Ligue 1 - il pagellone 2017: la bagarre di centro classifica

Olympique du Marseille promosso all'ultimo, solo sufficienza per le altre "nobili decadute".

Ligue 1 - il pagellone 2017: la bagarre di centro classifica
Ligue 1 - il pagellone 2017: la bagarre di centro classifica

Al di sotto del Pantheon transalpino, tra le comuni mortali ci sono belle rivelazioni e molte delusioni, in Ligue 1, con il solo Marsiglia capace di mantenere i ritmi previsti ad inizio stagione. 

Marsiglia - voto 7: un'ascesa importante, quella dei marsigliesi, che grazie a Rudi Garcia hanno inseguito un'Europa League conquistata all'ultima curva, superando un Girondins de Bordeaux troppo stanco a fine stagione. Con un Gomis ritrovato, l'OM dovrà lavorare molto nella prossima sessione di mercato, tornando ad essere quella squadra che spesso pungeva e faceva male i collettivi più quotati. 

Bordeaux - voto 5.5: che peccato! Dopo un cammino tutt'altro che negativo, infatti, i girondini hanno perso all'ultimo l'Europa League, pareggiando le ultime quattro gare e finendo a tre punti dal quinto posto. Il Bordeaux avrebbe forse bisogno di un ricambio generazionale, trovando quei giovani talentuosi che dovranno formare l'ossatura della rosa per i prossimi anni.

Nantes - voto 6+3: come nel Fantacalcio, il bonus viene dato al momento del goal, dell'azione decisiva che scuote la rosa. Un po' come se fosse stata un'unica grande partita, i canarini hanno tratto giovamento dalla cura di Conceiçao, giunto tra molti dubbi ma diventato, giornata dopo giornata, il vero uomo simbolo del Nantes. Il portoghese ha infatti raccolto le macerie di una rosa allo sbando, risollevandosi lentamente e concludendo al meglio la stagione. La prossima stagione dovrà essere quella della riconferma, stazionando definitivamente tra le prime dieci di Francia.

Saint Etienne - voto 5.5: non di più, per la rosa che dominava la Francia fino a qualche decennio fa. Les Verts, infatti, non hanno particolarmente brillato, disputando una stagione galleggiante e senza troppi squilli. Complici anche alcuni infortuni importanti, il Saint Etienne non è riuscito ad imporsi, mancando un'Europa League che avrebbe potuto fare davvero bene al morale. 

Rennes - voto 6: stesso discorso fatto per il collettivo immediatamente sopra, il mezzo voto in più va però per gli obiettivi stagionali degli arancioneri, affatto importanti. Una cavalcata tranquilla, senza scossoni né interruzioni esagerate. 

Guingamp - voto 6.5: una performance stagionale importante, per il Guingamp, che non ha sofferto le correnti di bassa classifica nuotando sempre in acque sicure. I rossoneri proveranno ad aumentare il proprio status nella prossima stagione, mai dire mai.

Lille – voto 6: un mercato invernale importante ma che di fatto non ha potuto raddrizzare l’ennesima stagione altalenante, per il Lille, ancora a caccia di se stesso nel limbo del centro classifica. Il LOSC, infatti, inizia male e conclude meglio, non toccando però mai le posizioni nobili del tabellone francese. L’anno prossimo occorre cambiar marcia.

Angers – voto 6: i bianconeri hanno sfiorato la coppa, perdendo al 91’ e a causa di un’autorete di Cissokho. Per il resto, sufficienza piena, per un collettivo che non ha mai seriamente rischiato la retrocessione.

Ligue 1