Boxing Day, City travolgente, sorride il Liverpool

Alla squadra di Pellegrini basta mezz'ora per chiudere il discorso contro il WBA. Sterling regala i tre punti al Liverpool. Vincono anche Southampton e Tottenham.

Boxing Day, City travolgente, sorride il Liverpool
premierleague.com

Dopo l'ouverture affidata al Chelsea di Josè Mourinho, che liquida per 2-0 il West Ham con reti di Terry nel primo tempo e del solito, puntualissimo, Diego Costa, il Boxing Day di Premier League è proseguito alle 16 con tutto il resto del programma, eccezion fatta per Arsenal - Qpr che si gioca alle 18.  Ecco com'è andata sui campi inglesi nelle partite del pomeriggio.

BURNLEY - LIVERPOOL 0-1

62' Sterling

Burnley (4-4-2) Heaton; Trippier, Shackell, Keane, Mee; Arfield, Jones, Marney, Boyd; Barnes, Ings

Liverpool (3-4-3) Jones; Toure, Skrtel, Sakho; Henderson, Lucas, Gerrard, Markovic; Coutinho, Lallana, Sterling.

Brendan Rodgers spedisce ancora in panca Balotelli, e per l'italiano sembra già tirare aria d'addio. Le parole del tecnico irlandese, infatti, lasciano ben poco spazio ai dubi: Mario non è adatto al gioco dei Reds e a questo punto è facile immaginare che Balo faccia le valige. Samp nel suo futuro? 

Nell'attesa che si dissipi la nebbia sul futuro del numero 45, Rosgers porta a casa i tre punti da Turf Moor regolando la Cenerentola Burnley grazie a un gol di Raheem Sterling arrivato prima che la lancetta compisse completamente il giro numero 62: palla magica di Coutinho, Sterling mette il turbo saluta tutti e se ne va: Heaton saltato e palla docile in fondo al sacco.

Da segnalare anche un gol annullato a Lambert - la punta era in fuorigioco - e il ritorno in porta di Mignolet.

WBA - MANCHESTER CITY 1-3

8' Fernando, 13' Yaya Tourè (R), 34' Silva, 87' Ideye

West Bromwich Albion (4-2-3-1): Foster; Wisdom, Lescott, McAuley, Pocognoli; Mulumbu, Gardner; Morrison, Sessegnon, Varela; Berahino

Manchester City (4-2-3-1) Hart; Sagna, Mangala, Demichelis, Clichy,;Fernando, Toure; Navas, Silva, Nasri; Milner

Partita d'altri tempi al The Hawtorne per una fitta nevicata che si abbatte sullo stadio. Ma sui giocatori del WBA si abbatte anche la tempesta Manchester City: Fernando, Yaya Tourè e David Silva chiudono la pratica in poco più di mezz'ora.

Ad aprire le danze è il brasiliano, che dopo soli otto minuti mette già in chiaro le intenzioni dei Citizens di non far scappare il Chelsea. Il rigore di Tourè e il cesello finale dello spagnolo spengono le velleità dei padroni di casa, che con 17 punti rimangono nelle zone paludose della classifica. E i tifosi, fiutando l'aria, abbandonano in anticipo gli spalti, perdendosi il consolation goal di Brown Ideye, arrivato al minuto 87.

Per gli uomini di Pellegrini, missione compiuta: il Chelsea è ancora lì, avanti di soli tre punti.

SUNDERLAND - HULL CITY 1-3

1' Johnson, 32' Ramirez, 51' Chester, 90'+6 Jelavic

Sunderland (4-1-4-1): Pantilimon; Vergini, O’Shea, Coates,  Jones; Cattermole; Johnson, Larsson, Gomez, Alvarez; Fletcher

Hull City (5-3-1-1): McGregor; Elmohamady, Chester, Bruce, Davies, Rosenior; Meyler, Quinn, Brady; Ramirez; Aluko.

