Il Newcastle sbanca l'Hull City: 0-3 e prima vittoria della gestione Carver

Il lunch match di Premier League si apre con una vittoria convincente del Newcastle ai danni di un Hull City sempre più nei bassifondi della classifica.

Il Newcastle sbanca l'Hull City: 0-3 e prima vittoria della gestione Carver
Cronaca
Hull City
0 3
Newcastle United
Hull City: (4-4-2): McGregor; Elmohamady, Dawson, Davies, Robertson (Brady 71'), Ramirez, Livermore, Huddlestone, Meyler (Aluko 56'), Hernandez (Ince 67'), Jelavic
Newcastle United: (4-3-3): Krul; Janmaat, Williamson, Coloccini, Haidara; Sissoko, Anita, Colback; Cabella (Gouffran 72'), Perez (Cissè 82'), Ameobi (Albeid 91').
SCORE: Cabella 40', Ameobi 50', Gouffran 78'.
ARBITRO: Phil Dowd, ammonisce: Meyler, Anita, Elmohamady, Robertson, Livermore.
NOTE: Si gioca al KC Stadium, ore 13:45; si affrontano Hull City-Newcastle, per la 23^ giornata di Premier League.

COME ARRIVANO LE SQUADRE - Al KC Stadium, casa delle tigri dell'Hull City, si apre la 23esima giornata di Premier League con il suo consueto lunch match. Ad affrontarsi ci sono due squadre che vivono parallelamente momenti molto difficili: i padroni di casa sono precipitati in zona retrocessione con appena 19 punti e sono reduci da 3 sconfitte e una vittoria nelle ultime quattro giornate. Inoltre il loro allenatore, Steve Bruce, dovrà fare i conti anche con gli infortunati: Liam Rosenior, Robert Snodgrass James Chester e Mo Diamé sono ai box, la coppia d'attacco titolare Hernandez-Jelavic torna a disposizione e verrà schierata in campo, in un 4-4-2 che possa dare più equilibrio ad una squadra che segna poco e subisce tanto. Il Newcastle, con punti differenti (27), non sta comunque passando un periodo felice, un dato è emblematico: sono la terzultima difesa della Premier. Dopo le proteste d'inizio stagione sulla gestione Pardew, adesso nuovo allenatore del Cystal Palace, con la nuova gestione di John Carver la situazione non sembra cambiata più di tanto, anzi: per i Magpies solo un punto nelle ultime quattro sfide. Buona notizia per gli ospiti, il rientro di Papiss Demba Cissè dalla coppa d'Africa, ma l'attaccante siederà solo in panchina. Lo stadio è tutto esaurito (25.404 posti a sedere), la partita può dare importanti segnali per entrambe le compagini ed il prepartita è sempre ricco di fascino, anche e sopratutto per i più piccoli. 

SINTESI -  Nel primo tempo emergono tutte le difficoltà delle due squadre, poco convinte dei propri mezzi. Sopratutto nella fase centrale della prima frazione, prevale la paura di fare la giocata e gli errori a metà campo sono numerosi. Prima è l'Hull City a tenere più la palla ed al 17' le tigri sfiorano il gol: sugli sviluppi di un calcio piazzato è Coloccini a mantenere il punteggio sul pari, salvando di petto una conclusione di testa, a botta sicura. Gli uomini di Carver, quindi, iniziano a prendere fiducia, tuttavia faticano nella fase di impostazione. Il gol che sblocca la partita, infatti, arriva sull'errore in disimpegno difensivo di Robertson (fisicamente non al meglio), che permette a Cabella di spostarsi la palla sul sinistro e di inflilare sulla sinistra Krul. Primo gol con la maglia del Newcastle per l'ex Montpellier. Le squadre vanno negli spogliatoi dopo che ad Elmohamady viene annullato un gol, più che giustamente: aveva segnato di mano, esibendo un colpo degno della pallavolo.

Il secondo tempo si apre col gol del Newcastle che spezza in due la partita. Di nuovo un errore in fase di disimpegno per l'Hull City stuzzica la fantasia dei Magpies: Ameobi sgancia un tiro dal suo mancino perfetto per forza e precisione, anche se McGregor non si posiziona benissimo,  e la partita per i padroni di casa si mette in salita: 0-2. L'orgoglio delle tigri esce fuori ed il Newcastle soffre sopratutto sui calci piazzati, complice anche una difesa non perfettamente ordinata. Al 52' Coloccini svirgola il pallone e deve ringraziare Anita che salva sulla linea un'eventuale autogol clamoroso dalla linea di fondo. Scampato il pericolo, gli uomini di Carver si fanno pericolosi in campo aperto, sfruttando gli spazi concessi dall'Hull City. Al 63', dopo una bella progressione sulla sinistra di Robertson che favorisce l'inserimento di Ramires, Jelavic non trova l'appuntamento con il gol, per pochi centimetri. Se la fortuna non ti assiste, la sfortuna ti massacra: al 77' Gouffran ipoteca definitivamente la vittoria dei suoi, segnando il terzo gol, con l'aiuto della deviazione di Dawson. Il resto del match si gioca solamente per le statistiche, i tifosi dell'Hull City lasciano lo stadio anzitempo e Steve Bruce, tifoso del Newcastle, viene affossato proprio dalla sua squadra del cuore.

CONCLUSIONI - Arriva la prima vittoria della gestione Carver e questo rivitalizza sicuramente l'ambiente Newcastle, con la squadra che adesso si porta a quota 30 punti agganciando momentaneamente lo Swansea City. Indubbie sono le qualità dei singoli, sopratutto in attacco; se Carver riuscisse a dare un assetto difensivo più equilibrato, il Newcastle sarà capace di competere alla pari con tutti. Da parte sua l'Hull City non riesce ad uscire da una striscia negativa di risultati. Complici anche i molti infotuni, la squadra di Bruce non è più riuscita a segnare, emerge infatti un dato che fa impressione: zero gol nelle ultime quattro partite. La lotta per la salvezza sarà spietata e l'Hull City per salvarsi deve trovare prima di tutto la via del gol, che manca da troppo tempo.

 

Premier League