Il sabato di Premier League - Godono il Tottenham e Lukaku. Mazzarri vede la salvezza, cade l'Hull

Gli Spurs si portano momentaneamente a -4 dal Chelsea, battendo con un rotondo 4-0 il Bournemouth. Il belga fa 24 in stagione nel 3-1 sul Burnley. Dietro non vince nessuno, Watford e Stoke battono Swansea ed Hull, aumentando il margine. Palace-Leicester e Sunderland-West Ham terminano 2-2.

Il sabato di Premier League - Godono il Tottenham e Lukaku. Mazzarri vede la salvezza, cade l'Hull
Fonte immagine: Twitter @PremierLeague

Sabato di vigilia pasquale ricco di gol in Premier League. Il Tottenham vince e insegue il sogno, accorciando sul Chelsea, mentre Stoke e Watford firmano forse la definitiva salvezza. Restano nel limbo West Ham, Leicester e Palace, che pareggiano tutte. Vince ancora l'Everton, momentaneamente quinto in classifica.

Tottenham - Bournemouth 4-0

16' Dembelé, 19' Son, 48' Kane, 90+2' Janssen.

Il Tottenham vince e si porta momentaneamente a -4 dal Chelsea, impegnato oggi contro lo United. Sciolto 4-0 contro un Bournemouth assolutamente dominato. Dembelé è il protagonista dell'avvio di gara, visto che prima centra il palo con un gran destro da fuori, poi, con lo stesso piede, risolve una palla vagante a centro area infilando l'1-0. Il raddoppio è questione di minuti, Kane col tacco smarca Son, che accelera per entrare in area bruciando un avversario, poi conclude in diagonale col tunnel a Boruc. Pochi problemi di gestione per i londinesi, in apertura di ripresa Kane fa 20 stagionali in Premier, con il mancino, dopo essersi liberato della marcatura. Boruc gli nega due volte il 21esimo, Son non è freddo, così il quarto sigillo lo mette Janssen in pieno recupero. 

Everton - Burnley 3-1

49' Jagielka (E), 52' rig. Vokes (B), 71' aut. Mee (B), 74' Lukaku (E).

L'Everton vince 3-1 contro il Burnley e si ripropone come incomodo tra le top-four, nonostante la differenza di partite giocate. Succede tutto nella ripresa, ma nel primo tempo serve un salvataggio sulla linea di Barkley per mantenere vivi i Toffees, anche più volte vicini al gol. Jagielka apre le marcature al 49' con il terzo gol consecutivo, incornata ravvicinata, ma tre minuti dopo Vokes dal dischetto impatta. In quattro minuti i padroni di casa rimettono la testa avanti e la chiudono: Mee devia un destro di Barkley, poi Lukaku di fisico scrive 3-1 alla sua maniera. I Clarets rischiano qualcosa e devono guardarsi le spalle.

Stoke City - Hull City 3-1

6' Arnautovic (S), 51' Maguire (H), 66' Crouch (S), 80' Shaqiri (S).

Lo Stoke si porta a +11 sulla zona retrocessione battendo la quartultima, l'Hull City, e riassaporando la vittoria dopo quattro sconfitte di fila. I Potters passano presto, dopo 6 minuti, con un destro all'incrocio di un Arnautovic attivissimo che sfiora anche il raddoppio, ma allo stesso minuto - del secondo tempo - il solito Maguire col solito taglio sul secondo palo risolve la palla vagante calciando l'1-1. Lo Stoke reagisce, Jakupovic salva sull'incornata di Walters, ma non può prendere quella di Crouch. Grant salva il risultato, Walters manda un rigore in movimento sulla traversa, così a dieci dal termine Shaqiri si inventa un mancino dai trenta metri nel sette che archivia la pratica.

Sunderland - West Ham 2-2

5' Ayew (W), 26' Khazri (S), 47' Collins (W), 90' Borini (S).

Il Sunderland muove la classifica strappando un 2-2 interno contro il West Ham, che vede rimandato il discorso salvezza facendosi agguantare nei minuti finali. Ayew, abbandonato a centro area, firma il vantaggio ospite, ma Khazri direttamente da angolo firma un gol straordinario che vale il pari. Sempre da corner arriva il nuovo vantaggio, insacca Collins di testa. I Black Cats sciupano il pari con Ndong, ci pensa così Borini al 90', con la botta da fuori dopo una palla non tenuta in uscita alta da Randolph, ad equilibrare il punteggio. Sunderland sempre in fondo.

Watford - Swansea 1-0

42' Capoue.

Il Watford mette la salvezza quasi in cassaforte, vincendo 1-0 contro lo Swansea, terzultimo, e allungando a +12. Protagonisti i due portieri nel primo tempo, è un errore di Mawson che permette a Capoue di sbloccare e decidere: il centrale si fa soffiar palla al limite dell'area, il francese vede il primo tiro respinto da un super Fabianski, ma non può nulla sul secondo tentativo. Gioca meglio la squadra di Mazzarri, che sfiora un paio di volte il 2-0 e rischia poco, portando a casa una vittoria risicata ma pesantissima.

Crystal Palace - Leicester 2-2

6' Huth (L), 52' Vardy (L), 54' Cabaye (C), 70' Benteke (C).

Gol e spettacolo tra Leicester Crystal Palace, 2-2 che serve poco a entrambe, le quali rimangono sempre abbastanza vicine alla red zone (rispettivamente +9 e +7). Partono a razzo gli ospiti, la rimessa lunga di Fuchs trova la testa di Huth per lo 0-1, poi raddoppia Vardy - mancino in contropiede - in avvio di ripresa dopo un paio di rischi corsi nella prima parte di gara. Cabaye accorcia con un rigore in movimento due minuti dopo. Al 70' la pareggia Benteke, che di testa sovrasta un difensore e insacca un cross dalla sinistra.