United, buona la prima in casa. Ibra stende il Southampton

La doppietta del fuoriclasse svedese mette al tappeto dei discreti Saints, bravi a crederci fino alla fine nonostante lo svantaggio.

United, buona la prima in casa. Ibra stende il Southampton
Zlatan Ibrahimovic: quattro gol in tre partite ufficiali con la maglia dello United
Manchester United
2 0
Southampton
Manchester United: (4-2-3-1): DE GEA; VALENCIA, BAILLY, BLIND, SHAW; POGBA, FELLAINI; MATA (MIN. 75 MKHITARYAN), ROONEY (MIN. 89 SMALLING), MARTIAL (MIN. 82 HERRERA); IBRAHIMOVIC.
Southampton: (4-3-1-2): FORSTER; CEDRIC SOARES, FONTE, VAN DIJK, TARGETT; DAVIS (MIN. 67 AUSTIN), ROMEU (MIN. 12 CLASIE), HOJBJERG; TADIC; REDMOND, LONG.
SCORE: 1-0, MIN. 36, IBRAHIMOVIC. 2-0, MIN. 52, IBRAHIMOVIC (RIG.)
ARBITRO: ANTHONY TAYLOR (ENG).
NOTE: Stadio: OLD TRAFFORD di Manchester (2° GIORNATA, PREMIER LEAGUE, 2016-2017).

Lo United risponde presente al primo appello all'Old Trafford. Decide la doppietta di Zlatan Ibrahimovic con i Red Devils che hanno esibito un bel gioco per lunghi tratti del match. Per i Saints comunque una discreta partita, penalizzata anche dall'infortunio occorso ad inizio partita ad Oriol Romeu.

LE SCELTE- I padroni di casa vengono schierati da Mourinho con un 4-2-3-1 molto offensivo. Davanti al solito De Gea giocano Valencia, Bailly, Blind e Shaw. Davanti a loro subito titolare Pogba, al ritorno a Manchester, assieme a Fellaini. Più avanti Mata, Rooney e Martial a supporto di Ibrahimovic, unica punta.
Il Southampton risponde con un 4-3-1-2 con Cedric, Fonte, Van Dijk e Targett a protezione della porta difesa da Forster. Davis, Romeu e Hojbjerg compongono la linea di metà campo, poi Tadic a supporto delle due punte, Redmond e Shane Long

LA PARTITA - I Saints provano inizialmente a dettare i tempi di gioco ma lo United è bravo a reagire. Il primo episodio del match avviene all'ottavo minuti di gioco quando Romeu si accascia a terra: l'infortunio non sembra inizialmente metterlo ko ma dopo qualche minuto lo spagnolo non ce la fa, al suo posto entra Clasie.

Si arriva quindi alla prima vera occasione del match con Pogba che prova a farsi vedere, bravo però Forster a parare la prima conclusione del francese dopo il ritorno a Manchester. I primi 20' scorrono tranquilli con le due formazioni che si limitano a gestire il pallone nelle rispettive metà campo. 
Al 26', primo brivido per lo United con Long che sfrutta un campanile creatosi nell'area dei padroni di casa per girare bene verso la porta ma il pallone esce di un soffio. L'occasione degli ospiti è una scossa per la squadra di Mourinho che comincia a giocare come si deve a partire dal 30' con Ibra che ci prova in acrobazia su una spizzata di Mata, ben lanciato da Pogba. 

Ancora Long pericoloso qualche minuto dopo, ma ancora una volta il centravanti irlandese non è preciso e non sfrutta il gran pallone servitogli da Tadic, il più attivo tra i Saints. Bravo Forster al 34' a bloccare il tiro di Rooney dai 25 metri, nulla può però il portiere inglese al 36': Rooney mette in mezzo un pallone stupendo e Ibrahimovic sovrasta Fonte andando ad insaccare. Il gol dello svedese blocca il Southampton che soffre il dominio dello United fino al termine del primo tempo. Si va quindi al riposo sull'uno a zero per i padroni di casa, andati meritatamente in vantaggio.
Nessun cambio ad inizio ripresa e con la prima vera azione vanno a segno i Saints con Tadic che mette in rete di testa ma il gol viene giustamente annullato per fuorigioco. Sembrano regire bene gli ospiti ma poi, un due minuti più tardi ci pensa Clasie a rovinare la sua discreta partita, il centrocampista olandese infatti atterra con un'ingenuità assurda Shaw appena entrato in area: calcio di rigore che Ibrahimovic non sbaglia spiazzando Forster, 2-0 United.



Il gol subito è un duro colpo per il Southampton che va in difficoltà e rischia l'imbaracata su un calcio d'angolo ma il colpo di testa di Pogba è impreciso. Altra occasione qualche minuto dopo con Martial che prova a fare tutto da solo venendo chiuso da un ottimo Van Dijk, uno dei migliori tra i suoi, e facendo infuriare Ibrahimovic, non servito nell'occasione e liberissimo a centro area.

Puel prova ad aumentare il peso offensivo della sua squadra togliendo Davis per Austin ma la musica non cambia ed è ancora Ibra a rendersi pericoloso al 70' con un altro colpo di testa, questa volta impreciso. Ci credono comunque i Saints che hanno la forza di rendersi ancora pericolosi, ancora una votla con Long che impatta benissimo sul cross di Cedric, la palla però termina sul fondo di poco.
Ci prova nuovamente Pogba qualche minuto più tardi ma il suo destro a giro non è preciso, e dopo una girandola di cambi per Mourinho è ancora Ibra ad andare vicino al 3-0 ma il suo controllo sul bel pallone di Martial è errato. 

All'87' il Southampton va vicinissimo a riaprire il match: gran cross rasoterra di Targett per Tadic che calcia di prima senza pensarci. Palla fuori di mezzo metro alla destra di un immobile De Gea.
Nel finale solita standing ovation dell'Old Trafford per Wayne Rooney, sostituito da Smalling e altra occasione per Pogba che pecca forse di egoismo e cerca la conclusione invece di servire il meglio piazzato Ibrahimovic. 

Cala quindi il sipario a Old Trafford, con il Manchester United che batte il Southamtpon con il risultato di 2-0. Decisiva  la doppietta di Ibrahimovic, al suo quarto gol stagionale con la maglia dei Red Devils in sole tre partite. Ora la banda di Mourinho si porta da sola al comando della classifica di Premier, in attesa dei match delle altre pretendenti al titolo. Un solo punto in due partite per il Southampton che può comunque guardare con ottimismo al futuro.

Premier League