Mourinho al nuovo esame belga. Solo l'EL può salvare la stagione dello United

Manchester United e Anderlecht si riaffrontano all'Old Trafford con una qualificazione in precario equilibrio. All'andata, a Bruxelles, nel catino infuocato del 'Constant Vanden Stock', la sfida terminò 1-1.

Mourinho al nuovo esame belga. Solo l'EL può salvare la stagione dello United
Mourinho al nuovo esame belga. Solo l'EL può salvare la stagione dello United

 

Dopo una settimana, di nuovo una contro l'altra a battagliare per un posto 'al sole', un posto in semifinale di Europa League. Discorso qualificazione totalmente aperto tra Manchester United ed Anderlecht, in quanto, la gara d'andata, è terminata in perfetta parità, 1-1 con le reti di Henrikh Mkhitaryan per il vantaggio ospite nel primo tempo, ed il pareggio, acciuffato in zona 'Cesarini' dai belgi grazie ad un colpo di testa di Leander Dendoncker. Lo United, favorita numero uno per la vittoria finale, dovrà far valere il fattore casa per avere la meglio di un avversario apparso in alcuni frangenti della sfida d'andata addirittura superiore ai Red Devils, soprattuto grazie alle scorribande degli esterni offensivi, in primis quelle sulla sinistra di Frank Acheampong. Josè Mourinho dovrà ricorrere alle qualità balistiche dei propri uomini migliori, soprattutto in quelle di Paul Pogba e di Zlatan Ibrahimovic, per scardinare il muro 'bianco e malva' e guadagnarsi il pass per le semifinali.

QUI MANCHESTER UNITED: Il tecnico dello United, Josè Mourinho, dovrà rinunciare a molti suoi calciatori, infatti saranno assenti Mata, Smalling e Jones. Dopo aver provato a lungo anche la difesa a tre, il trainer portoghese dovrebbe optare nuovamente per lo schieramento difensivo a quattro e dunque disegnare la propria squadra con il 4-2-3-1. In porta Romero, e non De Gea, mentre davanti a lui la linea difensiva sarà composta, con ogni probabilità, da Valencia, Bailly, Rojo ed il nostro connazionale Darmian, favoriti su Shaw. In mediana potrebbe ritrovare spazio Carrick accanto al belga Fellaini. Davanti, alle spalle di Zlatan Ibrahimovic, intoccabile, agirà il terzetto tutto tecnica, forza fisica e fantasia composto da Young, Pogba e Mkhitaryan. Restano in preallarme sia Rashford che Martial, i quali, pungolati alla vigilia da Mou, se non dovessero partire dal 1' minuto, verranno sicuramente inseriti in campo a gara in corso.

QUI ANDERLECHT: I belgi hanno tutta l'intenzione di approcciare la sfida dell'Old Trafford con un atteggiamento piuttosto difensivo. L'allenatore Renè Welier è deciso nel varare un prudente 4-5-1, raccolto, con il chiaro scopo, obiettivo di arginare il più possibile le innumerevoli bocche di fuoco dell'attacco avversario. In fase di possesso palla, e qualora dovesse servire un atteggiamento più offensivo, il camaleontico sistema di gioco di Weiler può trasformarsi in un 4-2-3-1 elastico. Tra i pali ci sarà il ritorno di Ruben ed in difesa la linea a quattro vede Appiah e Acheampong terzini a destra e sinistra, con la coppia centrale, confermata, composta da Mbodj e Nuytinck. Nel folto centrocampo ci saranno Bruno e Chipciu, in pole sull'ex Genoa Capel, sulle ali, con Dendoncker, Tielemans e Stanciu a fare legna nel mezzo. Davanti l'ariete Teodorczyk avrà l'arduo compito di far reparto da solo.

Queste le probabili formazioni:

Manchester United (4-2-3-1): Romero; Valencia, Bailly, Rojo, Darmian; Carrick, Fellaini; Young, Pogba, Mkhitaryan; Ibrahimovic. Allenatore: José Mourinho.

Anderlecht (4-5-1): Ruben; Appiah, Mbodj, Nuytinck, Acheampong; Bruno, Tielemans, Dendoncker, Stanciu, Chipciu; Teodorczyk. Allenatore: René Weiler.

Calcio d'inizio alle ore 21:05 allo Stadio 'Old Trafford'. Arbitro: Alberto Undiano Mallenco (Spa).