Il Carpi riabbraccia Castori: "Sono felice di essere tornato"

Giornata di vigilia, giornata di conferenza stampa per l'allenatore biancorosso: "Ho trovato un gruppo motivato, dei ragazzi seri e che hanno voglia di mettersi a disposizione. Sarà il campo a dare il suo responso”.

Il Carpi riabbraccia Castori: "Sono felice di essere tornato"
Il Carpi riabbraccia Castori: "Sono felice di essere tornato"

Il controribaltone in casa Carpi è stato servito qualche giorno fa: via Sannino ed ecco il ritorno di Castori che era stato cacciato dopo la sconfitta di Roma.  La neopromossa ha il bisogno estremo di fare punti per la salvezza, partendo subito da domani pomeriggio nello storico derby contro il Sassuolo.

Nella consueta conferenza stampa di vigilia, il neo tecnico ha ringraziato prima di tutto il popolo biancorosso: "Come ho trovato la squadra? Dopo una sola settimana di allenamento si fa fatica a giudicare la condizione generale. Di sicuro ho trovato un gruppo motivato, dei ragazzi seri e che hannovoglia di mettersi a disposizione. Sarà il campo a dare il suo responso. Sassuolo come possibile svolta? E’ necessario trovare quella serenità, quella spregiudicatezza tipica di chi non può che avere solo un atteggiamento positivo. Dobbiamo rincorrere le avversarie in classifica: ho detto ai ragazzi che dobbiamo fare come Valentino (Rossi, ndr). Parte ultimo ed è vero che può cadere, ma può anche farcela. Noi dobbiamo credere chepossiamo recuperare, senza fare, però, troppi proclami. Lavoriamo per ritrovare convinzione e fiducia. "

Il primo avversario di Castori sarà Eusebio Di Francesco che due stagioni fa ha vissuto una situazione molto simile sulla panchina del Sassuolo: “Di Francesco? E’ un allenatore bravissimo, ha fatto un percorso importante con il Sassuolo, la cui crescita ha la sua firma. E’ anche una persona perbene, un ragazzo che merita il successo che ha.  L’avversario è molto forte ed il fatto che sia un derby accresce l’interesse e l’attenzione da parte, soprattutto, delle tifoserie. Noi abbiamo il dovere di cercare di fare punti contro tutti, a prescindere dal valore tecnico dell’avversario”. Castori che conosce a menadito i suoi uomini: “Alla squadra ho fatto pochissimi discorsi questa settimana, perché li conosco e non c’è bisogno di farne. E’ meglio lavorare che parlare, sarà il campo a dare le risposte. Dobbiamo anche alleggerire quella pressione mentale che a volte crea paura, cosa che non possiamo permetterci in questo momento. Guardiamo la realtà: siamo ultimi in classifica, ma dobbiamo avere un atteggiamento positivo e fiducioso"


Share on Facebook