Sull'asse Torino-Parigi, è Belotti la chiave per non far partire Verratti

Il Paris Saint Germain come ogni anno è uno dei club protagonisti del calciomercato. Molte squadre europee sono interessate al gioiello italiano Marco Verratti, e l'acquisto dell'attaccante del Torino Andrea Belotti sarebbe la chiave per non far partire il centrocampista ex Pescara.

Sull'asse Torino-Parigi, è Belotti la chiave per non far partire Verratti
Fonte foto: L'eco di Bergamo

E' Il 3 Gennaio 2017 e a Parigi viene ufficializzato l'acquisto del giovane e talentuoso centrocampista del Wolfsburg  Julian Draxler, soffiato a molte squadre specialmente alla Juventus. 42 milioni di euro alla squadra tedesca e circa 850 mila euro al mese per il 23 enne, sicuramente non spiccioli ma la società parigina ci ha ormai abituati ad assistere a  trattative di grosso calibro. Finito il campionato, arrivati secondi dietro al Monaco, si apre la finestra di mercato estiva dove il Psg lavora non solo in entrata, ma anche in uscita.

Una situazione simile a quella di Draxler potrebbe accadere anche quest'anno: soffiare a numerose squadre il talento del Torino e della nazionale italiana Andrea Belotti, non certo per pochi spiccioli, ma sarebbe un approdo essenziale per trattenere in casa parigina il centrocampista Marco Verratti. Proprio lui, il talentuoso giocatore ex Pescara, potrebbe partire viste le offerte allettanti di squadre come Barcellona, Juventus e tante altre. E' vero, però, che vedendo l'approdo a Parigi del compagno di nazionale, Verratti potrebbe rimanere al cospetto del tecnico Emery.

Il tesoretto ottenuto con la cessione del Gallo Belotti, porterebbe la società granata ad investire sul portiere Salvatore Sirigu. Il portiere della nazionale italiana, dopo l'esperienza non proprio delle migliori in Spagna potrebbe rilanciarsi in Italia e magari attirare l'attenzione del CT della nazionale italiana Gian Piero Ventura.

Proprio il tecnico della Nazionale italiana ha rilasciato alcune dichiarazioni per i microfoni di 'Radio anch'io sport': "Più riesco a tenerlo sott'occhio in Italia, meglio sarebbe per me. Ho avuto la fortuna di far spiccare il volo a molti calciatori. Ma al di la di questo, ho sempre sostenuto che i calciatori quando vanno via, devono farlo per entrare dalla porta principale, non da quella di servizio. Se Belotti va al Psg perché può essere un protagonista, va bene. Ma se va lì solo per integrare la rosa... "

Chissà quale sarà la scelta del giovane attaccante del Torino, sapendo di non essere solo nel mirino del Paris Saint Germain, ma anche del Milan.

Ligue 1