Everton, Koeman deve scegliere fra Giroud e Welbeck

Il manager dei Toffees vuole ancora una punta: si guarda in casa Arsenal per completare il reparto offensivo; Sigurdsson è ad un passo, per la difesa spunta l'idea Vermaelen.

Everton, Koeman deve scegliere fra Giroud e Welbeck
Everton, Koeman deve scegliere fra Giroud e Welbeck | www.express.co.uk

Prima si chiude il colpo Gylfi Sigurdsson, poi tutto sul numero 9. Il mercato spumeggiante dell’Everton non è ancora finito: Ronald Koeman è ad un passo dal centrocampista islandese dello Swansea per 50 milioni di sterline. La trattativa con i gallesi va avanti da tempo e sembrava essere giunta ad una fase di stallo, ma la mancata convocazione del calciatore per l’amichevole contro la Sampdoria può essere interpretato come un segnale di accelerazione, tanto che i bookmakers hanno fatto crollare le quote riferite a questo trasferimento. Dunque il manager olandese non è ancora sazio, perché dopo la definizione dell’affare Sigurdsson punterà tutto su un nuovo centravanti.

Non bastano Sandro Ramirez – a segno nel 2-2 in amichevole contro il Siviglia per la prima volta con la nuova maglia - e Wayne Rooney per sostituire Romelu Lukaku ed allora l’obiettivo numero uno – già accostato ai Toffees – diventa Olivier Giroud: il francese dell’Arsenal ha segnato il rigore decisivo nella finale di Community Shield contro il Chelsea, ma Arsène Wenger gli ha preferito il nuovo acquisto Alexandre Lacazette come titolare ed al numero 12 è stato concesso solamente poco più di un quarto d’ora. Il tecnico alsaziano però non sembra convinto di privarsi dell’ex Montpellier ed i 25 milioni di sterline – che rappresentano l’ultima offerta di Koeman – potrebbero non bastare. Ecco perché il Daily Mirror rilancia l’alternativa, individuata sempre tra le fila dei Gunners: si tratta di Danny Welbeck, per il quale l’Everton sarebbe disposto ad alzare la proposta fino a 30 milioni di sterline.

I Toffees sono attesi da una stagione impegnativa su più fronti: in Premier League si punta ad un piazzamento nella top 4, mentre in Europa League l’obiettivo è andare il più avanti possibile. Servono quindi alternative di qualità anche nel reparto arretrato e l’ultima idea porta a Thomas Vermaelen del Barcellona, reduce da una pessima stagione in prestito alla Roma ma profondo conoscitore del campionato inglese, visti i 5 anni trascorsi – anche lui – all’Arsenal; il piano B è rappresentato da Winston Reid del West Ham.


Share on Facebook