Liverpool, è Klopp l'erede di Rodgers

Fumata bianca a Liverpool, sarà Jürgen Klopp il nuovo allenatore dei Reds dopo l'esonero di Brendan Rodgers. All'ex allenatore del Borussia Dortmund  il difficile compito di risollevare le sorti di una squadra che ha tutte le potenzialità per concorrere al titolo della Premier

Liverpool, è Klopp l'erede di Rodgers
Liverpool, è Klopp l'erede di Rodgers

La voce si rincorreva già poche ore dopo l'esonero di Rodgers, ma adesso sembra arrivato il momento della fumata bianca: Jürgen Klopp è il nuovo allenatore del Liverpool

Sarà quindi l'ex allenatore del Borussia Dortmund a prendere le redini della squadra che occupa attualmente la decima posizione della Premier League. Compito tutt'altro che semplice quello che spetta adesso al carismatico allenatore tedesco. Klopp dovrà lavorare soprattutto dal punto di vista mentale, avendo a disposizione una tra le rose più forti del campionato inglese, ma che pecca di personalità (pesa ancora nelle menti di molti giocatori Reds lo scudetto perso a poche giornate dalle fine due stagioni fa).

Rapida ed indolore la trattativa tra l'asso tedesco e la dirigenza del Fenway Sports Group. Oltremanica si parla di un contratto triennale da circa 5 milioni di Euro a stagione.  Programmata per venerdì mattina la conferenza stampa di presentazione, dove Klopp vestirà per la prima volta la "maglia" del Liverpool, insieme al vice Zeljko Buvac ed al tattico Peter Krawietz, che prendono il posto rispettivamente di Sean O’Driscoll e Gary McAllister.

Proviamo ad ipotizzare gli schieramenti che potrebbero essere scelti dal tecnico tedesco, famoso per la sua duttilità. Al primo posto tra le scelte di Klopp ci sarà sicuramente il 4-2-3-1, senza però dimenticare il 4-3-3 che forse potrebbe fare proprio al caso del Liverpool.

Partiamo dal 4-2-3-1. Difesa standard con Clyne, diventato ormai pedina inamovibile, Skrtel, Sakho e Moreno. A centrocampo, forse il reparto più vulnerabile dopo la partenza di Gerrard, si giocherebbero il posto da titolare Henderson, Lucas Leiva, Allen e Milner, mentre sulla trequarti l'unico sicuro del posto da titolare potrebbe essere Coutinho, con Firmino, Lallana ed Ibe a giocarsi gli altri due posti. In attacco invece la scelta più difficile per Klopp: chi schierare tra Benteke e Sturridge nel ruolo di prima punta?

Se invece Klopp adottasse il 4-3-3, proponendo un centrocampo più folto e quindi maggiori garanzie difensive, potrebbe non esserci il ballottaggio Benteke/Sturridge, con l'attaccante inglese che andrebbe ad occupare lo spot di attaccante esterno, ruolo ricoperto anche negli anni passati. 

In ogni caso bisognerà aspettare il rientro dei vari giocatori infortunati per avere un'idea chiara sul modulo e sugli uomini che utilizzerà Klopp. Probabile l'intervento della società sul mercato, per provare a rinforzare la squadra con un centrocampista centrale di caratura mondiale, ed un centrale difensivo che possa dare fiato a Skrtel e Sakho, dietro i quali sembra esserci il vuoto. 


Share on Facebook