Europa League: buona la prima del Villarreal, Astana battuto 3-1

Una prestazione importante, per i ragazzi di Escribà, che superano senza problemi la timida Astana, pericolosa comunque da corner. Sansone apre le danze, Bakambu e Cheryshev le chiudono. In mezzo, la rete di Logvinenko, che illude i kazaki.

Europa League: buona la prima del Villarreal, Astana battuto 3-1
Source photo: profilo Twitter Villarreal
VILLARREAL
3 1
ASTANA
VILLARREAL: Barbosa; Mario Gaspar, Bonera, Ruben Semedo, Jaume Costa; Castillejo (Suarez, min. 87), Rodrigo Hernandez, Trigueros, Fornals (Cheryshev, min. 75); Unal, Sansone (Bakambu, min. 70).
ASTANA: Eric; Postnikov, Logvinenko, Anicic, Shomko; Beysebekov (Tagybergen, min. 88), Mayevskiy, Grahovac, Muzhikov (Shitov , min. 85); Twumasi; Murtazaev (Tomasov, min. 67).
SCORE: 1-0, min. 16, Sansone. 1-1, min. 68, Logvinenko. 2-1, min. 75, Bakambu. 3-1, min. 77, Cheryshev.
ARBITRO: Srdjan Jovanović (SRB). Ammoniti: Logvinenko (min. 57), Gaspar (min. 89).
NOTE: Estadio de la Cerámica, gara valida per i gironi di Europa League 2017/18.

Inizia benissimo il cammino del Villarreal in Europa League. I ragazzi di Escribà, contro un'Astana volenterosa ma di fatto inferiore sotto il profilo tecnico, impongono il loro gioco rischiando poco, subendo l'unica rete kazaka da corner e marcando tre goal con Sansone, Bakambu e Cheryshev. In vista delle prossime sfide, gli spagnoli potranno far leva dunque sul positivo esordio, puntando senza troppi problemi al primo posto del girone. 

Padroni di casa che scendono in campo con il solito 4-4-2: davanti a Barbosa, retroguardia a quattro composta da Mario Gaspar, Bonera, Ruben Semedo e Jaume Costa. Zona centrale del campo sorvegliata da Trigueros e Rodrigo Hernandez, affiancati dai centrocampisti di fascia Castillejo e Fornals. Completano l'undici di Escribà, Nicola Sansone ed Unai. Un più coperto 4-4-1-1, invece, per gli ospiti, che si affidano a Murtazaev in avanti, supportato da Twumasi.  Eric in porta, con il duo Logvinenko-Anicic a protezione. Sulle fasce di difesa, Postnikov e Shomko, incaricati di sovrapporsi ai centrocampisti Mayevskiy e Grahovac. Ai lati dei due centrali, infine, Beysebekov e Muzhikov

Sfida subito molto intensa, da parte del Sottomarino Giallo,  che già al 2' potrebbe passare in vantaggio grazie a Samu Castillejo, il cui tiro viene respinto da Eric. Sulla ribattuta, Mario Gaspar non trova lo specchio della porta. L'idea dell'esterno di casa è solo il preludio ad una costante superiorità degli spagnoli, molto attivi sulle fasce e spesso pericolosi al momento di tentare precisi filtranti per il duo Sansone-Unai, sempre pronti a tentare il guizzo decisivo. Dopo una serie di potenziali occasioni, il goal si tramuta in atto al minuto numero sedici, quando è proprio Nicola Sansone a raccogliere un passaggio lungo di Costa e a concludere col mancino, piazzando la palla sotto i piedi di un disattento Eric, non precisissimo al momento di sventare la conclusione dell'ex Sassuolo, affatto irresistibile. Il numero 18 di casa è in assoluto il più pericoloso dei suoi, sempre pronto a scattare sulla linea dei difensori e a creare scompiglio nella trequarti avversaria.

Al 24' altra interessante conclusione della seconda punta, sventata senza problemi da Eric. Per meglio aprire le maglie della difesa avversaria, comunque, gli spagnoli puntano al palleggio nello stretto, approfittando di eventuali spazi lasciati dai kazaki. Al minuto numero ventisei,  a conclusione di una buona trama, è Castillejo a concludere, trovando però la decisa risposta del portiere ospite. Finalmente, due giri d'orologio dopo, si mette in luce l'Astana con Twumasi, la cui idea viene ottimamente respinta da Barbosa. Alla mezz'ora è ancora Twumasi pericoloso, il portiere di casa si conferma però in forma. L'ultima azione di un divertente primo tempo capita sui piedi di Murthazayev, che al trentottesimo prende il tempo a Ruben Semedo ed entra in area, colpendo di testa e venendo però disinnescato da un attentissimo Barbosa, la cui parata conclude di fatto le ostilità della prima frazione.  

Secondo tempo che vede l'Astana più pimpante, con Murthazayev che al 55' non si conferma lucido, mandando fuori una ghiottissima chance da ottima posizione. Sette minuti dopo, invece, è la volta di Muzhikov, che di testa manca di precisione, mandando alta la propria conclusione. L'atteggiamento propositivo degli ospiti porta alla fine ad uno scossone del match, che al 68' torna in parità. Autore dell'importante 1-1, Logvinenko, che da corner ringrazia Twumasi e batte Barbosa, riportando sui binari dell'equilibrio la sfida. Poco male, comunque, per i padroni di casa, che forti di una mentalità vincente e rodata per queste competizioni riesce non subiscono il pareggio, riportandosi celermente in avanti alla prima, vera, occasione della seconda frazione.

Autore del secondo vantaggio spagnolo, Bakambu, che da subentrato marca la sua prima rete in questa Europa League unendo possanza fisica a precisione sotto porta. Il portentoso attaccante infatti, dopo un contrasto con un difensore, ha la forza di rialzarsi, completando la sua progressione e lasciando partire un destro imparabile per l'incolpevole Eric, costretto a raccogliere il pallone alle sue spalle. La rete subita abbatte l'Astana che, complice anche la stanchezza di una sfida a ritmi altissimi, subisce anche il 3-1 di Cheryshev, altro subentrato abile a mettere in rete di spaccata il cross basso di Hernandez. Complici anche i molti cambi, la sfida non si scuote più fino al novantesimo, con buona pace del pubblico de l'Estadio de la Cerámica. Migliore in campo per i padroni di casa, Sansone. Per gli ospiti in evidenza Twumasi