Serie A, il quadro della 25esima giornata

Sfide di alta classifica caratterizzano questo weekend: comincia il Milan sul campo del Chievo, chiude il big match Roma-Juve lunedì sera, passando per Inter-Fiorentina e Napoli-Torino.

Serie A, il quadro della 25esima giornata
Serie A, giornata 25: il quadro generale

Si ritorna in campo, dopo le gioie europee della settimana, nel campionato nostrano. Una giornata di Serie A che si prospetta interessantissima, tra match di alta classifica e scontri salvezza. Tutte partite interessantissime, di fatto, le nove che si giocheranno: già, solo nove, non dieci, visto che la sfida tra il disastrato Parma (il cui problema pare lontanissimo da una soluzione) e il Genoa è stata ufficialmente rimandata a data da destinarsi. In ogni caso, ce n'è abbastanza da divertirsi, e nemmeno poco. Le partite inizieranno tutte con 15 minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito: decisione dell'associazione calciatori ovviamente legata al caso-Parma.

CHIEVO - MILAN (sabato, ore 21)

Apre il programma, stasera, il Milan, impegnato sul campo del Chievo: se gli ospiti possono gioire dopo la vittoria della scorsa giornata, lo stesso non possono fare i padroni di casa, costretti a riprendersi dopo il 3-0 contro l'Empoli. Dubbi per Maran, che non ha ancora scelto se andare col 4-4-2 (più probabile) o col 3-5-2: si giocano il posto Birsa e Cesar, con Mattiello outsider. Davanti, Meggiorini-Paloschi. Inzaghi, che ritrova Diego Lopez tra i pali, opta invece per il classico 4-3-3, e ritrova Destro, che compone il tridente con Menez e Bonaventura. La lista degli infortunati resta lunghissima, anche se il recupero di Mexes è molto importante per la difesa: il francese potrebbe soffiare il posto a Bocchetti.

Chievo (4-4-2): Bizzarri; Schelotto, Gamberini, Dainelli, Zukanovic; Birsa, Izco, Radovanovic, Hetemaj; Paloschi, Meggiorini. All.: R. Maran.

Milan (4-3-3): Diego Lopez; Bonera, Alex, Bocchetti, Antonelli; Poli, De Jong, Montolivo; Bonaventura, Destro, Menez. All.: F. Inzaghi.

CAGLIARI - VERONA (domenica, ore 12.45)

Scontro salvezza fondamentale quello di domani alle ore 12, dove si affrontano Cagliari Verona, squadre che non stanno emergendo e devono ritrovarsi. I sardi, attualmente terzultimi, optano per il classico 4-3-3, con M'Poku e Cossu alle spalle della punta (Cop favorito su Longo); stesso modulo anche per Mandorlini, che sente la panchina scottare ma riesce sempre a cavarsela. Unici dubbi relativi a Ionita e Lazaros.

Cagliari (4-3-3): Brkic; Dessena, Rossettini, Capuano, Avelar; Donsah, Conti, Ekdal; M'Poku, Cop, Cossu. All.: G. Zola.

Verona (4-3-3): Benussi; Pisano, Moras, Marquez, Brivio; Ionita, Tachtsidis, Hallfredsson; Jankovic, Toni, Lazaros. All.: A. Mandorlini.

ATALANTA - SAMPDORIA (domenica, ore 15.15)

Dopo l'odissea derby, la Sampdoria vuole dare continuità di rendimento, e per farlo dovrà trovare punti sul difficile campo dell'Atalanta, che nell'ultima giornata ha ben figurato sul campo della Juve, nonostante le tante assenze: Colantuono potrebbe rinunciare a Denis per lasciar spazio a Baselli sulla trequarti, alle spalle della punta Pinilla. Anche per Mihajlovic qualche cambiamento: davanti c'è il tridente con Eto'o, Muriel e Okaka. Squalificati Soriano, Eder e Obiang.

Atalanta (4-4-1-1): Sportiello; Benalouane, Masiello, Stendardo, Dramé; Gomez, Cigarini, Carmona, Emanuelson; Baselli; Pinilla. All.: S. Colantuono.

Sampdoria (4-3-3): Viviano; De Silvestri, Silvestre, Romagnoli, Regini; Duncan, Palombo, Acquah; Eto'o, Okaka, Muriel. All.: S. Mihajlovic.

CESENA - UDINESE (domenica, ore 15.15)

Quasi totale emergenza per Di Carlo, che vede il suo Cesena decimato in vista della gara contro l'Udinese, tra squalifiche e infortuni la situazione è nerissima, e il tecnico dovrebbe passare dunque al 4-3-1-2, con Brienza alle spalle di Djuric e Defrel. Stramaccioni invece conferma il classico 3-5-1-1: tutti disponibili, tranne Domizzi. Per il tecnico ex Inter c'è ancora qualche dubbio di formazione, legato in particolare a Bruno Fernandes, Badu e Guilherme.

Cesena (4-3-1-2): Leali; Perico, Krajnc, Capelli, Renzetti; Carbonero, De Feudis, Mudingayi; Brienza; Defrel, Djuric. All.: D. Di Carlo.

Udinese (3-5-1-1): Karnezis; Heurtaux, Danilo, Piris; Widmer, Guilherme, Allan, Badu, Pasquale; Bruno Fernandes; Di Natale. All.: A. Stramaccioni.

