Arsenal, il caso Sanchez e lo stallo totale

Wenger insiste: "Non si muoverà". Ma il Cileno sembra insofferente e vuol partire verso altri lidi. La soluzione pare lontana, ma tra due giorni inizia la Premier e tra ventidue chiude il mercato.

Arsenal, il caso Sanchez e lo stallo totale
Fonte immagine: Fox Sports

A due giorni dal primo kick-off dell'edizione 2017/18 della Premier League, in casa Arsenal si vive una situazione al limite del paradossale - almeno stando a quanto è trapelato dai media e dai diretti interessati. L'uomo nel mirino è Alexis Sanchez, la cui situazione sembra la fotografia perfetta dell'instabilità e dell'incertezza. Riassumendo brevemente: il Cileno non ha rinnovato il proprio contratto in scadenza 2018, dopo aver posto ai Gunners una richiesta di oltre 15 milioni di Euro l'anno. L'Arsenal non è certa né di poter accontentare il cileno e nemmeno di volerlo accontentare, provando a trattare al ribasso; intanto le altre squadre che hanno approcciato Alexis non hanno mai affondato e Wenger, nonostante il giocatore abbia provato anche a parole a mandare frecciatine ai londinesi, ha chiuso la porta ad ogni possibile cessione dell'ex Barcellona e Udinese.

Lo stallo che permane tra El Nino Maravilla e la dirigenza londinese è al momento destinato a restare tale. L'unica maniera per sbloccare questa situazione sembra un'offerta faraonica, che possa avvicinarsi alla tripla cifra di Milioni di Euro (si era parlato anche di una valutazione di 90 milioni fatta dall'Arsenal), ma l'operazione Neymar - e conseguenti in dirittura, come Dembelé o Coutinho - ha sistemato gli attacchi di Psg e Barcellona. A questo punto soltanto il Manchester City o il Real Madrid possono candidarsi all'acquisto del giocatore, il quale sembrava a giugno vicinissimo al Bayern Monaco. In caso di partenza, semplicemente, l'Arsenal dovrà trovare un sostituto adatto (Lemar il primo nome in lista, ma non è l'unico).

Se invece Alexis Sanchez dopo il 31 agosto dovesse ancora essere un calciatore dell'Arsenal, si entrerebbe in una situazione nella quale è difficile anche soltanto pensare di trovare chiavi di lettura adeguate. Nell'ipotesi in cui i Gunners potessero - rispettando le regole del Fair Play Finanziario, che limita i rinnovi contrattuali e gli aumenti a 7 milioni di Euro l'anno in caso di saldo negativo tra entrate e uscite nella stagione - rinnovare il contratto del Cileno, il rapporto proseguirebbe e la stagione assumerebbe un senso. Se invece il contratto non verrà rinnovato, Alexis si libererebbe a zero tra un anno. Non solo uno dei calciatori più forti del mondo si troverebbe svincolato, in condizione di trovarsi una squadra, ma l'Arsenal rimarrebbe a bocca asciutta, perdendo a parametro zero il proprio giocatore migliore. Inoltre, la stagione potrebbe essere rovinata: Sanchez non sembra essere così determinato ad indossare la maglia dei Gunners.

L'unico che ha però le chiavi per aprire il cassetto e risolvere la questione è ovviamente Arsène Wenger, il quale per ora ha soltanto espresso a parole il suo punto di vista: Sanchez rimarrà all'Arsenal. Presto dovranno però arrivare anche i fatti.


Share on Facebook