in Champions League, ma bisognerà capire se lo farà in maniera diretta o meno.

LE SCELTE - Voro sorprende tutti e decide di lasciare in panchina Nani per far spazio al cileno Orellana. In difesa, invece, spazio al canterano Latorre, terzino sinistro classe '97 lanciato ancora una volta dal 1' minuto dal tecnico spagnolo. Sampaoli, invece, opta per un Correa falso centravanti e un Lenglet sempre più titolare a discapito dell'esperto Carrico. Il tridente pesante composto da Vietto, Jovetic e Ben Yedder siederà in panchina.

PRIMO TEMPO - I padroni di casa partono subito con il piede giusto dimostrando tutta la loro determinazione a portare a casa un risultato positivo. Nei primi 13' minuti di gioco è la squadra di Voro a fare la partita, sfiorando il goal con Orellana, molto abile a far partire un tiro indirizzato a terminare in fondo alla rete. A salvare il Siviglia è Rico, altrettanto abile a compiere una grande parata. La squadra di Sampaoli si affaccia con decisione e sfiora il goal con Jovetic, con il montenegrino che colpisce il palo nonostante la sua conclusione non sia stata irresistibile. Al 24' è Zaza ad aver l'opportunità di andare in goal, ma sfortunatamente per lui c'è di fronte una vigile e attenta retroguardia e negargli la gioia. A dieci minuti dalla fine del primo tempo c'è da segnalare una clamorosa occasione da goal sciupata da Sarabia: l'ex Getafe lascia partire un gran tiro che termina di pochi centimetri fuori dallo specchio della porta. La prima frazione è stata piacevole, ma a mancare è stato solamente il goal. Tutto sommato è un pareggio giusto.

SECONDO TEMPO - La ripresa parte bene per il Siviglia. E' lo spagnolo Escudero a sfiorare il goal dopo aver calciato una punizione in maniera ottimale: palla di poco fuori al 54' minuto. Partita bloccata, le due squadre sono molto attente e non concedono nulla. I protagonisti? Al momento è Sergio Rico, ancora una volta bravo e puntuale a sbattere la porta in faccia a Zaza, con l'italiano che non riesce a bucarlo a pochi centimetri dalla porta. Al 74' il Valencia trova il vantaggio proprio con l'ex juventino, ma il guardialinee smorza gli entusiasmi per una posizione irregolare. Il match si chiude sul punteggio di 0-0.

Risultato positivo per Voro che ha visto la sua squadra giocarsela ad armi pari. Delude il Siviglia, quest'oggi poco deciso e fluido nella manovra.