Crisi Everton: il Newcastle si impone 3-2 sui Toffees

Partita ricca di goal, ma le brutte difese prevalgono sui bei attacchi. Torna al goal Konè, raggiunto dal solito Cissè, Perez e Colback  chiudono il match per i padroni di casa.

Crisi Everton: il Newcastle si impone 3-2 sui Toffees
Newcastle
3 2
Everton
Newcastle: (4-4-2): Alnwick; Janmaat, Williamson, Coloccini, Dummet; Sissoko, Colback, Tiote, Gouffran (90° Cabella); Cissè (73° Riviere), Perez.
Everton: (4-2-3-1): Robles; Coleman, Alcaraz, Distin, Garbutt; Barry, McCarthy (45° Barkley), McGeady (61° Mirallas), Baines; Eto'o, Konè (71° Lukaku).
SCORE: 5° Konè, 34° Cissè, 51° Perez, 68° Colback, 84° Mirallas.
ARBITRO: Craig Pawson. Ammonisce: 27° Gouffran, 28° McCarthy, 71° Alcatraz.
NOTE: !9esima giorna di Premier League. St. James Park, Newcastle. Si affrontano Newcastle ed Everton.

Il Newcastle riesce a ribaltare la partita, sbloccata subito da Konè, portando a casa 3 punti pesanti. L'Everton non vince più da 8 partite, il periodo no continua. Martinez sarà chiamato in causa?

RITORNA KONE', RISPONDE CISSE' - La sfida tra due squadre in cerca di un risultato, che dia loro una risposta ad un cammino di troppi alti e bassi, si accende con il ritorno al gol di Konè, preferito ad un Lukaku non in condizione ed alla sua prima partita da titolare in campionato. L'azione è degna del miglior Everton, non certo quello di questa stagione: palla in verticale, dove si inserisce il solito Coleman che favorisce col contagiri il taglio di Konè, bravo ad inserirsi, prendendo sul tempo la difesa dei Magpies. 0-1. Viene premiata la scelta  offensiva di Martinez che, però, ha dovuto ridisegnare per 3/4 la squadra. Con out Howard, Jagielka e Stones, in più Mirallas, Barkley e Lukaku non al meglio, il tecnico spagnolo opta per un 4-2-3-1 completamente nuovo. Baines viene avanzato a centrocampo con Garbutt scelto per sostituirlo in difesa, Eto'o dietro Konè ed Alcatraz al posto di Stones, in porta Robles. Se nel gol di Konè si rivede un Everton brillante, in quello del Newcastle, firmato da Papiss Cissè, si vedono tutte le lacune della difesa dei Toffees, vero punto debole della squadra di Liverpool. Tiote mette in mezzo un cross sul secondo palo, Distin si perde Janmatt che al volo ribatte al centro, dove trova Cissè, lasciato solo da Alcaraz & co., che la mette dentro. Il senegalese sarebbe dovuto uscire anzitempo dal terreno di gioco per una gomitata a Coleman, ma per fortuna del Newcastle, Powson non vede nulla. Si chiude il primo tempo tra il rammarico dei Toffees ed il sollievo dei Magpies.



IL BALLO DELLE DIFESE - Il secondo tempo mette in luce tutte le difficoltà  di entrambe le squadre nella fase difensiva.  In particolare l'Everton ne paga le conseguenze (Jagielka e Stones sono imprescindibili) in favore di un Newcastle più attento e più cinico, che riesce ad ottenere un'importante vittoria. Pardew sorride, Martinez assolutamente no. Il goal del vantaggio dei padroni di casa è viziato da un errore in uscita difensiva di McGeady, il quale a testa bassa regala una palla in attacco al Newcastle che con Perez - quinto gol in stagione per lui - concretizza e ringrazia. Bel gesto tecnico del giovane promettente spagnolo, che rientra sul destro incrociando e prendendo sul tempo un'incolpevole Robles. Ci si aspetterebbe una reazione da parte degli uomini di Martinez. Così non succede. Il pallino del gioco è costantemente tra i piedi dei Magpies, che ringraziano ancora la difesa dei toffees e, al 68° chiudono i conti con Colback, che festeggia il suo primo goal col Newcastle, del quale ne è tifoso sin da piccolo. Un'autostrada lasciata libera dalla difesa del Newcastle, lascia a Mirallas, entrato nella ripresa, l'occasione di riaprire la partita all'84°. Tuttavia gli ultimi attacchi dei toffees sono disordinati ed inconcludenti. Il Newcastle si porta a quota 26 punti. l'Everton, sempre più in crisi, rimane a 21, a -5 dalla terzultima. L'Europa sembra un miraggio.


Share on Facebook