Pazzia di mercato: Ruben Neves al Wolverhampton!

Il giovane fuoriclasse portoghese scende in Championship e lascia il Porto per 20 milioni di Euro. Decisivo Espirito Santo, ma il balzo all'indietro fa rumore.

Pazzia di mercato: Ruben Neves al Wolverhampton!
Fonte immagine: Twitter @Wolves

Siamo solo all'otto di luglio, ma potremmo già decretare il probabile trasferimento più clamoroso dell'estate. Nessuna big coinvolta, ed è questa la prima enorme notizia; poi, in secondo luogo, un salto all'indietro dalla Champions League alla seconda divisione inglese, per una cifra di 20 milioni, per i prossimi cinque anni. Tutto questo con lo status di capitano del Porto, ma con 1997 alla voce data di nascita sui propri documenti d'identità. Già, Ruben Neves è un nuovo giocatore del Wolverhampton, squadra di Championship che ha - ovviamente - polverizzato i precedenti record di spesa del club per un giocatore che era seguito da mezza Europa.

Il trasferimento è un fulmine a ciel sereno, ma si può comprendere e analizzare sotto due aspetti. Sulla panchina degli Wolves si è infatti seduto Nuno Espirito Santo, allenatore del Porto nelle ultime due stagioni che ha accettato di rimettersi in gioco a un livello più basso e ha espressamente richiesto il gioiellino classe 1997. Jorge Mendes, procuratore del ragazzo, non ci ha pensato due volte ad assecondare le sue richieste portandolo in un campionato sì di seconda fascia, ma ricco più di molti altri di prima. Insieme al giovane, peraltro, ha viaggiato anche Boly, in prestito per un anno agli inglesi.

Ciò che ovviamente colpisce di più è - anche - la volontà di Ruben Neves di andare in Championship, di scendere di un paio di categorie (dalla Champions League ad una seconda divisione, sebbene di prestigio) per raggiungere il proprio allenatore, rinunciando a muoversi verso lidi più prestigiosi, come sembrava in procinto di fare: la Juventus aveva sondato il terreno, ma più o meno tutte le big Europee avevano telefonato e mostrato interesse per questo giocatore di prima fascia. Centrocampista centrale, personalità fuori dalla norma, capacità di giocare in copertura ma anche di impostare e di inserirsi: un giocatore destinato a diventare completo, forse uno dei migliori nel suo ruolo, sceglie il Wolverhampton, sceglie la strada del suo allenatore. Solo in caso di promozione immediata si potrebbe trovare alla lontana un senso ad un trasferimento che ha spiazzato tutti.

Premier League