Trabzonspor, Yanal: "Napoli forte, ma lo conosciamo bene"

L'allenatore del Trabzonspor è intervenuto nella classica conferenza stampa di vigilia, analizzando la sfida di domani al Napoli e più in generale della doppia sfida con i partenopei. Ecco le sue parole.

Trabzonspor, Yanal: "Napoli forte, ma lo conosciamo bene"
Trabzonspor, Yanal: "Napoli forte, ma lo conosciamo bene"

Ersun Yanal, tecnico del Trabzonspor, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida col Napoli per l'andata dei sedicesimi di finale d'Europa League"Il Napoli è forte, ma noi lo conosciamo bene, conosciamo ogni loro giocatore e questo può facilitarci. Loro hanno tanti giocatori, possono quasi formare due squadre di qualità, ma abbiamo studiato la loro strategia e siamo preparati. Vogliamo andare avanti, l'anno scorso ci fermammo a questo stesso punto".

Sulla partita e la strategia: "Conosciamo il valore del Napoli, ma il calcio è un mistero e la cosa bella è che ci sono tre risultati a disposizione. Si gioca con andata e ritorno e la migliore strategia è vincere senza subire gol".

Sulle tante assenze: "Abbiamo indisponibili e squalificati, posso avere a disposizione 14 giocatori per domani ma tutti daranno comunque il massimo".

La squadra soffre in difesa ed il Napoli è molto forte davanti "La difesa non riguarda solo i difensori, ma tutta la squadra e vedrete che domani difenderemo bene".

Lontani in campionato, fuori dalla Coppa, resta solo l'Europa League. C'è pressione? "Noi combattiamo anche in campionato e tranne due sconfitte sfortunate stiamo andando benissimo. Ora siamo in Europa e vogliamo proseguire il cammino".

Undici anni fa lei affrontò il Valencia di Benitez che diventò campione. Può accadere lo stesso col Napoli? "Nel calcio può succedere di tutto, ma quella squadra all'epoca era fortissima. Ora magari la sorpresa la facciamo noi". giocatore: "Sì, avremo delle assenze, ma tutti i giocatori del Trabzonspor sono forti e chi scenderà in campo farà bene".

Pandev, Dzemaili e Prandelli hanno consolidato il rapporto tra i due paesi? "Purtroppo hanno giocato poco, anche Prandelli è andato via, ma tanti allenatori in passato ci hanno dato tanto".

Europa League