Europa League, Markevych ci crede: "Sarà dura, ma il Dnipro andrà in Finale"

Myron Markevich, allenatore del Dnipro, ha presentato in conferenza stampa la semifinale di ritorno dell'Europa League, che vedrà opposta alla squadra ucraina il Napoli di Rafa Benitez. L'allenatore ucraino è molto fiducioso: "Non siamo quelli dell'andata. Domani i miei ragazzi faranno una grande partita"

Europa League, Markevych ci crede: "Sarà dura, ma il Dnipro andrà in Finale"
Europa League, Markevych ci crede: "Sarà dura, ma il Dnipro andrà in Finale"

La partita della vita. Sarà quella che andrà in scena domani sera a Kiev tra Dnipro e Napoli. E Myron Markevich, allenatore della squadra ucraina, ne è piuttosto consapevole. Dopo l'1-1 dell'andata, viziato dal goal di Seleznyov, segnato in netto off-side, il Dnipro farà di tutto per arrivare al traguardo, la finale di Varsavia.

Alla squadra ucraina potrebbe bastare anche lo 0-0, ma l'allenatore del Dnipro sa che la "Dea Bendata" passa una sola volta, e che quindi non potrà disputare una partita simile a quella dell'andata, dove i tiri del Napoli in porta superarono la dozzina: "I miei ragazzi possono giocare meglio di quanto fatto al San Paolo, dove non sono riusciti a mostrare le loro qualità migliori. Soprattutto nel secondo tempo, quando loro ci hanno premuto dentro la nostra area di rigore, segnando un goal e mettendoci in difficoltà. Non possiamo giocare così". Dovrà quindi fare tutta un'altra partita rispetto all'andata il Dnipro"Naturalmente siamo tutti consapevoli dell'importanza della partita, giocatori e staff tecnico. Ma dobbiamo giocare meglio rispetto all'andata. Il Napoli non è una squadra facile da affrontare ma, se saremo alla loro altezza, andrà tutto bene".

Markevych preferisce non dare peso agli alti e bassi della squadra di Benitez sul palcoscenico nazionale: "La scorsa settimana il Napoli ha spinto molto, in campionato non si giocano quanto si giocheranno domani, sarà una partita difficile". Sul gol di Seleznyov dell'andata: "Fuorigioco? Meglio parlare di calcio, le decisioni controverse ci saranno sempre. Potevamo lamentarci anche noi per l'arbitraggio ma non l'abbiamo fatto".

Infine Markevych si sofferma sulle sensazioni: "Se è la gara più importante della mia carriera? Ce ne sono state tante, spero che non sia l'ultima e che ce ne possano essere tante altre".

Insieme al tecnico ucraino, è intervenuto anche Douglas, che mette in guardia i suoi compagni di squadra dal Pipita Higuain"E' un attaccante di alto livello, che sa essere sempre pericoloso, non dobbiamo dargli troppo spazio. Ma non c'è solo l'argentino, tutto il Napoli è forte". Servirà un Dnipro diverso rispetto alla gara del San Paolo: "Nel secondo tempo abbiamo sofferto troppo, domani dovremo cercare di rendere la vita più difficile ai nostri avversari"

Conclude poi il difensore brasiliano: "E' bello vedere che il tuo rendimento viene apprezzato ma il merito è dell'intero gruppo. Siamo concentrati soltanto sulla partita, vogliamo mostrare le nostre migliori qualità". 

Adesso toccherà al campo dire chi la spunterà tra Dnipro e Napoli, ma una cosa è certa, entrambe le squadre faranno di tutto per raggiungere Varsavia.