L'Hull City esce dalla palude della zona retrocessione e lo fa andandosi a prendere tre importantissimi punti sul campo del Sunderland. 

Eppure la gara era cominciata bene per i padroni di casa, che pronti via si trovano subito in vantaggio grazie ad Adam Johnson, complice anche una colossale dormita della difesa dell'Hull. Ramirez impatta alla mezz'ora, poi Chester in avvio di ripresa spariglia le carte con il gol che porta l'Hull sul 2-1. 

A chiudere la partita è Jelavic, che nell'infinito recupero concesso dall'arbitro mette il più classico degli ombrellini nel long drink siglando il 3-1.

EVERTON - STOKE CITY 0-1

38' Bojan (R)

Everton (4-2-3-1) Howard; Coleman, Jagielka, Stones, Baines; Barry, McCarthy; Mirallas, Barkley, Naismith; Lukaku

Stoke City (4-2-3-1) Begovic; Cameron, Shawcross, Muniesa, Pieters; Whelan, Nzonzi; Walters, Bojan, Arnautovic; Diouf.

In una partita decisamente grigia come il cielo d'inverno, basta un rigore del giramondo Bojan Krkic per regalare i tre punti ai Potters sul terreno di Goodison Park.

Bravo lo spagnolo ex Barça a procurarsi il rigore e a trasformarlo nei tre punti.

CRYSTAL PALACE - SOUTHAMPTON 1-3

17' Manè, 48' Bertrand, 53' Alderweireld, 87' Dann

Crtysal Palace (4-4-1-1): Speroni; Mariappa, Dann, Delaney, Ward; Puncheon, Ledley, Jedinak, Bolasie; McArthur; Campbell

Southampton (3-4-2-1): Forster; Yoshida, Alderweireld, Gardos; Clyne, Schneiderlin, Ward-Prowse, S. Davis, Bertrand; Mané, Pellè

Non c'è la firma del nostro Pellè, ma è comunque un grande Southampton quello che stende il Crystal Palace a domicilio. Sugli scudi soprattutto Manè, che con un gran gol ed un assit per la zuccata di Bertrand fa decollare la squadra di Koeman.

Il 3-0 di Alderweireld e il consolation goal messo a segno da Scott Dann al minuto 86' completano il tabellino.

SWANSEA - ASTON VILLA 1-0

13' Sigurdsson

Swansea (4-2-3-1): Fabianski; Rangel, Fernandez, Williams, Taylor; Ki, Shelvey; Dyer, Sigurdsson, Montero; Bony

Aston Villa (5-3-2): Guzan; Hutton, Vlaar, Okore, Clark, Cissokho; Delph, Cleverley, Sanchez; Agbonlahor, Benteke

Un lampo di Gylfi Sigurdsson regala tre preziosi punti ai gallesi, che si piazzano davanti all'Arsenal in attesa che i Gunners giochino la loro partita contro il QPR.

Per il resto tanta pioggia e poche emozioni.

LEICESTER - TOTTENHAM 1-2

2' Kane, Ulloa 48', Eirkssen 71'

Leicester (4-2-3-1): Hamer; Simpson, Wasilewski, Morgan, Konchesky; Drinkwater, King; Mahrez, Nugent, Schlupp; Ulloa.

Tottenham (4-2-3-1): Lloris; Walker, Fazio, Vertonghen, Rose; Bentaleb, Stambouli; Lamela, Eriksen, Chadli; Kane

Un Leicester sempre più fanalino di coda perde anche contro gli Spurs, oggi di giallo vestiti. Pronti via ed è subiti Harry Kane, che sbuca di deitro e di testa batte Hamer.

Il solito Ulloa, anima e cuore dei blu, impatta al 48' ma un altro onnipresente nel tabellino dei marcatori, il danese Erikssen, fa rimettere la testa avanti al Tottenham, che poi conduce in porto il 2-1 che lo porta a 30 punti.