Premier League - Gabriel Jesus salva il City nel finale: 2-2 sul campo del Middlesbrough

Due volte in vantaggio i padroni di casa, due volte Guardiola costretto a inseguire. Ne esce un pari che serve poco a entrambe. City sempre a rischio, Boro pericolante e ancora in piena zona retrocessione.

Premier League - Gabriel Jesus salva il City nel finale: 2-2 sul campo del Middlesbrough
Fonte immagine: Mirror
Middlesbrough
2 2
Manchester City
Middlesbrough: (4-3-3) - Guzan; Fabio, Chambers, Gibson, Friend; de Roon, Clayton, Forshaw; Stuani (73' Traoré), Negredo (82' Gestede), Downing. All. Agnew
Manchester City: (3-4-1-2) - Caballero; Kompany, Otamendi, Kolarov; Navas, Fernandinho, Garcia (49' Sané), Clichy (50' Sterling); De Bruyne; Aguero (90+2' Nolito), Gabriel Jesus. All. Guardiola
SCORE: 38' Negredo (M), 69' rig. Aguero (C), 77' Chambers (M), 85' Gabriel Jesus (C).
ARBITRO: Kevin Friend. Ammoniti: Stuani, Forshaw, Fabio, De Roon (M); Kompany, Sané, Otamendi, Sterling (C).
NOTE: Giornata 35 di Premier League 2016/17, gara giocata al Riverside Stadium di Middlesbrough. 29763 spettatori.

Spartirsi la posta con l'amaro in bocca. Termina 2-2 il confronto tra Middlesbrough e Manchester City, match domenicale della 35esima giornata di Premier League. Un pareggio che non serve davvero a nessuno, perché gli Sky Blues restano in piena corsa per la Champions, ma perdono una grande chance di staccare le rivali, mentre il Boro resta in zona retrocessione e non guadagna punti sull'Hull.

Il pari del Riverside matura grazie a una prestazione muscolare e di nervi dei padroni di casa, mentre Guardiola, dall'altra parte, gioca con gli uomini a sua disposizione: la scelta del tecnico spagnolo ricade su un modulo che possa agevolare l'accoppiata Aguero-Jesus, per la prima volta titolari insieme. In mezzo al campo trova spazio Garcia - assente Yaya Touré - mentre si siedono in panchina soprattutto Sterling e Sané, vittime del turnover. Agnew continua invece con il suo 4-3-3.

La gara si apre sotto il segno dei padroni di casa, che vanno vicini al gol in due occasioni, sempre con un tarantolato De Roon: se la sua prima conclusione da fuori non è pericolosa ma passa comunque a ridosso dei pali, la seconda, da dentro l'area, manca di precisione, perché la palla finisce in curva, con sospiro di sollievo di Caballero. Il primo tempo del City è sostanzialmente basato su occasioni sprecate in loop - si chiuderà senza nemmeno un tiro in porta all'attivo - ed il Boro, giustamente, ne approfitta per passare in vantaggio con un sinistro a giro dal limite di Negredo, chirurgico nel baciare la faccia interna del palo e insaccare l'1-0, meritato, dei padroni di casa.

Guardiola, non soddisfatto del 3-4-1-2, spedisce in campo Sané e Sterling in apertura di ripresa, provando a cambiare l'atteggiamento tattico dei suoi: in effetti gli Sky Blues attaccano meglio, ma per pervenire al pareggio hanno bisogno della furbizia di Sané e dell'ingenuità dell'arbitro. L'ex Schalke si prende un rigore con un tuffo abbastanza clamoroso, Aguero realizza e rimette le cose in parità. Il Middlesbrough non ci sta, reagisce da subito e perviene nel giro di otto minuti alla rete del nuovo vantaggio, un'azione a dir poco confusa finalizzata da un tocco di Chambers, assistito da Negredo. A sistemare definitivamente il punteggio ci pensa Gabriel Jesus, con un ottimo colpo di testa a cinque dal termine. Finisce 2-2, un punto a testa che fa contenti pochi.

Premier League