Europa League - L'Everton non può sbagliare: a Goodison Park arriva l'Hajduk Spalato

Si comincia alle 20:05: i Toffees hanno dei dubbi sulla formazione da schierare all'inizio, ma ripartono dal condottiero Wayne Rooney. I croati puntano invece su un 4-3-3.

Europa League - L'Everton non può sbagliare: a Goodison Park arriva l'Hajduk Spalato
Fotomontaggio Vavel Italia | Andrea Mauri

È già iniziata da alcuni giorni la stagione dell'Everton. Gli inglesi, come d'altronde tutte le squadre della massima lega nazionale del loro Paese, hanno iniziato con anticipo la stagione rispetto alle squadre della maggioranza degli altri campionati europei: lo hanno fatto bene, vincendo per 1-0 sul campo dello Stoke, con la firma del più atteso fra i nuovi acquisti, ovvero Wayne Rooney. Tuttavia, la squadra della Merseyside non può fermarsi: adesso c'è un altro appuntamento di fondamentale importanza e che potrebbe sterzare, in un certo senso, la stagione.

Oggi iniziano infatti i preliminari d'Europa League ed i blu saranno impegnati, in casa, contro l'Hajduk Spalato. Un incontro sulla carta senza possibilità per gli ospiti, ma che dovrà essere disputato con la massima attenzione dagli uomini di Ronald Koeman: è bene ricordare che la formidabile campagna acquisti dei Toffees ha sicuramente rinforzato la squadra, ma in questo piccolo frangente della stagione potrebbe anche sgretolare l'unità della stessa a causa di quel famoso periodo di ambientamento che diversi elementi stanno attraversando proprio in queste settimane.

Dall'altro lato, c'è una squadra come quella croata che ha anch'essa acquistato diversi elementi in estate - ben 8 - ma che con l'organizzazione impostata dallo spagnolo Joan Carrillo dovrebbe riuscire ad avere meno problemi. Gli slavi sono una squadra dalla tendenza particolarmente offensiva e che puntano ad una costruzione dal basso molto efficace: l'acquisto più rumoroso è stato infatti effettuato in difesa, dove è arrivato Borja Lopez, centrale scuola Barcellona. L'uomo da seguire con più attenzione sarà invece Nikola Vlasic, interessantissimo trequartista dalla tecnica cristallina.

I padroni di casa, comunque, hanno certamente dei "profili da seguire" più noti. Le attenzioni è ovvio che ricadranno principalmente sul già decisivo Wayne Rooney, ma potrebbe anche esserci spazio dal 1' per Sandro Ramirez, un altro ragazzo particolarmente interessante a livello tecnico. In ogni caso le scelte di formazione dell'allenatore locale dovrebbero ruotare attorno ad un'altra scelta: quella del modulo. Con la difesa a 3, il manager schiererebbe Williams al fianco di Keane e Jagielka con l'avanzamento di Baines a laterale di centrocampo; viceversa, con il 4-3-2-1 ci sarebbe Martina a muoversi da esterno basso a destra. Se lo schieramento fosse il 3-5-2, inoltre, Mirallas farebbe al contempo spazio a Calvert-Lewin sulla corsia di destra; per ora, comunque, con tutte le probabilità vedremo un 4-3-2-1 per gli inglesi.

Dall'altro lato il mister iberico ha pochi dubbi: nel 4-3-3, con praticamente tutti gli effettivi a disposizione, non dovrebbero esserci grosse novità.

Le probabili formazioni

Everton (4-3-2-1): Pickford; Martina, Keane, Jagielka, Baines; Gueye, Schneiderlin, Davies; Rooney, Mirallas; Sandro Ramirez.

Hajduk Spalato (4-3-3): Letica; Fomitschow, Nizic, Borja Lopez, Juranovic; Barry, Radosevic, Gentsoglu; Vlasic, Ohandza, Pesic.