Il Sassuolo cade a San Siro, Di Francesco: "Il rigore? Non condivido l’espulsione"

L' allenatore degli emiliani al termine del match contro il Milan: "Fanno piacere i complimenti del presidente Berlusconi, ma sono dispiaciuto perché avevamo tenuto botta contro il Milan, nonostante l’inferiorità numerica"

Il Sassuolo cade a San Siro, Di Francesco: "Il rigore? Non condivido l’espulsione"
Il Sassuolo cade a San Siro, Di Francesco: "Il rigore? Non condivido l’espulsione"

 Il Milan vince 2-1 contro il Sassuolo, che cade in 10 soltanto nel finale. Meriti agli emiliani che giocano un'ottima gara ma resistono fino al minuto 86, quando Luiz Adriano firma il raddoppio rossonero. Di Francesco in conferenza stampa ha commentato la sconfitta a San Siro: "Il presidente Berlusconi ci ha fatto i complimenti perché meritavamo il pareggio. Nel finale di gara ci siamo abbassati, siamo calati anche a centrocampo, è venuto l'angolo che ha determinato il gol. Il rigore?Non so cosa dire, a me non piace la regola, non esiste penalizzare un giocatore che non ha fatto un intervento violento. Non si è visto bene, non ho visto un grande contatto. Per gli arbitri non è facile". 

Il tecnico dei neroverdi ha continuato ad analizzare il match: "Non mi permetto di criticare il lavoro del Milan, io vivo una società piccola ma grande, ci stiamo migliorando e stiamo avendo tanta continuità. Ovvio che faccio l'allenatore e c'è l'ambizione di poter migliorare. Il gol subito nel finale è da rivedere, alcune cose vanno allenate bene, c'è stato un errore di marcatura, e non deve accadere. Farò delle valutazioni anche da questo punto di vista. Facciamo allenamenti specifici almeno una volta a settimana". Infine: "Berardi mi ha chiesto il cambio, era arrivato fisicamente. Altrimenti avrei messo Domenico centravanti. Al di là dei cambi loro hanno messo 4 attaccanti ed era sempre uno contro uno, per questo ne ho messo un altro"


Share on Facebook