PALERMO - EMPOLI (domenica, ore 15.15)

Partita interessantissima quella che mette di fronte il Palermo di Iachini e l'Empoli di Sarri, due tra le squadre più divertenti del campionato, oltre che vere sorprese. Vuole continuare a tenere un buon ritmo la squadra di casa, che non può disporre di Barreto e Lazaar, ma recupera Rigoni e Maresca. Per gli ospiti si tratta solo di scegliere la coppia d'attacco, visto che difesa e centrocampo sono praticamente intoccabili: Maccarone (6 gol nelle ultime 5) ci sarà, al suo fianco potrebbe giocare Verdi.

Palermo (3-5-2): Sorrentino; Terzi, Gonzalez, Andelkovic; Morganella, Rigoni, Maresca, Quaison, Daprelà; Vazquez, Dybala. All.: G. Iachini.

Empoli (4-3-1-2): Sepe; Hysaj, Tonelli, Rugani, Mario Rui; Vecino, Valdifiori, Croce; Saponara; Verdi, Maccarone. All.: M. Sarri.

SASSUOLO - LAZIO (domenica, ore 15.15)

Il Sassuolo riceve i biancocelesti, che stanno tornando forti alla carica per il terzo posto. I nero-verdi sono usciti sconfitti dal San Paolo nonostante una prestazione dignitosa, mentre la Lazio deve continuare la striscia positiva dopo la vittoria col Palermo. Emergenza per la squadra di casa, soprattutto in difesa: ci si affiderà al tridente tutto italiano in avanti. Gli ospiti potrebbero non avere a disposizione Candreva a causa di una distorsione al ginocchio, mentre Klose potrebbe riposare lasciando spazio a Keita.

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Gazzola, Bianco, Acerbi, Longhi; Taider, Biondini, Missiroli; Berardi, Zaza, Sansone. All.: E. Di Francesco.

Lazio (4-3-3): Marchetti; Basta, De Vrij, Mauricio, Radu; Parolo, Biglia, Cataldi; Felipe Anderson, Mauri, Keita. All.: S. Pioli.

INTER - FIORENTINA (domenica, ore 18.15)

Due squadre fresche di passaggio del turno europeo si affrontano nel tardo pomeriggio di domani: sono l'Inter di Mancini, in netta crescita e con tre vittorie consecutive in campionato, e la Fiorentina, che è alla caccia di una prestazione importante per rilanciarsi ulteriormente in avanti. Dopo la partita di giovedì, ci sono ancora dubbi legati alla formazione nerazzurra: riguardano in particolare Juan Jesus, Guarin, Santon e Podolski. Rientri sicuri quelli di Handanovic e Shaqiri. Qualche dubbio anche per Montella, anche se difficilmente rinuncerà a Babacar e Salah davanti, mentre Borja Valero in mediana non ci sarà. Neto troverà spazio tra i pali, visto che Tatarusanu non sta bene.

Inter (4-3-1-2): Handanovic; Campagnaro, Ranocchia, Juan Jesus, Santon; Guarin, Medel, Brozovic; Shaqiri; Icardi, Podolski. All.: R. Mancini.

Fiorentina (4-3-3): Neto; Tomovic, Gonzalo, Savic, Pasqual; Kurtic, Badelj, Pizarro; Diamanti, Babacar, Salah. All.: V. Montella.

TORINO - NAPOLI (domenica, ore 21)

Al rientro dall'impresa del San Mames, il Torino in campionato trova il Napoli, che giovedì ha dovuto giocare più per formalità che per altro, dopo il 4-0 in trasferta la qualificazione era già in tasca. Situazioni totalmente diverse per le due squadre: i padroni di casa potrebbero non avere diversi uomini, affaticati dopo la partita in Spagna, e sono in dubbio Quagliarella, Maxi Lopez, Darmian, Farnerud e Moretti. Per gli ospiti invece ci sono tutti: in attacco rientra Higuain, mentre tra i pali confermato Andujar, ormai titolare fisso.

Torino (3-5-2): Padelli; Maksimovic, Glik, Moretti; Peres, Benassi, Gazzi, Farnerud, Darmian; Maxi Lopez, Quagliarella. All.: G. Ventura.

Napoli (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Albiol, Koulibaly, Strinic; David Lopez, Gargano; Callejon, Hamsik, Gabbiadini; Higuain. All.: R. Benitez.  

ROMA - JUVENTUS (lunedì, ore 21)

Il vero big match della giornata si gioca in stile inglese, monday night: all'Olimpico si sfidano Roma e Juventus, per un match che saprà dirci se il campionato è chiuso o se potrebbe riaprirsi, visto che per ora i 9 punti di vantaggio dei bianconeri e i pareggi dei giallorossi nelle ultime giornate stanno dando un segnale piuttosto chiaro. Garcia ha dubbi solo in difesa, visto che il centrocampo e l'attacco sono praticamente intoccabili: ballottaggio Astori-Yanga M'Biwa al centro e Torosidis-Florenzi a destra, con i secondi favoriti. Dal canto suo, Allegri non disporrà di Pirlo (out 3 settimane), ma ci sono dubbi anche su Pogba, che potrebbe non essere della partita: nel caso, possibile esordio di Sturaro. Davanti Morata favorito su Llorente.

Roma (4-3-3): De Sanctis; Florenzi, Yanga M'Biwa, Manolas, Holebas; Nainggolan, De Rossi, Pjanic; Ljajic, Totti, Gervinho. All.: R. Garcia.

Juventus (4-3-1-2): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Evra; Pogba, Marchisio, Vidal; Pereyra; Tevez, Morata. All.: M. Allegri.

Calcio