Il Tottenham guarda già al 2017: nel mirino Schurrle e Wijnaldum

Mancano ancora quattro partite per chiudere la Premier League, ancora in bilico nella corsa a due tra il Leicester City e Tottenham, ma gli Spurs stanno già scoprendo le carte per affrontare la prossima Champions League.

Il Tottenham guarda già al 2017: nel mirino Schurrle e Wijnaldum
Il Tottenham guarda già nel 2017: i nomi più appettibili

Tutta l'Inghilterra calcistica, e non solo, è con il fiato sospeso, con gli occhi puntati sul rush finale della Premier League: a quattro giornate dal termine, il Leicester guida la classifica, con cinque lunghezze di vantaggio sul Tottenham, ma il campionato è tutt'altro che chiuso. La squalifica di Vardy (ancora da determinarsi) priverà le Foxes del loro principale terminale offensivo, mentre la truppa di Pochettino è un autentico rullo compressore, con quattro vittorie nelle ultime cinque sfide, subendo solo un gol, di fronte alle tredici marcature realizzate. Mancano solo tre punti per avere la certezza matematica di disputare la prossima Champions League per il Tottenham, ma al Borough di Haringey si stanno mobilitando per rinforzare la rosa in vista della massima rassegna continentale per club. 

Prima di lanciarsi all'attacco, la dirigenza dei Lilywhites sta preparando la difensiva per trattenere Harry Kane: Real Madrid e Bayern Monaco hanno già sondato la volontà del giocatore inglese e sono pronti ad un'offerta monstre in direzione Londra, ma gli Hotspurs hanno già nelle mani la proposta di rinnovo del contratto per l'attaccante, sempre più propenso a restare sotto la guida di Pochettino. Durante la stagione, si è paventata l'assenza di una vera alternativa di Kane: l'unica punta naturale è Clinton Njie, ma è out da dicembre per un infortunio al ginocchio. Nella sessione invernale di calciomercato, il Tottenham non ha chiuso nessun colpo per tappare le falle in attacco e Pochettino ha dirottato in avanti Chadli, durante le assenze di Kane, stessa sorte per il coreano Heung-Min Son, ma con risultati piuttosto modesti. Ed ecco, che i londinesi potrebbero fare la spesa nelle nostre latitudini: un nome caldo è l'attaccante della Fiorentina, Josip Ilicic: i Viola hanno fissato il prezzo a quindici milioni, ma piace molto al Liverpool e al Leicester. A sorpresa, gli Spurs stanno tallonando la Juventus nell'asta per Gianluca Lapadula, asso italo-peruviano del Pescara, che è nel mirino di Ranieri. Dal Lille è in uscita il giovane talento marocchino Sofiane Boufal, seguito dal Chelsea, ma Levy sarebbe pronto a sborsare venti milioni per il possibile partner di Kane. 

Twitter Special Football
Twitter Special Football

Fa rumore il possibile ritorno in Inghilterra di Andrè Schurrle, infelice della sua esperienza in terra teutonica, con la divisa del Wolfsburg, vorrebbe sbarcare in una squadra da Champions League: i presupposti per portare il Campione del Mondo con la Germania a Londra ci sono, anche se il Chelsea parrebbe intenzionato a riportarlo alla base, ma l'ago della bilancia pende verso il Tottenham, per via della partecipazione alla Champions. Per rimpolpare il centrocampo, con il Newcastle ormai prossimo alla retrocessione in Championship, vicino alla smobilitazione, la dirigenza degli Hotspurs potrebbe strappare un pezzo pregiato, come Georginio Wijnaldum, alla concorrenza. Wijnaldum, ormai punto fermo della Nazionale Olandese e astro nascente, potrebbe salutare i Magpies con un'offerta di trenta milioni. Escluse clamorose cessioni in difesa, con Jan Vertonghen, Toby Alderweireld e Wimmer terzo centrale, sicuri nella prossima stagione, Pochettino monitora la situazione Mustafi, in uscita dal Valencia. Il tecnico argentino aspetta la mossa del Barcellona, interessato al venticinquenne ex Sampdoria, prima di passare all'attacco. 

Reuters
Reuters

Dopo diverse estati all'insegna di cessioni di lusso, vedi Bale, al Real Madrid per centouno milioni, il Tottenham sembra pronto a fare voce grossa nel mercato e allestire una campagna acquisti stellare, per inseguire la Premier League da favoriti e fare strada in Champions League. La base c'è, l'allenatore pure, ora la palla passa alla società. In attesa dello stadio nuovo, pronto per la stagione 2019, magari con una squadra al livello dei top club europei.