Europa League, Besiktas-Lione: parola al campo

Si riparte dal 2-1 per i francesi e dalla doppia diffida di due anni inflitta dall'Uefa per i disordini dell'andata. Alla Vodafone Arena vietato sbagliare, in tutti i sensi.

Europa League, Besiktas-Lione: parola al campo
Fonte immagine: Eurosport

Dopo i disordini dell'andata, con gara ritardata di vari minuti a causa di qualche storia tesa sugli spalti tra le tifoserie, l'Uefa ha deciso di diffidare Besiktas e Lione per i prossimi due anni: dovessero ripresentarsi disordini, scatterebbe la squalifica per un anno dalle coppe europee. "Una decisione che rispettiamo", ha affermato il presidente dei francesi Aulas. Questa sera, alla Vodafone Arena di Istanbul, la tensione sarà però altissima, perché in programma c'è il ritorno dei quarti di finale di Europa League tra le due compagini. Trasferta vietata ai tifosi francesi, non poteva essere altrimenti dopo i fatti del Parc OL di sette giorni fa. Per una sera, però, l'unico pensiero dovrà essere il campo, perchè in palio c'è un posto tra le migliori quattro dell'Europa League.

Il caos della gara d'andata, con i tifosi del Lione scesi in campo per evitare il lancio di oggetti dei Turchi dagli anelli superiori. | Fonte immagine: Foot01
Il caos della gara d'andata, con i tifosi del Lione scesi in campo per evitare il lancio di oggetti dei Turchi dagli anelli superiori. | Fonte immagine: Foot01

Qui Besiktas

Senol Gunes deve affrontare alcuni problemi di formazione, a partire dalle squalifiche di Marcelo e Vincent Aboubakar, passando per l'infortunio di Quaresma. L'attacco, nell'ideale 4-2-3-1 che dovrebbe essere messo in campo, sarà guidato ancora una volta da Cenk Tosun, con alle sue spalle il trio composto da Ryan Babel a destra, Anderson Talisca al centro, Adriano a sinistra, con il solo Sismanoglu a rappresentare un'alternativa credibile in avanti dalla panchina.

In mezzo al campo verosimilmente avrà spazio capitan Ozyakup, con vicino a lui Atiba Hutchinson, anche se Arslan e Uysal premono per trovare una maglia da titolare. In difesa, invece, la squalifica di Marcelo dovrebbe costringere Gunes ad accentrare Tosic e inserire Beck sulla corsia di sinistra, completando il reparto composto da Gonul a destra e Mitrovic in mezzo. Resta valida anche l'ipotesi di arretramento per Uysal. Tra i pali, sicuro del posto Fabricio, nonostante l'errore clamoroso dell'andata.

L'undici di Gunes
L'undici di Gunes

Qui Lione

Solamente due gli indisponibili per Bruno Genesio, entrambi in difesa. Sulla destra non ci sarà lo squalificato Rafael, mentre al centro è in forte dubbio la presenza di Mammana per un problema muscolare. Il tecnico non dovrebbe comunque aver troppi dubbi sui sostituti designati: la scelta dovrebbe ricadere su Jallet per il ruolo di terzino destro e per Yanga-M'Biwa per quello di centrale al fianco di Diakhaby. A sinistra, per completare il reparto davanti a Lopes, campo per Jeremy Morel.

Importantissimo è il rientro a centrocampo di Maxime Gonalons: il capitano dell'OL riprenderà il proprio posto da barometro centrale, affiancato dai soliti Tolisso e Tousart. Rispetto all'andata si va verso il cambio di modulo, passando al 4-3-2-1 con un centrocampista in più. Dovrebbe infatti essere uno tra Ghezzal e Valbuena a fare spazio a Gonalons. Si inserisce nella discussione anche Cornet, il quale potrebbe soffiare il posto ai due sopracitati per comporre l'attacco insieme a Fekir e Lacazette, gli intoccabili.

Le scelte di Genesio

Calcio d'inizio della partita alle ore 21.05, alla Vodafone Arena di Istanbul. Arbitra il serbo Milorad Mazic.